Passa ai contenuti principali

Thor, recensione del film in anteprima

Ieri mattina sono andata a vedere l'anteprima di Thor, The dark word in 3D. 
Il cinema Orfeo dispone della sala più grande di Milano per le proiezioni in 3D, quindi la visione è stata piuttosto ottimale. Vi consiglio di tener presente questo cinema, se decidete di darvi a qualche film in 3D!
Thor è un eroe dai superpoteri, come tutti già sappiamo. L'abbiamo visto nei fumetti della Marvel, nel precedente Thor del 2011 e in Avangers. La nuova pellicola di Alan Taylor è co-prodotta dalla Marvel Studios e dalla Disney.

Il fim racconta gli eventi successivi alle vicende viste negli Avangers. Da WikipediaUn anno dopo The Avengers,[3] Thor sta combattendo per salvare tutti i Nove Regni da un misterioso nemico più antico dello stesso universo. Allo stesso tempo, una malvagia razza proveniente da Svartafalheimr (uno dei nove regni) , gli elfi oscuri guidata da Malekith, che cerca vendetta contro Asgard, vuole trascinare l'universo nell'oscurità. Di fronte ad un nemico ben più potente di Odino e di Asgard, Thor dovrà riunirsi a Jane Foster e poi liberare suo fratello Loki e prepararsi ad un pericoloso viaggio che lo costringerà ad un sacrificio estremo.[2]

A me questo Thor è piaciuto molto: il ritmo è avvincente, la trama mai noiosa, i personaggi sono costruiti bene, gli stacchi spaziali tra un mondo e un altro sono piacevolmente stranianti. 

Thor (Chris Hemsworth) è un belvedere per le ragazze, Jane (Natalie Portman) è la scienziata sexy che farà, ancora una volta, sognare gli amanti dei fumetti, Anthony Hopkins, nei panni di Odino, è davvero irriconoscibile. Loki è l'antagonista perfetto, che non smette mai di stupire, in negativo...

La scena più suggestiva è quella del funerale, nella notte di Asgard. Ovviamente non vi dirò di chi... NO SPOILER ;) 
Andatelo a vedere, consigliato!


Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …