Passa ai contenuti principali

111

di Manuela Raganati

Buongiorno. Sabato mattina. Una mosca si posa su I love Shopping di Sophie Kinsella... Le mosche si sa hanno fiuto per la m..rda. Cosa ci faccia quel libro sulla mia mensola-comodino, a dir la verità, non lo so neanche io! Ma sono una che si ritiene open minded per certe cose. Prima di giudicare, provo.
Come per un piatto nuovo. Prima di dir che non mi piace, assaggio!

Ascolto Radio Monte Carlo 2, finalmnte un po' di relax creativo live from my bed.
Mi chiedo che giornata sarà a Milano oggi, e non solo meteorologicamente parlando.
Penso che, in ogni caso, voglio fare un sacco di cose, come  tutti i fine settimana.
Il problema è che poi mi perdo nel mio mondo e, troppo velocemente, arriva domenica sera.

Oggi la fan page di Facebook di questo blog ha fatto 111 Like! Benvenuta Patrizia! 


Ne aspetto tanti altri, dai, non  fate i timidi!
Se avete un account Facebook, visitate e lasciate un Mi piace su:
http://www.facebook.com//BHOBLOG 

Commenti

  1. Ciao Manuela ti seguo da un po' ma vuoi per questo, vuoi per quello non si ha il tempo materiale per seguire tutti, intendo per instaurare un buon rapporto con qualcuno. Non mi piace fare di fretta o sorvolare in modo superficiale. Vorrei avere più tempo per leggere i tuoi racconti. Con tutte le cose belle che ci sono a sto mondo, il tempo non basta mai e come dici tu "troppo velocemente, arriva la domenica sera" Sono contenta di essere ritornata e di averti ritrovata, un abbraccio, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, capisco perfettamente, il tempo per fare le cose è veramente una ricchezza! E' quello che ho capito da quando ho iniziato a lavorare! E rimpiango un po' i tempi dell'università, quando avevo più tempo e non lo sapevo sfruttare ancora al meglio!!! Non ti preoccupare comunque il BHO...BLOG è qui ed è aperto 24 ore su 24! Passami a trovare quando più ne hai voglia, quando hai tempo, quando hai piacere! Giustamente le cose se si fanno, si devono far bene, con cuore... E ti ringrazio anche solo di aver dedicato a questo commento un paio di minuti! Ti aspetto, un bacio e stammi bene... anche io ti seguo spesso!!!

      Elimina
  2. Per un buon rapporto di amicizia il tempo si trova sempre. Un bacio

    RispondiElimina
  3. Grazie Tiziana, ti aspetto allora! buona notte, Manu

    RispondiElimina
  4. Ciao Manuela..vengo a scoprire il tuo blog dopo il tuo commento su Orgosolo su Facebook :)
    Buona giornata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rose Mel! Grazie mille della visita, mi fa molto piacere!!! Sì mi è piaciuto molto il tuo articolo su Orgosolo... Ti invierò un vecchio link di questo blog in tema!!! E, se t'interessa, avrei da consigliarti una lettura interessante in merito. Fammi sapere, nel caso, ti scannerizzo il saggio che avevo letto su 'L'uomo nero', una bellissima rivista universitaria che si occupa di critica d'arte!

      Elimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …