mercoledì 30 ottobre 2013

Autunno, le foglie, i cambiamenti

di Manuela Raganati


Foglie in città (Fonte La Repubblica.MILANO.it)


Per restare sempre aggiornato sull'argomento di questo post, puoi seguirmi su Twitter, su Facebook, su Google+ o su Pinterest. Se invece preferisci ricevere i post direttamente nella tua mail, aggiungiti agli altri lettori di BhoBlog qui. Grazie di essere passato/a di qua!
Read More

martedì 22 ottobre 2013

Il colore del tè di Hannah Tunnicliffe



Arriva in libreria Il colore del tè di Hannah Tunnicliffe, 320 pp., Sonzogno, 18 euro.

Macao è una Las Vegas d'Oriente, con la sua umanità chiassosa, i profumi esotici, il denaro che scorre a fiumi. Ma per Grace Miller, che vi si è appena trasferita con il marito, il primo impatto è desolante: la città le è aliena e lei, con i suoi esuberanti capelli rossi, quando passeggia per strada si sente un pesce fuor d'acqua. E l'ossessione per i figli che non riesce ad avere sta logorando anche il suo matrimonio. L'unica alternativa alla depressione è cambiare vita, con un pizzico di follia. Così, anziché sottoporsi a un ennesimo tentativo di fecondazione artificiale, decide di aprire una sala da tè in puro stile parigino nel cuore della città. Aiutata da uno chef francese mette a punto una ricetta che farà furore: i macaron, fragranti e delicate meringhette colorate come pietre preziose. 

Tra confidenze e ricette, rimpianti e passioni, intorno ai tavolini del suo locale si intrecceranno le esistenze di donne di tradizioni e origini diverse. E ascoltando le loro storie, Grace troverà finalmente dentro di sé la forza per guardare la vita con occhi diversi.


Nata in Nuova Zelanda, Hannah  Tunnicliffe ha la vocazione della nomade: ha vissuto in Australia, Inghilterra, Macao, Canada e in un camper di nome Fred. Dopo aver lavorato nel campo delle Risorse umane, ha deciso di realizzare il suo sogno di diventare una scrittrice ed è tornata a vivere a Sidney insieme al marito e alle due figlie. Questo è il suo primo romanzo: bestseller in Australia, è stato immediatamente pubblicato in tutti i paese anglosassoni e tradotto in sette lingue tra cui lo spagnolo, il tedesco, l'olandese. L'autrice cura un blog di letteratura e cucina, forkandfiction.com e il suo sito è hannahtunnicliffe.com



Read More

giovedì 10 ottobre 2013

Come vivevano i felici, Massimiliano Governi

di Manuela Raganati

Come vivevano i felici scorre via come un fiume in piena, la stessa piena che travolge per sempre la vita della famiglia Madoff, dopo che la più grande truffa finanziaria di tutti i tempi sarà scoperta dalla polizia e dai mass media.

Massimiliano Governi, Come vivevano i felici, Giunti, 2013
Scena dopo scena, il libro di Governi cerca di mettere a fuoco gli istanti e i momenti di questa vita famigliare in dissoluzione, come se una cinepresa spiasse e registrasse immagini, pensieri e parole senza filtri. La famiglia Madoff viene raccontata da una prospettiva inedita, quella del figlio maggiore di Madoff, che vive, da quando è bambino, situazioni piene d'angoscia, legate alla figura del padre.

I ripetuti flashback si susseguono di capitolo in capitolo e riportano a galla una verità frammentata e allucinata. Droga, soldi, ricchezza e potere: i nemici della famiglia Madoff sono più forti di qualsiasi altro sentimento di compassione e unione. Non c'è scampo per nessuno: quando il transatlantico affonda, tutti sprofondano con esso.

Nelle pagine di Massimiliano Governi si legge una storia moderna, liberamente riscritta, piena di affanno, violenza e tristezza. Il linguaggio è metallico come le atmosfere del libro, come le sbarre della prigione di Bernard Madoff.
Ogni episodio rivela i tratti misteriosi e contorti di ciascun personaggio: le loro azioni sono più espressive di qualsiasi parola.

La madre:
indossa un giacchino di volpe, occhiali da sole in oro rosa e pantaloni laceri di una tuta... Si sposta in fretta nei vari reparti, dà un'occhiata veloce agli scaffali, afferra le cose e le getta nel carrello.
 Il fratello:
il colorito della faccia grigiastro, gli occhi opachi come quelli di un pesce, la barba lunga fino a metà collo. Ha ancora il pigiama al contrario che portava l'ultima volta che l'ho visto.
Il padre:
rivolge lo sguardo allo specchietto, ci fissa con i suoi occhi incomprensibili, colore del fumo in una nebbia.
Il narratore:
Azzero l'audio. Quelle parole sono come martellate. Il viso, il cranio, lo stomaco, tutto mi duole per la tensione, la mandibola mi trema.  
Non mi stupirei se questo libro diventasse presto un film: forse, grazie al mezzo cinematografico, si potrebbero approfondire maggiormente certe relazioni tra i personaggi e si potrebbero ricreare meglio certe scene, che nel libro rimangono fin troppo sospese.

Come vivevano i felici è uscito per Giunti il 25 Settembre 2013 ed è disponibile anche in ebook!
Un libro consigliato agli amanti delle storie brevi ma intense! Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!

Leggi altre recensioni del libro:
Finzioni Magazine
Affari Italiani
Toylet Mag

Read More
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates