Passa ai contenuti principali

Milanera #Bookcitymilano

Book City Milano è stata una grandissima manifestazione culturale dal programma davvero ambizioso, tenutasi a Milano da giovedì 15 a domenica 18 Novembre. La kermesse è stata un'occasione importante per la città di dimostrare quanta vita e passione letteraria scorra ancora nelle vene dei milanesi e non. Una passione che non si è mai stancata di esprimersi, attraverso i propri autori, anime erranti in uno spazio difficile e contraddittorio, nella Milano dai mille volti e dai mille angoli oscuri.
Il fascino dei luoghi misteriosi e oscuri della Milano Noir è stata la tematica principale, al centro dell'incontro tenutosi a Palazzo Durando, con Luca Crovi, Gianni Biondillo, Gianni Simoni ed Elda Lanza, Marco Polillo, Giuseppe Pederiali, Massimo Gardella, Hansel Tuzzi e Alessandro Zaccuri.

L'evento 'Milanera', a cura di B-Movie Festival, è stato molto interessante, un piacevole momento per approfondire la conoscenza di alcuni tra gli autori di gialli più letti in Italia. I luoghi oscuri e la periferia di Milano sono stati gli argomenti più trattati dagli ospiti di Milanera.
Photo Credits: Monica Papagna
Gianni Biondillo ha raccontato, con una sorprendente verve, le sue avventure 'turistiche' al commissariato di Quarto Oggiaro, edificio costruito soli dopo l'uscita del suo romanzo 'Per cosa si uccide'. Solo una coincidenza o la fantasia è alla mercè della realtà? Biondillo fa sorridere gli ascoltatori in sala e racconta come la letteratura spesso crei i luoghi della città, con le sue straordinarie architetture immaginarie e non.

L'altro intervento brillante e degno di nota é stato quello di Giuseppe Pederiali a riguardo del Ponte delle Sirenette, titolo anche del suo famoso romanzo giallo del 2011. Il primo ponte in ghisa costruito in Italia e a Milano era ed è tutt'oggi decorato da statue di Sirene. Le belle Sirenette furono attrattiva speciale per i milanesi: il loro posteriore sembrerebbe essere stato molto apprezzato dai milanesi di allora, tanto che si tramandò un rito portafortuna. Al passaggio, una toccata sul posteriore delle Sirenette sembra che avesse l'equivalente significato dell'odierna 'massacrante' giravolta sulle cosiddette 'Palle del Toro' poste in Galleria.
Oggi Il Ponte delle Sirenette è posto all'interno del Parco Sempione.


Una Milano sconosciuta e inedita si può leggere proprio attraverso i luoghi più sconosciuti e dimenticati, o attraverso piazze e vicoli bui. Questi sono i Luoghi che possiamo conoscere e ri-conoscere nelle pagine di questi grandi autori capaci di ricreare, ognuno con il proprio stile, le tipiche atmosfere del romanzo giallo.

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …