giovedì 13 novembre 2014

Paradisi Artificiali - La forma banale dell'originalità

Niente di meglio, per terminare questa lunga giornata di pioggia, di un kebab, un buon libro e dei Paradisi Artificiali dove evadere un po', lontano dalla Realtà! Passo, dunque, la Parola a Baudelaire!

"Per rendere ideale il mio argomento devo far convergere tutti i raggi in un unico cerchio, devo polarizzarli, è il cerchio tragico nel quale ti farò riunire sarà, come ho già detto, un'anima di mia scelta, qualcosa di analogo a quello che il XVIII Secolo definiva l'uomo sensibile, a quello che la scuola romantica chiamava l'uomo incompreso e a quello che le famiglie e la massa borghese infamano generalmente con l'epiteto di originale.

Un temperamento nervoso melanconico al tempo stesso favorisce maggiormente le evoluzioni di una simile ebbrezza; aggiungiamo anche una mente colta, esercitata nello studio della forma del colore; un cuore tenero, spossato dall'infelicità, ma ancora pronta rifiorire; giungeremo, se volete, fino al punto di ammettere antiche colpe, eciò che si deve dedurre in una natura facilmente eccitabile, se non vivi rimorsialmeno rimpianto del tempo profanato e malamente occupato.

Il gusto per la metafisica, la conoscenza delle diverse ipotesi filosofiche sul destino umano, non sono certo inutili complementi - non più che questo amore per la virtùuna virtù astratta, stoica mistica, che è enunciato in tutti libri di cui si nutre infanzia moderna, come la più alta vetta verso cui un'anima di valore possa aspirare.

Se si aggiunge a tutto questo una grande raffinatezza dei sensi, che ho messo come condizione supplementare, credo d'aver uniti i più comuni generali elementi dell'uomo sensibile moderno, di ciò che si potrebbe definire la forma banale dell'originalità."

Da "Il poema dell'hashish", p.105




Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates