Passa ai contenuti principali

Facebook, Linus e il Grande BHO(Blog)

di Manuela Raganati

Linus oggi sul suo blog scrive un piccolo post sulla recente news, data da molti canali d'informazione, che il Grande Occhio, l'Occhio di Sauron, ovvero Facebook, incrementerebbe nei suoi utenti quel sentimento verde e un po' diffuso, chiamato invidia. 


Da Facebook, infatti, approdo al sito di Linus. Leggo il titolo del post e, in effetti, caro Linus, un po' ti invidio. Il tuo post mi ha attirato per quel Boh finale. Mi ricorda il mio BHO. Sul tuo blog è scritto corretto, sul mio blog è un errore. Un voluto errore. Un'infrazione del codice.

Cosa c'entrerà il mio BHO con Linus e Facebook? Boh... per l'appunto!

In realtà, mi dà occasione, ancora una volta, di parlare di due cose importanti. La prima: che cos'è il mio BHO? La seconda: Perchè Bho e non Boh?

Partiamo dalla seconda: la scelta di utilizzare il naming BHO è riferita al fatto che spesso le persone iniziano le frasi o rispondono ad alcune domande con l’interiezione ‘boh’, un suono che fa parte della nostra quotidianità, che anticipa l’espressione di un pensiero ancora in via di formazione. 

Volevo che il mio blog fosse un laboratorio d’idee. E, senz'altro, lo è stato. E lo è tutt'oggi, anche se, a volte, mi rendo conto che tutti (io compresa) passano più tempo a scrollare la bacheca di Facebook, che a navigare nel web, come si faceva una volta. (Mi sento così vetusta!)

Spesso penso che Facebook o Twitter, all'inizio della loro esistenza, hanno quasi spazzato via la fantastica era dei blog, quei fantastici spazi personali e collettivi dove ci si è potuti formare un'opinione, dove ci si è approdati per caso, dove sono nate collaborazioni e anche tante amicizie!

Invece, altre volte, penso che i social network hanno solo creato un modo diverso di comunicare e soprattutto di approdare ai blog. Rifletto, infatti, sull'importanza dell'esistenza dei blog ai tempi dei social network, come utili estensioni della vita quotidiana facebookiana o twitteriana. E' chiaro che stiamo parlando principalmente di vita digitale, di esistenza social, e solo secondariamente di vita reale, se a voi piace considerare vera, la realtà. 
A me piace considerare la realtà, un po' come una finzione. Quindi, una surrealtà. E con questo non voglio dire certo che la vita social sia vita sociale, affatto!

Facebook e Twitter servono ad esibire certi nostri flussi interiori, ma soprattutto ad esibire la nostra realtà quotidiana, che spesso, per l'appunto, è più misera di quanto vogliamo fare e farci credere. Perché?

Perché la surrealtà non riesci a imbrigliarla, non la fotografi, non la condividi, non la trascrivi, non la liki: la surrealtà è una colla che tiene insieme tutto il tuo mondo e che te lo fa apparire come ti piace vederlo. 
Strano? Confuso? Popolato?

 Deserto? 

Infantile?

Bello? Grigio? Azzurro? Aprite i vostri occhi e guardate chi siete...
Il mio grande BHO è questo: è ciò che vedo, che sento, che amo e che mi piace condividere ed esprimere qui, sul blog, con chi ha voglia di leggermi, con chi passa per caso, per chi fa visita inaspettatamente nel loft letterario.  

Tornando brevemente al naming BHO. Invertire la posizione dell’h è stata una scelta stilistica per infrangere la regola. A riguardo del ‘boh’, ho trovato questa citazione di Pier Paolo Pasolini, autore al quale sono molto affezionata, che spiega ulteriormente la mia scelta: “Boh, frase piena di significato, con un significato incredibile, pieno di intelligenza in cui convivono modernità e tradizione per non parlare dell'utilizzo sul piano pratico e teorico”.

Quindi, caro Linus, Face-Boh? No, Meglio Face-Bho(Blog)!!!

Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

La vera storia di Esther la super maialina | Edizioni Sonda

di Manuela Raganati

Esce oggi 8 Marzo 2018 per la casa editrice Sonda La vera storia di Esthter la super maialina, un albo illustrato di Steve Jenkins, Derek Walter e Caprice Crane. Illustrazioni di Cori Doerrfeldche.

Si tratta della versione illustrata per i più piccoli del libro best seller del New York Times, tradotto in tutto il mondo, Esther the Wonder Pig: Changing the World One Heart at a Time.


La maialina più famosa del web Tutto nasce da un fatto realmente accaduto. Nell’estate del 2012, due ragazzi canadesi, Derek Walter e Steve Jenkins, hanno deciso di allargare la loro famiglia (già composta da due cani e due gatti) adottando Esther, una maialina di appena sei settimane che credevano un «innocuo» porcellino d’India. Non lo era. Esther è cresciuta sempre di più fino a diventare la maialina più famosa del Web, con più di un milione fan sulla sua pagina Facebook “Esther the Wonder Pig”.

Esther è diventata una super star, ma ha soprattutto donato un nuovo senso alla vita dei…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …