Passa ai contenuti principali

Come vivevano i felici, Massimiliano Governi

di Manuela Raganati

Come vivevano i felici scorre via come un fiume in piena, la stessa piena che travolge per sempre la vita della famiglia Madoff, dopo che la più grande truffa finanziaria di tutti i tempi sarà scoperta dalla polizia e dai mass media.

Massimiliano Governi, Come vivevano i felici, Giunti, 2013
Scena dopo scena, il libro di Governi cerca di mettere a fuoco gli istanti e i momenti di questa vita famigliare in dissoluzione, come se una cinepresa spiasse e registrasse immagini, pensieri e parole senza filtri. La famiglia Madoff viene raccontata da una prospettiva inedita, quella del figlio maggiore di Madoff, che vive, da quando è bambino, situazioni piene d'angoscia, legate alla figura del padre.

I ripetuti flashback si susseguono di capitolo in capitolo e riportano a galla una verità frammentata e allucinata. Droga, soldi, ricchezza e potere: i nemici della famiglia Madoff sono più forti di qualsiasi altro sentimento di compassione e unione. Non c'è scampo per nessuno: quando il transatlantico affonda, tutti sprofondano con esso.

Nelle pagine di Massimiliano Governi si legge una storia moderna, liberamente riscritta, piena di affanno, violenza e tristezza. Il linguaggio è metallico come le atmosfere del libro, come le sbarre della prigione di Bernard Madoff.
Ogni episodio rivela i tratti misteriosi e contorti di ciascun personaggio: le loro azioni sono più espressive di qualsiasi parola.

La madre:
indossa un giacchino di volpe, occhiali da sole in oro rosa e pantaloni laceri di una tuta... Si sposta in fretta nei vari reparti, dà un'occhiata veloce agli scaffali, afferra le cose e le getta nel carrello.
 Il fratello:
il colorito della faccia grigiastro, gli occhi opachi come quelli di un pesce, la barba lunga fino a metà collo. Ha ancora il pigiama al contrario che portava l'ultima volta che l'ho visto.
Il padre:
rivolge lo sguardo allo specchietto, ci fissa con i suoi occhi incomprensibili, colore del fumo in una nebbia.
Il narratore:
Azzero l'audio. Quelle parole sono come martellate. Il viso, il cranio, lo stomaco, tutto mi duole per la tensione, la mandibola mi trema.  
Non mi stupirei se questo libro diventasse presto un film: forse, grazie al mezzo cinematografico, si potrebbero approfondire maggiormente certe relazioni tra i personaggi e si potrebbero ricreare meglio certe scene, che nel libro rimangono fin troppo sospese.

Come vivevano i felici è uscito per Giunti il 25 Settembre 2013 ed è disponibile anche in ebook!
Un libro consigliato agli amanti delle storie brevi ma intense! Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!

Leggi altre recensioni del libro:
Finzioni Magazine
Affari Italiani
Toylet Mag

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …