Passa ai contenuti principali

Wonder di R.J. Palacio, Giunti Editore


Da circa un mese in libreria, ora sbarca anche su iBook Store, l’ebook Wonder  di R.J. Palacio, un libro digitale innovativo e tutto da scoprire perché non solo ci regala, con tenera asprezza, la bellissima storia di August, ma anche perché combina nel testo molti linguaggi multimediali. 

Ogni capitolo, infatti, propone una colonna sonora di brani, riferiti alle varie ambientazioni narrative, tutti selezionabili e da ascoltare via YouTube. Il racconto, inoltre, in alcune parti, imita alcune situazioni linguistiche della quotidianità, persino quelle della nostra realtà digitale: dalle mail, ai messaggi di Facebook, c’è spazio davvero per ogni tipo di espressione! 

In Wonder sono presenti davvero tanti espedienti narrativi, ’giovani’ e smart, che riescono a sdrammatizzare la tematica principale del libro, pur mantenendo alta l’attenzione del giovane lettore sui valori e gli insegnamenti della storia di August. Il testo è curato nei minimi dettagli, dalla copertina all’appendice, dai contenuti al linguaggio, per offrire ai ragazzi (e non solo) un’esperienza di lettura piacevole e, allo stesso tempo, educativa. 



Wonder, però, non è solo un libro middle-grade (8-12 anni). L’ebook “parla” profondamente a tutti, grandi e piccoli. In Gran Bretagna, Germania e Francia è uscito con la doppia copertina, sia nella versione per adulti che per bambini. Presto, in America, verrà realizzato anche il film. 

Chi è Auggie? E’ un bambino di 10 anni, che ama Guerre Stellari e che, ogni sera, coccola Daisy, un simpatico e affettuoso cane, mascotte pelosa della famiglia Pullman. Ha una sorella, Via, simpatica adolescente tutto pepe. La famiglia Pullman sarebbe una famiglia perfetta, se solo Auggie non fosse nato con un grande problema fisico, dovuto alla Sindrome Treacher-Collins, una rara malattia ereditaria che colpisce le fattezze di una persona, lasciando inalterato tutto il resto.

Il libro ci accompagna a scoprire una realtà difficile e inedita, raccontata da diversi punti di vista e attraverso numerose voci, che rappresentano emblematicamente tutte quelle sensazioni che prova il lettore di fronte alla “conoscenza” di August. Il volto di August si ri-compone lentamente, grazie alle parole dei personaggi-satellite che ruotano intorno a lui, a scuola, a casa, al parco, ovunque. 

Pluripremiato in tutto il mondo, il libro di R.J Palacio nasce da un episodio realmente accaduto all’autrice, proprio in presenza dei suoi due figli. Wonder è un vero romanzo di formazione che tutti gli insegnanti di italiano dovrebbero proporre ai propri studenti, magari come lettura estiva, dato che le vacanze sono ormai vicine! E perché non proporre questo libro anche ai genitori degli alunni? Non sarebbe fantastico creare dei gruppi di lettura per confrontare le riflessioni e le emozioni forti provate dai ragazzi e dagli adulti di fronte a Wonder? 

La casa editrice Giunti, infatti, ha raggiunto circa 8.000 insegnanti di scuola primaria e secondaria, omaggiandoli di questo ebook, perché il mondo della scuola è ritenuto l’interlocutore migliore a sostenere e diffondere i valori racchiusi nella storia del piccolo, grande, meraviglioso August.


Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …