Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2014

Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate

di Manuela Raganati

Ecco finalmente il tanto atteso Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate, il terzo capitolo della trilogia tratta dal romanzo di J.R.R. Tolkien per la regia di Peter Jackson. Preceduto da Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato (2012) e Lo Hobbit - La desolazione di Smaug (2013), esce oggi in Italia, con diverse prime proiezioni notturne nazionali in diverse sale a partire da mezza notte e un minuto. Il film è uscito oggi anche nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti.


Come sempre epico, forse questa volta anche di più, il mondo della Terra di Mezzo è teatro di una grandissima Guerra tra eserciti di nani, elfi, uomini, orchi e... Non faccio spoiler! 
Il ritmo frenetico della battaglia non consente molti focus sui personaggi. L'azione è predominante e i protagonisti  sfilano via come tante belle figurine in una ricca gallery, senza però lasciare troppo spazio alle emozioni. L'impressione è, infatti, che Jackson, per la troppa ansia di chiudere la trilogia…

Teatro: Canto di Natale allo Spazio Tertulliano

di Manuela Raganati

A Milano il Natale offre tante sorprese inaspettate! L'importante è saperle cogliere al momento giusto, quindi non vi fate scappare questo spettacolo teatrale tratto dal famosissimo Canto di Nataledi Charles Dickens.

Fabrizio Martorelli adatta e interpreta magistralmente lo spirito del racconto di Natale dickensiano dando vita ad un inedito monologo polifonico commovente e mai banale, diretto da Antonio Mingarelli. Dal 10 al 14 Dicembre 2014 allo Spazio Tertullianodi via Tertulliano 68 - Milano. Si consiglia la prenotazione telefonica/via mail o l'acquisto online.


A Christmas Carol è una delle storie più famose e commoventi sul Natale pubblicata da Charles Dickens nel 1843. Fabrizio Martorelli veste i panni dell'arido finanziere Ebenezer Scrooge, che pensa solo a sé stesso e considera il Natale come un'inutile perdita di tempo.

La sera della Vigilia di Natale riceve la visita di tre spiriti magici: il Natale del Passato, del Presente e del Futuro. A…

Natale - Giuseppe Ungaretti

NataleNon ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata
Qui
non si sente
altro
che il caldo buono
Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare.Giuseppe Ungaretti, 1916

La Moda: una stanza tutta per sé (da Fashion Issue)

Oggi ho letto una riflessione molto interessante di Giusi Ferrè su Fashion Issue - Io Donna (RCS). Riporto qui l'editoriale perché mi piace pensare alla Moda come ad una stanza tutta per me, dove poter creare la mia immagine in tutta libertà per portare alla luce parti sempre nuove e inedite di me stessa. E adoro che vengano citate le parole di Virginia Woolf! Insomma, datemi un posto tutto mio per fare disordine, scrivere, creare, giocare con le immagini, provare vestiti e scoprire nuovi lati di me: ecco, questo è il mio gioco preferito, che mi fa stare bene, riportandomi libera nella mia stanza di donna e bambina, allo stesso tempo.


"Talento infinito, visionaria eppure pratica, era Virginia Woolf a sostenere: "A woman must have money and a room of her own if she is to write a fiction". Una donna deve avere denaro e una stanza tutta per sé per poter scrivere

Ne era così fermamente convinta che diede proprio questo titolo, Una stanza tutta per sé al suo saggio for…

Harald Szeemann. L’arte di creare Mostre... E Vita

Harald Szeemann è stato il primo curatore indipendente di esposizioni d'arte, slegato dalle istituzioni museali, aperto all'avanguardia, internazionalmente riconosciuto come uno dei maggiori protagonisti dell'arte contemporanea.
Sto leggendo una biografia interessante, che si intitola Harald Szeemann. L’arte di creare Mostre che racconta come l'istrionico curatore, nel corso della sua lunga e intensa carriera, abbia lasciato un'impronta indelebile nel mondo dell'arte.

Harald Szeezman ha ideato e allestito più di duecento mostre numerose delle quali imprescindibili per la comprensione di alcuni snodi fondamentali dell’arte contemporanea solo per citarne alcune “Le Macchine celibi”, 1975, curata da Szeemann, che nasce sulla macchina celibe per eccellenza "il Grande Vetro di Duchamp” alla prima biennale d’Arte di Venezia del terzo millennio 2001 Platea dell’umanità.

Il libro indaga la singolare metodologia curatoriale di Szeemann e la sua continua ricerca in rel…

Paradisi Artificiali - La forma banale dell'originalità

Niente di meglio, per terminare questa lunga giornata di pioggia, di un kebab, un buon libro e dei Paradisi Artificiali dove evadere un po', lontano dalla Realtà! Passo, dunque, la Parola a Baudelaire!
"Per rendere ideale il mio argomento devo far convergere tutti i raggi in un unico cerchio, devo polarizzarli, è il cerchio tragico nel quale ti farò riunire sarà, come ho già detto, un'anima di mia scelta, qualcosa di analogo a quello che il XVIII Secolo definiva l'uomo sensibile, a quello che la scuola romantica chiamava l'uomo incompreso e a quello che le famiglie e la massa borghese infamano generalmente con l'epiteto di originale.
Un temperamento nervoso melanconico al tempo stesso favorisce maggiormente le evoluzioni di una simile ebbrezza; aggiungiamo anche una mente colta, esercitata nello studio della forma del colore; un cuore tenero, spossato dall'infelicità, ma ancora pronta rifiorire; giungeremo, se volete, fino al punto di ammettere antiche colpe…

Zucca grigliata

di Manuela Raganati

Ingredienti per 2 persone: 

1/4 di zuccaolioprezzemolorosmarinopeperoncinosale Halloween è passato ma la zucca è ancora la regina delle ricette di stagione!
Così, ieri sera, mentre vagavo senza idee al market, ho sentito il richiamo di un piatto facile, veloce, originale e gustosissimo: la zucca alla piastra.

Il lavoro più noioso è sicuramente sbucciare l'ortaggio: per fortuna, ho trovato in cucina un coltello ben affilato che mi ha permesso di tagliare più alla svelta. Ho rischiato di affettarmi le dita, ma è stato divertentissimo sperimentare qualcosa di nuovo che vi consiglio assolutamente!

Una volta tagliata a piccoli pezzetti sottili, ho buttato la zucca in una piastra pre-riscaldata lasciandola su fuoco medio per circa dieci minuti, stando però attenta a non bruciare troppo la polpa.

Nell'attesa, confesso che ero affamata, ho sgranocchiato qualche pezzetto di zucca cruda: non ci crederete, è molto fresca e rinfrescante, assomiglia un po' al melone, m…

Pasolini, un altro 2 Novembre

La notte del 02 Novembre torna ogni anno a ricordarci la fine del Pasolini Uomo e l'inizio del Pasolini Mito. 
Però rimane sempre tanta amarezza ripensando a quell'ultima notte, alle ultime ore nella sua amata Roma: l'Osteria Biondo Tevere, l'aria umida ma non fredda di inizio Novembre, forse le stelle in cielo, forse il buio in terra. Chissà quali altri progetti, chissà quali altre solitudini, lasciate nell'inchiostro dell'anima, sarebbero stati trasposti in opere e pensieri, passioni e ideologie...
Ed ecco che, come ogni anno, senza rassegnazione, riaffiora la Rabbia per aver perso, in modo così brutale e così ingiusto, una delle personalità più importanti di questa nostra povera Italia. 
La storia di Pasolini finisce così come i tanti "casi irrisolti", con un lungo processo archiviato senza colpevoli, senza responsabili, senza Giustizia. Anche se si è riaperto, non significa che verrà risolto.
Spesso mi chiedo cosa scriverebbe oggi a commento di ciò ch…

Welcome Home

di Manuela Raganati

Ciao a tutti,

come state?
E' tanto che non scrivo su Bho Blog, anzi è troppo che non scrivo su Bho Blog!
Sento una vocina dentro che si chiede: "C'è nessuno? C'è nessuno?"
Già, in questo momento, e non solo in questo momento, mi sento come una piccola particella di sodio nell'immenso mare della rete. Totalmente fluttuante, senza pretese, né aspettative.
Ma sono contenta di essere tornata a casa!



