Passa ai contenuti principali

Wonderline per Expo Milano: una vela verso il Futuro

di Manuela Raganati

Wonderline torna per Expo a Milano!

Ed è subito energia e colore allo stato puro con una nuova scultura dedicata alla Creatività e a Milano, capitale del Design. Ancora da decidere dove sarà posizionata l'opera di Francesco Roggero e STUDIO ORIGINAL DESIGNERS 6R5 NETWORK.

Le forme sinuose e delicate della scultura Wonderline ricordano una grande vela spiegata nel vento del Futuro: allora perché non installare l'opera in un luogo giovane, pieno di idee, energie e spazi aperti come Città Studi, sede del Politecnico di Milano? Una zona sicuramente molto elegante e tranquilla che Wonderline potrebbe colorare e rallegrare con il suo potere espressivo.


Corre l'anno 2011, nella fantastica cornice del Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano. Wonderline è un affascinante percorso tra pittura, ceramica, musica, poesia e profumi. Suoni e colori in un'atmosfera multisensoriale.

Nel 2012 Wonderline porta allo Sporting Club Malaspina Colore e dimensioni M1xM1 con un tocco fiabesco e onirico. E' una mostra progetto dedicata all'estasi e al colore come radice dell'esistenza umana.

Sempre nel 2012, Wonderline viaggia nello spazio dei linguaggi e della comunicazione e approda al Pianeta Intelligente dove i colori sono sinestetici:

A occhi chiusi il mondo può diventare viola,
la musica verde, i profumi gialli, le emozioni bianche,
la velocità arancione, il silenzio nero, la paura turchese,
la passione verde acido, il gusto smeraldo la storia trasparente,
la realtà un caleidoscopio.
(Rita Alfano Roggero)

Ed ecco che il 2015 segna il grande ritorno di Wonderline per EXPO 2015.
Un grande Totem sinuoso materico che si staglierà con le sue forme nel cielo di Milano, alto 16 metri, come un palazzo di 5 piani. Simbolo del Design, della Moda e dei Colori.

IL PROGETTO
Un filo rosso unisce tutte le tappe di Wonderline: ricolorare le Città per trovare collegamenti tra Colori ed Emozioni. Questo è lo spirito in cui si muove WONDERLINE il movimento Artistico che da anni si ispira a Pablo Picasso e alla sua frase “i Colori come i Lineamenti seguono i cambiamenti delle Emozioni“.

In questo progetto si inserisce la nuova Grande Scultura WONDERLINE omaggio alla città di Milano in occasione di Expo 2015, ideata da Francesco Roggero con organizzazione dello STUDIO ORIGINAL DESIGNERS 6R5 NETWORK.

Realizzata dai Maestri della FONDERIA BATTAGLIA con una lega speciale segreta, appositamente studiata, in Bronzo effetto Acciaio lucido – e Bronzo colorato. Una forma sinuosa a doppia onda dall’effetto specchiato con 9 linee colorate solcate in bronzo colorato a riprendere i 9 colori WONDERLINE.

Colori WONDERLINE che si associano ognuno a una Emozione.
Forma che rappresenta il Design, Colori che rappresentano la Moda e la creatività,
Struttura che evoca la Progettualità Meneghina.
Forma in movimento per ritrovare il dinamismo dell’evoluzione nella nascita della natura e della vita. Forza dei materiali e dell’artigianalità delle nostre genti per ricordare al Mondo l’Italianità del nostro essere e il genio dei nostri Padri.

WONDERLINE: LA TEORIA DEL COLORE 
Colore come origine di sensazioni e interprete delle nostre origini, capace di stabilizzare il nostro essere e vivere nello spazio, nella natura, tra la gente. Colori in cui ci riconosciamo e con cui ci inseriamo, che ci trasmettono la vita, lo spazio.

Colori WONDERLINE che trovano un percorso affascinante, libero e intenso, per una sinergia tra varie dimensioni, per esplorare particolari tridimensionali della nostra vita.
Colori come frecce di luce che girano il modo con le nostre informazioni e creano architetture dinamiche in movimento.

La scultura WONDERLINE rappresenta nei nove colori delle nove fasce orizzontali in bronzo colorato la teoria dei colori Wonderline.

LUOGO: MILANO
Il luogo in cui verrà posizionata la scultura, è la Città di Milano. Per l’ubicazione, saranno valutate diverse opzioni interessanti. La Rivista online URBANFILE ha ipotizzato di ubicare la Scultura nella Piazza Gae Aulenti tra i grattacieli della Zona Garibaldi, altra ipotesi vede un possibile inserimento nella zona della Nuova Darsena dei navigli, o nella Piazza davanti la Stazione Centrale, o in una delle Entrate di Milano verso la zona dell’Expo, o nella zona di Citylife della vecchia Fiera, o nella tranquillità del Parco del Castello in centro a Milano.

E voi quale preferireste?




Per restare sempre aggiornato sull'argomento di questo post, puoi seguirmi su Twitter, su Facebook, su Google+ o su Pinterest. Se invece preferisci ricevere i post direttamente nella tua mail, aggiungiti agli altri lettori di BhoBlogqui. Grazie di essere passato/a di qua!

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …