martedì 2 ottobre 2012

Fai bei sogni, un caso editoriale

di Manuela Raganati

Da Massimo Gramellini, Fai bei sogni, Milano, Longanesi, 2012:

Scusa, sto scrivendo un sacco di stronzate e sono quasi le cinque del mattino.
Ecco, credevo che tu avessi bisogno di qualcuno che ti scrivesse un sacco di stronzate alle cinque del mattino. Credevo di poterti offrire un mondo popolato da persone divertenti. E un altro, più piccolo ma più grande, abitato solo da noi due. La felicità, Emma. 
La felicità è fare l’amore a ore strane oppure normali, purché con te.
La felicità è crescere insieme, litigare a chi ha la testa più dura e poi, pieni di bernoccoli, salire un altro gradino del nostro amore. 
La felicità è un appuntamento al bar a cui io arrivo in ritardo.
Un problema che ti assilla e lo risolviamo insieme.
Un braccialetto che io ti regalo, una camicia che tu mi lavi.

Scusami ancora per questa vagonata di pensieri idioti. Ti volevo soltanto dire che non mi manca una donna. Mi manchi tu. Che sei anche una donna, e che donna. Ma sei qualcosa di più: l’altra metà di me.  
 Fai bei sogni è il caso editoriale del 2012. Chi l'ha letto? Vi è piaciuto?


Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates