Passa ai contenuti principali

La fotografia 'invisibile' di Felicia Di Stefano


Benvenuti a tutti nella nuova bellissima rubrica INTERVISTA D'ARTISTA!

Oggi presentiamo una giovane fotografa siciliana:
diamo il benvenuto a Felicia Di Stefano su BHO...BLOG!

Felicia Di Stefano è una donna forte e caparbia, nasce artista nella sua Terra del Sole.
Fotografa, scrive e disegna per passione. E il risultato è evidente:
le sue fotografie esprimono sentimenti veri e profondi.

In questa intervista, Felicia, che ringrazio per la grande disponibilità,
ci racconta la sua vita artistica in poche, ma epigrammatiche parole.

Eccole per voi!
 

1. Dalla tua biografia, leggo del tuo profondo amore per la Natura. 
Parlaci della tua capacità di ascoltare le voci del vento, del mare e degli animali.  
Cosa provi quando ti ritrovi immersa in esse? 

Provo un grande senso di benessere, tutto intorno a noi comunica in un linguaggio universale percepibile da chi come me osserva non solo con gli occhi ma anche con la ragione, il cuore e l'anima. 



2. Sei un’artista a tutto tondo: disegno, fotografia e scrittura. Quale di queste riesce maggiormente a dar sfogo alla tua anima ‘avventuriera’? 

Indubbiamente la fotografia sprigiona la creatività che dimora in me, non passa giorno che io non abbia fermato un solo istante, altrimenti sarebbe un giorno perso. 
Il disegno per me è un impulso infantile della bimba che risiede in me a volte capricciosa, triste, confusa sentimentale e copiona. 
I miei scritti: pensieri che appartengono alla mia anima, che di tanto, in tanto libero e mi girano intorno come farfalle dai colori accesi. 

  

3. Parliamo dei tuoi ritratti fotografici: gli occhi dei tuoi soggetti sono sempre il centro focale dei tuoi scatti. Vi è sottesa una ricerca stilistica o semplicemente ti piace cogliere l’espressività dei volti? 

Oltre l'espressività, attraverso gli occhi si entra in contatto con l'anima che dimora in loro. 
Attraverso gli occhi ho imparato ha studiare l'animo, sia umano, sia animale e percepire emozioni, dolori. 
Per questo amo scrutare e fotografare questo stupendo organo, anche se a volte mi terrorizza la percezione del male assoluto. 




4. Raccontaci della tua esperienza artistica in Germania. Cosa hai appreso di nuovo? 

La Germania è una terra incredibilmente bella, pulita e colorata, con fiori di ogni specie. 
E' qui che è nata la mia passione per la fotografia. 
Grazie a questa esperienza artistica, ho scoperto queste creature bellissime, la percezione dei loro odori.
Mi rammaricava come la loro vita fosse così breve. 
Così attraverso i miei primi scatti, fermavo l'istante nel pieno del loro splendore e, con grande stupore e immaginazione, scoprii la capacità di riuscire a sentirne il profumo. 




5. Qual è lo spettacolo naturale che ti piace di più immortalare? 

Indubbiamente i tramonti spettacoli che la natura ci dona ogni giorno.Un tramonto nella sua semplicità non è mai uguale suscita emozione negli animi con una spiccata sensibilità. 




6. Quali sono i tuoi progetti artistici futuri? 

In questo momento mi definisco un ' artista "invisibile", da sempre autodidatta smaniosa nelle mie ricerche, consapevole della mia timidezza...per natura insicura...ma sempre pronta a spiccare il volo se mi si offre l'opportunità... 

7. Quale fotocamera utilizzi e quali programmi dedicati alla post produzione? 

Uso una una reflex digitale Canon eos 30d e mi diletto con alcuni programmi come Photoshop, PhotoImpact, ecc. 

8. Quali sono gli ingredienti speciali per ottenere una bella foto? 

Innanzitutto, uno scatto ottimale deve trasmettere qualcosa a chi lo osserva.
Gli ingredienti speciali sono: luce, saper cogliere l'attimo, conoscenza tecnica della propria fotocamera, un'adeguata angolazione e come diceva uno dei più grandi fotografi:  
"Fotografare è porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore" 



9. Scrivici 5 aggettivi che presentano Felicia Di Stefano.  

Sensibile, creativa, sincera, riflessiva, pigra. 

