Passa ai contenuti principali

Wonderline per Expo Milano: una vela verso il Futuro

di Manuela Raganati

Wonderline torna per Expo a Milano!

Ed è subito energia e colore allo stato puro con una nuova scultura dedicata alla Creatività e a Milano, capitale del Design. Ancora da decidere dove sarà posizionata l'opera di Francesco Roggero e STUDIO ORIGINAL DESIGNERS 6R5 NETWORK.

Le forme sinuose e delicate della scultura Wonderline ricordano una grande vela spiegata nel vento del Futuro: allora perché non installare l'opera in un luogo giovane, pieno di idee, energie e spazi aperti come Città Studi, sede del Politecnico di Milano? Una zona sicuramente molto elegante e tranquilla che Wonderline potrebbe colorare e rallegrare con il suo potere espressivo.


Corre l'anno 2011, nella fantastica cornice del Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano. Wonderline è un affascinante percorso tra pittura, ceramica, musica, poesia e profumi. Suoni e colori in un'atmosfera multisensoriale.

Nel 2012 Wonderline porta allo Sporting Club Malaspina Colore e dimensioni M1xM1 con un tocco fiabesco e onirico. E' una mostra progetto dedicata all'estasi e al colore come radice dell'esistenza umana.

Sempre nel 2012, Wonderline viaggia nello spazio dei linguaggi e della comunicazione e approda al Pianeta Intelligente dove i colori sono sinestetici:

A occhi chiusi il mondo può diventare viola,
la musica verde, i profumi gialli, le emozioni bianche,
la velocità arancione, il silenzio nero, la paura turchese,
la passione verde acido, il gusto smeraldo la storia trasparente,
la realtà un caleidoscopio.
(Rita Alfano Roggero)

Ed ecco che il 2015 segna il grande ritorno di Wonderline per EXPO 2015.
Un grande Totem sinuoso materico che si staglierà con le sue forme nel cielo di Milano, alto 16 metri, come un palazzo di 5 piani. Simbolo del Design, della Moda e dei Colori.

IL PROGETTO
Un filo rosso unisce tutte le tappe di Wonderline: ricolorare le Città per trovare collegamenti tra Colori ed Emozioni. Questo è lo spirito in cui si muove WONDERLINE il movimento Artistico che da anni si ispira a Pablo Picasso e alla sua frase “i Colori come i Lineamenti seguono i cambiamenti delle Emozioni“.

In questo progetto si inserisce la nuova Grande Scultura WONDERLINE omaggio alla città di Milano in occasione di Expo 2015, ideata da Francesco Roggero con organizzazione dello STUDIO ORIGINAL DESIGNERS 6R5 NETWORK.

Realizzata dai Maestri della FONDERIA BATTAGLIA con una lega speciale segreta, appositamente studiata, in Bronzo effetto Acciaio lucido – e Bronzo colorato. Una forma sinuosa a doppia onda dall’effetto specchiato con 9 linee colorate solcate in bronzo colorato a riprendere i 9 colori WONDERLINE.

Colori WONDERLINE che si associano ognuno a una Emozione.
Forma che rappresenta il Design, Colori che rappresentano la Moda e la creatività,
Struttura che evoca la Progettualità Meneghina.
Forma in movimento per ritrovare il dinamismo dell’evoluzione nella nascita della natura e della vita. Forza dei materiali e dell’artigianalità delle nostre genti per ricordare al Mondo l’Italianità del nostro essere e il genio dei nostri Padri.

WONDERLINE: LA TEORIA DEL COLORE 
Colore come origine di sensazioni e interprete delle nostre origini, capace di stabilizzare il nostro essere e vivere nello spazio, nella natura, tra la gente. Colori in cui ci riconosciamo e con cui ci inseriamo, che ci trasmettono la vita, lo spazio.

Colori WONDERLINE che trovano un percorso affascinante, libero e intenso, per una sinergia tra varie dimensioni, per esplorare particolari tridimensionali della nostra vita.
Colori come frecce di luce che girano il modo con le nostre informazioni e creano architetture dinamiche in movimento.

La scultura WONDERLINE rappresenta nei nove colori delle nove fasce orizzontali in bronzo colorato la teoria dei colori Wonderline.

LUOGO: MILANO
Il luogo in cui verrà posizionata la scultura, è la Città di Milano. Per l’ubicazione, saranno valutate diverse opzioni interessanti. La Rivista online URBANFILE ha ipotizzato di ubicare la Scultura nella Piazza Gae Aulenti tra i grattacieli della Zona Garibaldi, altra ipotesi vede un possibile inserimento nella zona della Nuova Darsena dei navigli, o nella Piazza davanti la Stazione Centrale, o in una delle Entrate di Milano verso la zona dell’Expo, o nella zona di Citylife della vecchia Fiera, o nella tranquillità del Parco del Castello in centro a Milano.

E voi quale preferireste?




Per restare sempre aggiornato sull'argomento di questo post, puoi seguirmi su Twitter, su Facebook, su Google+ o su Pinterest. Se invece preferisci ricevere i post direttamente nella tua mail, aggiungiti agli altri lettori di BhoBlogqui. Grazie di essere passato/a di qua!

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …