Passa ai contenuti principali

Programmare per iOS: un workshop con Francesco Mura

di Manuela Raganati

Fare impresa in Italia è difficile, ma 25.000 eroi, così li ha definiti il Corriere della Sera in questo articolo sulle start up, pare ce la stiano facendo, o almeno ci stanno provando. 

Lavorando in una di queste start up si impara veramente tantissimo. 
Il mobile è un settore molto innovativo, che si sta sviluppando molto velocemente. 
Smartphone e tablet sono ormai nelle mani di tutti noi: con un semplice ‘tap’, il classico tocco digitale impresso sugli schermi, che contraddistingue la nuova generazione di cellulari, si apre ‘il magico mondo delle applicazioni’, come qualcuno di mia conoscenza l’ha definito molto di recente.

Le applicazioni stanno invadendo la nostra vita grazie ai loro numerosi utilizzi: intrattenimento, svago, produttività, musica e notizie. Ce n’è davvero per tutti i gusti sia nell’Apple Store che sull’Android Market: l’importante è sapere cosa si sta cercando e soprattutto, a livello imprenditoriale, come si sviluppa un’app.

Per questo ARTI e QIRIS in collaborazione con la RegionePUGLIA- programma Bollenti Spiriti hanno organizzato, a Bari, un programma di formazione per sostenere i moltissimi giovani (di cui ho parlato sopra) che stanno intraprendendo la strada delle start up nel settore tecnologico e mobile. 

Questo vasto programma presenta un ciclo di workshop e bootcamp completamente gratuiti, in tutto il mese di marzo 2012. Qui potete trovare tutti i seminari in programma.

Per domani 17 marzo 2012 è in programma il workshop intitolato:
Programmare per iOS” vd. anche http://follow-app-bootcamp-4.eventbrite.com/,
che sarà tenuto dal relatore Francesco Mura, Ingegnere Gestionale con una maturata esperienza nell’analisi, lo sviluppo e il project management di progetti digitali, è socio fondatore e CTO di Nextology società specializzata nella Strategy, Design & Execution di progetti Mobile.

Il Workshop di programmazione per iOS ha l’obiettivo di fornire un quadro generale sull’ambiente di sviluppo e i concetti chiave per la realizzazione di un’applicazione. Una sintesi completa dal concept alla pubblicazione su App Store.

Follow-App: scrivi una storia di successo con la tua APP.

Francesco Mura

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…