10. Una foto è una condensazione di passato, presente e futuro. 
 Una foto cattura l’attimo e lo rende eternità. 
La vita, invece, è divenire. 
Come la tua fotografia si pone questo problema stilistico ed esistenziale? 

Vivo con il bisogno di eternizzare la realtà con la consapevolezza che vivo in un mondo che lotta per la propria vita. 


Contatti Felicia Di Stefano
Mail: fely73@hotmail.de

Commenti

  1. Bellissime immagini complimenti a Felicia.La foto della terza domanda mi ha stregata, quegli occhi sono magnetici.
    Complimenti e grazie Manuela per avermi fatto conoscere questa artista.

    RispondiElimina
  2. Ciao Daniela, gli occhi che fotografa Felicia sono davvero magnetici ed espressivi. Qual è il soggetto che ti piace di più tra queste fotografie, gentilmente concesse dall'artista?. A me piace molto il gioco di sovrapposizioni... Le mani del bambino mi fanno impazzire!!! Grazie a te di esser passata di qua a leggere e di averci lasciato un commento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi...Sinceramente quel volto con la mano sul viso mi ha stregata. Questa donna mezza sfumata con questi occhi però presenti, vivi,regala una strana sensazione al mio essere. Mi piace il gioco di pensiero "la società nasconde la donna" o "la donna si nasconde da sola?
      Grazie a te Manu

      Elimina
  3. Grazie mille Daniela contentissima e lusingata nel trasmettervi attraverso i miei lavori emozioni.Grazie anche a te Manuela per questa grande opportunità e complimenti per la tua grande professionalità nel gestire questo comodo salottino letterario...un caro saluto a voi e un felice giorno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Felicia, sembra banale ma se non ho nulla da dire nel bene e nel male non lo dico. A me le tue fotografie piacciono. Sono, per es.,diverse da quelle di una mia amica con cui ho vinto poco fa un concorso foto+testo (una cosa piccina ma carina). Una fotografia ancora più di un quadro per me, deve trasmettermi qualcosa subito,di comodo o scomodo ma nell'immediato, altrimenti clicco "avanti". Guardando e riguardando le tue foto pubblicate da Manuela, un qualcosa di nuovo ogni volta si canalizza dentro me. Quella del volto con la mano è stupenda. Ne farei un quadro!
      Buona giornata a te.

      Elimina
  4. Interessante e foto bellissime!!

    Partecipa al mio Giveaway!! Vinci un bracciale Cruciani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessia...come posso partecipare al tuo Giveaway?
      Un caro saluto.Fely

      Elimina
  5. Cara Manuela, le tue interessanti domande ci fanno conoscere un'artista che sa cogliere dalla vita gli aspetti più poetici, una visione oggettiva di bellezza catturata in un piccolo istante. Ho visto il sito, Felicia hai realizzato bellissime opere, brava.

    RispondiElimina
  6. Complimenti a Manuela per questa bella iniziativa e ovviamente a Felicia per le belle foto. A me è piaciuta tantissimo la rosa bianca. E credo che ci sia soltanto uno spettacolo naturale paragonabile al tramonto, ovvero l'alba, che addirittura per me ha un senso di nascita, di inizio, di vita che comincia oggi giorno per dare il meglio di noi stessi. Un abbraccio per tutte e due.

    RispondiElimina
  7. Un abbraccio anche a te e grazie per esserti soffermata

    RispondiElimina
  8. m.o.o.n.s.t.l.m.v.26 luglio 2012 12:43

    Salve Fely e un genuino piacere per me vedere le tue opere, ho visto nella tua galleria e rimango tuttavia colpito dai tuoi scatti, veramente di ottima qualità belli e densi di contatto artistico complimenti. Fely scatti molto belli ma soprattutto ricchi di emozioni sono le tue opere meravigliosi scatti che solo un'artista dotato di una profonda sensibilità creativa può creare spumeggianti e ricchi d'ispirazione. Fely hai una bella passione e un'ottima sensibilità ai colori, coltiva la tua fotografia con fierezza senza farti influenzare dai soliti schemi. Fely i tuoi scatti sono meravigliose poesie che solo un artista dotata di una profonda sensibilità può creare. Ti auguro un 2012 spumegiante e ricco di ispirazione. Una Buona Serata Fely !!!!
    m.o.o.n.s.t.l.m.v.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…