Per restare sempre aggiornato sull'argomento di questo post, puoi seguirmi su Twitter, su Facebook, su Google+ o su Pinterest. Se invece preferisci ricevere i post direttamente nella tua mail, unisciti agli altri lettori di Bho Blog qui.Grazie!

300 - L'alba di un nuovo Impero (in anteprima)

di Manuela Raganati

Il film 300 di Zack Sneyder ce lo ricordiamo tutti per le grandi e storiche battaglie riviste in chiave splatter e, diciamolo, noi donne ce lo ricordiamo anche per i memorabili muscolacci degli Spartani contro l'esercito persiano del dio dorato Serse.

Il sequel di Noam Murro 300- L'alba di un nuovo impero arriverà sul grande schermo il 6 Marzo 2014 e stasera me lo sono gustato in anteprima anche per voi!



L'alba di un nuovo Impero colpisce soprattutto per l'utilizzo ormai maturo del 3D, espediente che crea intensità soprattutto nelle scene più cruente, davvero al limite dello splatter... Astenersi deboli di stomaco!

Sangue, sangue in ogni dove! Notevoli e d'effetto le scene delle battaglie navali in alto mare, tra l'esercito persiano guidato dalla perfida Eva Green-Artemisia e l'esercito greco del bell'ateniese Sullivan Stupleton-Temistocle.

Alcuni particolari del film e certe scene fanno perdere ogni credibilità alla ricostruzione storica…

La Grande Bellezza: Roma, Sorrentino, Pasolini. Sguardi urbani

di Manuela Raganati

La Grande Bellezza ha vinto l'Oscar come Miglior Film Straniero, ma questo sicuramente già lo sapete. Condivido di seguito un articolo che ho scritto un po' di tempo fa sulla Roma di Sorrentino e la Roma di Pasolini.

Questo articolo è uscito sulla rivista digitale e-Mood #5 e sul blog della casa editrice GoWare. 
Leggi su EBOOKEXTRA

Un'altro piccolo pensiero, prima di lasciarvi leggere l'articolo.
Per me il film di Sorrentino vince soprattutto perché Roma è una città che significa Esistenza, Amore, Vita.

La Bellezza nella Città Eterna è viaggiare all'infinito su percorsi già tracciati, su strade già costruite, storie poi distrutte, su parole già scritte e immagini già riprodotte. Le metafore su Roma potrebbero sprecarsi, ma poi ci ritroveremmo come in un salotto borghese di una delle tante terrazze romane che si vedono nel film.

La Bellezza di Roma è autentica e, allo stesso tempo, effimera, è una pulsazione profonda e sotterranea che ti sembra di s…

Nove mesi, sette minuti, tutta la vita. Lettera di un padre: Andrea Melis

Facebook, a volte, ti fa dei regali inaspettati.  Facebook, a volte, permette di scoprire le voci più profonde degli uomini, grazie al suo potere più grande: la condivisione e la diffusione di "cose belle". 
Quando per caso arrivano a te le profonde parole di un padre innamorato della Vita e della Famiglia, ti commuovi perché non c'è respiro che non valga la pena di essere vissuto: 
Quanto sono profonde le cose lo capisci solo quando ti manca il fiato.
Oggi sul wall di un'amica ho letto questa bellissima lettera di Andrea Melis, pubblicata da Claudia Sarritzu su Globalist.it.  Prendetevi 5 minuti per leggere questa "cosa bella" perché "le cose importanti richiedono tempo" e "le cose belle meritano tempo".

Grazie Andrea Melis per aver diffuso questa lettera. 

Photo Credit: Schwangerschaft via Compfight
Le parole non nascono per caso. I nomi non nascono per caso.


Attendere. Quanto sono profonde le cose lo capisci solo quando ti manca il fiato.

Com…