Passa ai contenuti principali

Swap Party Fashion & Books: facciamo uno scambio?

di Manuela Raganati

Scambia abiti e libri, risparmiando in modo intelligente!
Direttamente dagli USA, ecco a Milano, la nuova moda di fare shopping. Anzi no! Di non fare shopping:
lo swapping!

E' impossibile che non abbiate ancora mai sentito questa parola! L'antico baratto, infatti,  oggi viene comunemente chiamato swapping. Ispirato all'antica forma di commercio, oggi ci si scambia prodotti nuovi e usati come capi di abbigliamento, libri, oggetti per la casa, libri, DVD.

A Milano, dal 22 al 24 Novembre, si svolgerà il primo Swap Party Fashion&Books, organizzato da Mikamai, in collaborazione con vinodalproduttore.it e Morellini Editore.


Come partecipare?
Basta portare abiti e/o accessori che non usi più (puliti e in buono stato) o dei libri che hai amato leggere e scambiarli con quelli di qualcun altro. Per ogni articolo portato ti sarà consegnato un "gettone" da usare per barattare abiti o libri a tuo piacimento.

Sabato inoltre verrà dedicato un piccolo spazio al re-gifting, ovvero lo scambio dei regali non graditi (che devono essere mantenuti nella loro confezione originale). L'ingresso a tutti i giorni dell'evento è gratuito previa iscrizione qui

SAVE THE DATE
L'evento si svolgerà giovedì 22 e venerdì 23 novembre 2012 dalle ore 18 alle ore 22 e sabato 24 novembre dalle ore 11 alle ore 16 presso l'ufficio di via Ceradini 12 (Dateo) a Milano.

PROGRAMMA
Giovedì 22:
- ore 18: inizio Swap
- ore 19: anteprima dell'eBook La regina dello shopping di Monica Sirani (Morellini Editore)
- aperitivo
Venerdì 23:
- ore 18: inizio Swap
- ore 19: Incontro con Marina Martorana, giornalista del Corriere della Sera, esperta di consumi ragionati e autrice del libro I love swapping.
- aperitivo
Sabato 24:
-ore 11: inizio Swap e re-gifting
- brunch Aperitivi & brunch sono offerti da Mikamai in collaborazione con vinodalproduttore.it!
Partner dell'iniziativa: vinodalproduttore.it e Morellini Editore. Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!

Commenti

  1. Ma sai che è una cosa davvero intelligente! No non avevo mai sentito questa parola. Speriamo che prenda piede anche qui in Italia, è un'idea buona.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …