Passa ai contenuti principali

Racconto: Il Segreto

di Manuela Raganati

Sandra se ne andava passeggiando per la città. I suoi passi, dentro a sandali scollati, sembravano un'immersione a testa in giù, dentro a nuvole di vapore bianche, come quelle che si vedono dal finestrino dell'aereo e che vorresti prendere e stringerti al petto.
Il 2 di giugno era la Festa della Repubblica e, stranamente, i tram passavano più di frequente che nei giorni feriali. Il volto della giovane era assonato e perso. C'era qualcosa in lei che non le andava e che non riusciva proprio ad estirpare una volta per tutte. Quei giorni assomigliavano a tanti altri già vissuti. Si sentiva ancora impigliata in quella rete di sensazioni che le mostrava il mondo, molto più complicata di quello che in realtà fosse.


Arrivata al parco, dove c'era lo zoo più grande del mondo, si perse nelle stradine di pietra e terra che si snodavano tutt'intorno. Cercava di seguire quei sentieri che si perdevano sotto le fronde ombrose di grandi alberi. Pioppi, pini, aceri, abeti. Alti, alti fino il cielo, si facevano accarezzare dalla brezza vespertina, lasciando cadere qualche foglia o ago, che Sandra si trovava tra i capelli, sciolti come quelle piante. Sandra camminava e si guardava intorno, un po' timorosa di incontrare qualcuno che non aveva voglia di vedere, quasi sulla punta dei piedi per non fare troppo rumore. Gli animali nelle gabbie erano pronti a mangiare dalle loro vasche ricolme di carne e paglia.
Il giorno di festa aveva portato una miriade di visitatori: turisti, famiglie con bambini, coppiette d'anziani signori e sportivi in bicicletta. Gli animali erano stanchi, pronti ad appisolarsi subito dopo la fine del pasto. Sandra li osservò un po' dalla panchina, vicino alla fontana dei pesci rossi. Si chiedeva come potessero sopravvivere in quello stato. Animali nati per cacciare, o correre in foreste e radure, per nuotare in alte acque e per dormire sotto cieli stellati, chiusi dietro alle sbarre, animali detenuti per l'allegria degli umani nei giorni di festa. I suoi pensieri erano molto grigi, molto dissonanti con il tripudio dei colori e dei sapori di giugno. Il solito contrasto che porta al malessere interiore, all'insoddisfazione per qualcosa che manca, allo spleen baudelariano dei Fleurs du Mal.
Sospeso il suo sguardo nel vuoto, tutt'intorno intriso di tiglio e abete, Sandra vagava con la mente verso pensieri lontani, che invece di farla star meglio, la portavano sempre più vicino allo stato di quegli animali che ora si accasciavano uno vicino all'altro per addormentarsi. Le visite oramai erano terminate, tutti se ne erano andati a cenare nelle loro case, Sandra invece non si muoveva dal suo trono in mezzo alla natura. Un gatto le si avvicinò ai piedi. Lei non se ne accorse subito, lui intanto la osservava senza ancora far sentir il suo miagolio.
Il gatto era nero con qualche macchia bianca sparsa su per il pelo. Gli occhi erano occhi di gatto selvatico, randagio, che ne vede di tutti i colori per le strade della città, ma che si fa i fatti suoi, che tace anche il segreto più losco e sporco. La discrezione del gatto è una virtù che noi tutti dovremmo riservarci d'imparare e di mettere in pratica. Sandra riafferò l'amo del suo sguardo, tirò, tirò, tirò e vide che quella pesca nell'infinito non era valsa granché. Posando la sua canna da pesca a terra, lo vide fermo e silenzioso. La osservava. Sandra non aveva pescato manco un pesce dalla sua immaginazione perciò non aveva niente da dare da mangiare a quell'osservatore attento. Allora si alzò verso di lui. Voleva accarezzarlo per sentire quanto duro fosse il pelo di un gatto che non vive in gabbia. Il felino improvvisamente saltò sulla panchina, quasi attratto dalla ragazza. Fu un attimo intenso. I due si guardarono, dritti, pupilla contro pupilla, oscurità contro chiarezza, animale contro umano, scambiandosi il segreto. Uscì un solo miagolio dalle loro bocche, prima che entrambi ripresero la loro strada verso la ricerca di cibo. (Martedì, 02 Giugno 2009) Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …