Passa ai contenuti principali

Milanera #Bookcitymilano

Book City Milano è stata una grandissima manifestazione culturale dal programma davvero ambizioso, tenutasi a Milano da giovedì 15 a domenica 18 Novembre. La kermesse è stata un'occasione importante per la città di dimostrare quanta vita e passione letteraria scorra ancora nelle vene dei milanesi e non. Una passione che non si è mai stancata di esprimersi, attraverso i propri autori, anime erranti in uno spazio difficile e contraddittorio, nella Milano dai mille volti e dai mille angoli oscuri.
Il fascino dei luoghi misteriosi e oscuri della Milano Noir è stata la tematica principale, al centro dell'incontro tenutosi a Palazzo Durando, con Luca Crovi, Gianni Biondillo, Gianni Simoni ed Elda Lanza, Marco Polillo, Giuseppe Pederiali, Massimo Gardella, Hansel Tuzzi e Alessandro Zaccuri.

L'evento 'Milanera', a cura di B-Movie Festival, è stato molto interessante, un piacevole momento per approfondire la conoscenza di alcuni tra gli autori di gialli più letti in Italia. I luoghi oscuri e la periferia di Milano sono stati gli argomenti più trattati dagli ospiti di Milanera.
Photo Credits: Monica Papagna
Gianni Biondillo ha raccontato, con una sorprendente verve, le sue avventure 'turistiche' al commissariato di Quarto Oggiaro, edificio costruito soli dopo l'uscita del suo romanzo 'Per cosa si uccide'. Solo una coincidenza o la fantasia è alla mercè della realtà? Biondillo fa sorridere gli ascoltatori in sala e racconta come la letteratura spesso crei i luoghi della città, con le sue straordinarie architetture immaginarie e non.

L'altro intervento brillante e degno di nota é stato quello di Giuseppe Pederiali a riguardo del Ponte delle Sirenette, titolo anche del suo famoso romanzo giallo del 2011. Il primo ponte in ghisa costruito in Italia e a Milano era ed è tutt'oggi decorato da statue di Sirene. Le belle Sirenette furono attrattiva speciale per i milanesi: il loro posteriore sembrerebbe essere stato molto apprezzato dai milanesi di allora, tanto che si tramandò un rito portafortuna. Al passaggio, una toccata sul posteriore delle Sirenette sembra che avesse l'equivalente significato dell'odierna 'massacrante' giravolta sulle cosiddette 'Palle del Toro' poste in Galleria.
Oggi Il Ponte delle Sirenette è posto all'interno del Parco Sempione.


Una Milano sconosciuta e inedita si può leggere proprio attraverso i luoghi più sconosciuti e dimenticati, o attraverso piazze e vicoli bui. Questi sono i Luoghi che possiamo conoscere e ri-conoscere nelle pagine di questi grandi autori capaci di ricreare, ognuno con il proprio stile, le tipiche atmosfere del romanzo giallo.

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…