Passa ai contenuti principali

Film

  • Dark Shadows di Tim Burton: eccentrico
  • Hysteria di Tanya Wexler: un film ricco di vibrazioni
  • Casino Royale di  Martin Campbell: per gli amanti di Ian Fleming!
  • Mystic River di Clint Eastwood: molto bello...
  • Pina di Wim Wenders: magico
  • L'amore è eterno finchè dura di Carlo Verdone: veritiero
  • La banda dei babbi Natale di Paolo Genovese: simpatici attori
  • This must be the place di Paolo Sorrentino: multiforme
  • Tutta la vita davanti di Paolo Virzì: ironico
  • The figher di D.O.Russel: il ring e la vita
  • 127 ore di Danny Boyle: avventuroso e cruento
  • Il cigno nero di Aronofsky: conturbante
  • Vallanzasca di Michele Placido: milanese, noir e violento
  • Berlin Calling: bella la musica ma se ti scimmia, ti scimmia...
  • La ragazza del mio migliore amico: ci sono scene esilaranti
  • La verità è che non gli piaci abbastanza: simpatica commedia d'amore
  • Inception di Robert Nolan: semplicemente strordinario
  • The Buried: originale
  • The social network di D.Fincher: c'era una volta il mondo senza Facebook... e una notte arrivò Mark Zuckerberg
  • Il curioso caso di Bunjamin Button di D.Fincher: nella vita niente dura...
  • Andata più Ritorno di M.Ponti: una storia d'amore un po' sceeeema
  • Santa Maradona di M.Ponti: proviamo a sistemare le cose!
  • Morte a Venezia di L.Visconti: un film molto lento, ma molto intenso
  • Donne sull'orlo di una crisi di nervi di P.Almodovar: il cinismo femminile di Pepa, mi piaceee
  • Da zero a dieci di L.Ligabue: Rimini, Rimini...
  • Into the wild di S.Penn: per la quarta volta mi ha fatto piangere l'anima...
  • Lezioni di cioccolato: scemo ma simpatico...e solo per "Why can't I be you" dei Cure come colonna sonora si merita la sufficienza!
  • Buried. Sepolto: all'ultimo respiro
  • Inception: un capolavoro... onirico
  • L'uomo che fissava le capre: bha...
  • IRINA PALM: guardatelo, è bellissimo!
  • Ti presento i miei e Mi presenti i tuoi: ahahahahah, i film dell'estate!
  • Boys don't cry: shoccante
  • Iron man 2: bocciato
  • Kill Bill di Q.Tarantino: la mia seconda volta
  • Madadascar 2: semplicemente spassoso
  • Una canzone per Bobby Long di Shainee Gabel: il fascinoso mondo della Louisiana
  • Shutter Island di M.Scorsese: da uscirci pazzi! da vedere assolutamente
  • Alice in wonderland di T.Burton: che delusione!
  • Amabili resti di P.Jackson: triste, commovente ma ben realizzato
  • Up in the air di J.Reitman: una brillante e amara commedia americana
  • Il raggio verde di E. Rohmer: romantico ed esoterico
  • Role Models di David Wain: divertente
  • La principessa e il ranocchio di John Musker e Ron Clements (il film del mio compleanno): il ritorno del classico Walt Disney
  • Basta che funzioni di W. Allen (il primo film del 2010): a me è piaciuta la seconda parte
  • Le vite degli altri di Florian Henckel von Donnersmarck: una bella storia della Berlino Est
  • Shrek 3: esilarante
  • Bastardi senza gloria di Q.Tarantino: uno 'storico' Tarantino
  • The Millionaire di Danny Boyle: bollywoodiano
  • 300 di Zack Snyder: viuuuulentoo
  • Motel Woodstock di Ang Lee: una pregevole ricostruzione di quei mitici giorni
  • Il bell'Antonio di M.Bolognini: leggetevi il libro e poi ne riparliamo
  • Persona di I.Bergman: che scoperta Bergman!
  • Live! di B.Guttentag: bleah
  • L'avventura di M.Antonioni: mi manca ancora il finale per colpa di qualcuno...
  • Star Trek (2009): tira sempre
  • Forget Paris di B.Crystal: ah! le commedie d'amore...
  • Jerusalema di Ralph Ziman: profondo
  • Ils se sont tus di Benaissa: rumoroso
  • Surf's up: non ti stancheresti mai di guardarlo
  • The dangerous lives of Altar Boys di P.Care: adolescenziale e perciò immortale
  • Il settimo sigillo di I.Bergman: artistico
  • Cars: il film preferito dal mio primo nipote
  • Milk di Gus Van Sant: strepitoso Penn
  • The Spirit di F.Miller: fumettoso
  • La bella e la bestia: indimenticabile

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …