Passa ai contenuti principali

Da Pinocchio a Harry Potter: 150 anni Salani

di Manuela Raganati

A Milano, presso le sale del Castello Sforzesco, la mostra "Da Pinocchio a Harry Potter" per festeggiare i 150 anni della casa editrice Salani è un percorso davvero molto interessante per scoprire qualcosa di più sulla storia dell'illustrazione e della letteratura italiana nell'età contemporanea. Questa visita è un'occasione imperdibile per osservare da vicino le prime edizioni di classici come Le Novelle della Nonna, Topolino, Pinocchio, Cenerentola, Cappuccetto Rosso, Heidi, Mazinga.



Ma non solo editoria per bambini! Presenti anche molti esemplari della collana "La Biblioteca delle Signorine", rinomati classici dell'editoria al femminile, feuilletton, collane per ragazzi, immagini di cronaca e molte copertine illustrate che raccontano l'evoluzione di una società in rapido sviluppo.



Attraverso le illustrazioni in esposizione, si viaggia all'indietro nel tempo. Si scopre quell'affascinante mondo della letteratura dimenticata: autori non sopravvissuti alla memoria del tempo, titoli evocativi, ma non entrati nei classici, libri sui quali hanno imparato a leggere chissà quanti bambini, ma che oggi sono sorpassati e usciti dai cataloghi. E bellissime, preziose illustrazioni che hanno fatto sognare i nostri antenati.


Le Novelle della Nonna è un raccolta di storie fantastiche scritte da Emma Perodi, inserite dentro una cornice narrativa ambientata nella fine dell’Ottocento. Pubblicate in origine da Bemporad, dal 1893, in esse si fondono gli elementi tipici della novella toscana con quelli magici e paurosi delle fiabe nordiche. Altre edizioni verranno realizzate nel periodo compreso fra gli anni '20 e gli anni '30 a cura dell'Editore Salani di Firenze, inserite nelle Collane "Biblioteca Salani Illustrata" e "I libri dei ragazzi".


Sempre nella collana "I libri per ragazzi", venne pubblicata da Salani nel 1928, Tra fate e nani di Egle Grimozzi, con illustrazioni del grande Carlo Chiostri. Burattini, fate, principi ranocchi e tanti altri personaggi fantastici popolano il mondo incantato di Carlo Chiostri. Sue anche le celebri illustrazioni de Le avventure di Pinocchio del 1901.

Un'immagine questa che torna in un altro dimenticato testo Salani, del 1914, al centro di questa mostra di Milano: Marchino, le avventure di un asino di Tommaso Catani, grande amico di Carlo Collodi. Le bellissime illustrazioni sono curate da Carlo Chiostri. La più famosa è stata scelta come manifesto della mostra, come potete osservare sopra.



La Collana "Grandi Piccoli Libri" è davvero una bellissima scoperta. Di formato 16x12, con copertine pregevoli, originali e preziose, fu importata negli Anni Trenta da Salani, direttamente dall'Inghilterra.
Questo è un bellissimo collage di G. Rossini per la copertina di Cenerentola:




Salani fu tra i primi pionieri italiani che importarono il mitico Topolino nel 1934. Questa è la copertina di Topolino, illustrata da Fiorenzo Faorzi, 1941.


Tutte le tre sezioni della mostra sono molto interessanti. Il percorso si articola in tre sezioni.

Nella prima, sono rappresentati gli esordi del periodo dal 1862 al 1904 di Adriano Salani, attraverso le prime pubblicazioni sotto forma di fogli volanti, libretti e documenti d'archivio.

Le stagioni di ascesa e declino della casa editrice sono documentati attraverso le collane dal 1940 al 1964. Qui troviamo le collane per ragazzi "Primi amici del bambino", "Grandi piccoli libri", "I romanzi della sfinge" (un giallo inglese), "I romanzi azzurri", "La biblioteca dei miei ragazzi".

Poi, la letteratura di largo consumo della "Popolarissima" e della "Biblioteca delle signorine". E ancora "Le grandi avventure" e "I libri meravigliosi". Si possono infine ammirare i nuovi codici figurativi, dal rilancio della letteratura rosa al successo mondiale della saga di Harry Potter (1964-2012).

Visitate questa deliziosa mostra a Milano presso il Castello Sforzesco, fino al 06 Gennaio 2013. Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!




Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…