Passa ai contenuti principali

Recensione libro: Foglie di tabacco di Marco Crestani

di Manuela Raganati




Foglie di Tabacco è una bellissima raccolta di racconti di montagna, immersa in un'atmosfera poetica, da assaporare lentamente come un buon whisky!

Tra le pagine di questo libro, si stagliano i paesaggi freddi e impervi del Canal di Brenta, una vallata stretta e angusta situata tra i monti della Valsugana, poco più in là dell'Altopiano di Asiago e il massiccio del Grappa. 

In questi territori, antiche zone di frontiera, nel corso dell'Ottocento, erano molto diffuse le attività di contrabbando, tra le quali il traffico illecito di foglie di tabacco. Tante famiglie, in quell'epoca, cercavano di guadagnare un po' di denaro in più, facendo attenzione ad evitare le strette maglie della guardia di finanza. 

Nei racconti di Marco Crestani, però, ad imporsi non è la storia (con la s maiuscola o minuscola), ma la vita (con la v maiuscola) dei personaggi, tutti ispirati a persone realmente esistite, e che, grazie a quest'opera, sopravvivono all'oblio delle mute e tristi carte giuridiche, e ancor più della morte. 

"Fuggevoli cronache", le definisce l'autore, appassionato di storia e letterature comparate, che ha lavorato sui processi ai contrabbandieri di tabacco, intentati dai tribunali di Bassano e Valstagna.

Foglie di tabacco è un progetto narrativo molto interessante perché offre, allo stesso tempo, un'inedita lettura del territorio, attraverso la ricostruzione poetica di storie umane. 

Gheno Nazzario, a pagina 133, "sogna di far il meccanico di navi": 
Per lui noi uomini non siamo fatti come una casa di legno o cemento, ma come una casa di mattoni. Siamo fatti di mattoni viventi e la nostra crescita è dovuta al fatto che questi mattoni viventi si dividono a metà, e che poi ogni metà cresce fino a diventare a sua volta un mattone intero. 
La Montagna, maestoso Altipiano che domina le vite degli abitanti della Valstagna, è lo scenario di queste storie di contrabbando e sopravvivenza. La condizione di Natura impera in ogni racconto, quasi fosse il vero antagonista da scalfire, ostacolo senza fine: un ambiente impervio, paludoso, arido, sferzato dal vento freddo, avvolto nella nebbia umida e oscura della notte. Temporali e piogge violenti, roccia e pendici scoscese, boschi e covoli: 
Se esistono luoghi peggiori di quelli nei pressi del Canal di Brenta, io non li ho ancora visti. (...) Le montagne si elevano fitte tra loro e il vento, soffiando, gira su stesso e forma dei turbini. Perciò la pioggia, portata dal vento, colpisce gli alberi da tutte le parti... 
L'uomo ne esce quasi sempre sconfitto, stanco, affaticato. I suoi sono solo frenetici gesti e azioni in un mondo troppo freddo, governato da ferree regole, le sue azioni di contrabbando sono solo piccole ribellioni, flebili sembianze di avventura e riscossa.

Nei 38 racconti risuonano piacevoli echi deleddiani, dallo stile tipicamente ottocentesco, che ben si addicono al contesto e allo sfondo storico delle vicende. Come si legge ne I primi raggi del sole, a pagina 107:
La cosa che piú colpiva di quella mattina era la calma. Gli antichi alberi e il fitto sottobosco splendevano un'ombra diffusa e piacevole. Si sentiva che in ogni angolo di quella parte di montagna tutto obbediva a ritmi ben precisi. Infrangevano il silenzio soltanto i rumori d'uno sbattere d'ali o certi vaghi fruscii sul terreno.
Foglie di tabacco è un'opera matura, ben scritta, con un impianto narrativo ben studiato, attraverso il quale traspare tutto l'amore per l'antropologia e la storia dell'autore.

Consiglio questo libro, pubblicato da Attilio Fraccaro Editorea chi ama le letture veloci, scattanti e piene di belle immagini. Un bel regalo di Natale per gli amanti della Montagna e della Poesia! 
Quando lavora, ogni tanto, sogna. Non ne può piú delle montagne che tutto il giorno le sbarrano la vista e pensa al mare e alla sua sabbia dorata. Pensa alle strida dei gabbiani di cui ha sentito parlare da Elisa, l'unica delle sue amiche a saper leggere...

Altre recensioni:
Cronache di anime perse | Il Consigliere Letterario
Foglie di Tabacco | Supermarketnordest

Intervista

Acquista



 Per restare sempre aggiornato sull'argomento di questo post, puoi seguirmi su Twitter, su Facebook, su Google+ o su Pinterest. Se invece preferisci ricevere i post direttamente nella tua mail, aggiungiti agli altri lettori di BhoBlog qui. Grazie della tua visita!

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …