Passa ai contenuti principali

APRITE GLI OCCHI E LE ORECCHIE A “LIBROCIELO”

di Manuela Raganati

L’inaugurazione della mostra “Librocielo” è stato l’evento più interessante del primo giorno del Fuori Salone. 

Nel cuore della Milano romana, in Piazza San Sepolcro, la Biblioteca Pinacoteca Accademia Ambrosiana ospita dal 7 al 22 aprile una suggestiva installazione sul valore della domus nella tradizione letteraria e nella storia. Nella splendida biblioteca della Sala Federiciana, vero e proprio gioiello incastonato tra i vicoli del centro storico milanese, viene ri-creato uno spazio plurale e polisemico che si presta a varie interpretazioni concettuali. 


“DIALOGO FRA LIBRI”. LA RAGNATELA VISIVA DELL’INTERTESTUALITA’ 
Michael Bachtin prima, Vittorio Spinazzola poi, hanno scritto pagine indimenticabili sulla polifonia in letteratura, e oggi queste pagine si fanno progetto spaziale e multisensoriale nell’evento-percorso ideato da ...
Attilio Stocchi, definito, a buon diritto, dallo scrittore Andrea Kerbaker, “un poeta non in versi, ma in architetture”. Librocielo è un “cammino sonoro e di luce”, un omaggio alla cultura, un dialogo intenso e appassionato tra libri.
Osserviamo i Libri illuminati in una volta oscura: stelle in un cielo notturno. 

METAFORA DELLO SPAZIO: LA DOMUS 
La domus da sempre rappresenta la famiglia, la cultura, la tradizione, il proprio passato, presente e futuro. Un punto fisso nello spazio: un filtro tra la nostra identità e il paesaggio, attraverso il quale è possibile modellare l’ambiente in cui si vive. 

“Microcosmo” dell’urbe, la domus viene rievocata dalle profonde voci di grandi autori, che si rincorrono nello spazio e nel tempo. Un filo di luce collega Omero ad Alda Merini, un altro ‘linka’ Aulo Gellio a Nietzsche, s’incrociano i punti di Marziale e Savinio. 
Si aprono ai nostri occhi moltissime costellazioni: sono solo alcune delle galassie conosciute da ognuno di noi. 

MILANO, IL LUOGO DELLA MISURA 
L’Urbe è intreccio, trama, ragnatela intertestuale, paesaggio polifonico, coro di voci, luogo di scambi, romanzo. L’Urbe è letteratura e perciò spazio testuale e semiotico potenzialmente infinito, come il cielo, appunto. 

Milano nacque dallo spazio “vuoto” dell’antico forum, cuore romano del commercio, della vita pratica dell’urbs, situato allora proprio presso l’attuale Piazza San Sepolcro, dove sorge oggi l’Ambrosiana, luogo simbolo della cultura e della storia di Milano. Metropoli in divenire, madre di genti provenienti da tutto il mondo, Milano ancora oggi è misura di tutte le res publiche e private del resto d’Italia e, sopratutto, un punto da dove partire per far presto ritorno. Milano è un porto di mare, senza il mare. 
Milano è un pianeta dal cielo oscuro, dove spesso è una stella ad indicarti la via.
_________________________________
More info: http://manu-bhoblog.blogspot.it/2012/04/milano-salone-2012-librocielo.html
Si ringraziano, inoltre, Cosmit e Diomedea Press per la collaborazione. 






Commenti

  1. E'bellissimo articolo, complimenti. Andrò sicuramente a vedere questa Librocielo!

    RispondiElimina
  2. Ti sei superata!!! Brava!! Si vede proprio il tuo amore per la letteratura in queste righe. Da non scordare, da citare in qualche occasione importante. Come mi piacerebbe poter assistere all'evento! Mi consolo con il tuo racconto che mi ha proprio transportata a Milano e per un attimo mi ha fatto dimenticare la sconfitta che il Barça ha appena subito :( Speriamo la "remuntada". Un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…