Passa ai contenuti principali

Poesia

Perché ancora mi ostino ad aspettarti
Sottomesso al tuo arrivo come un randagio
Sicuro di un ritorno nel ciglio della strada


Perché mi ostino a cercarti all’orizzonte come una vana speranza
Nel tempo che si infrange sulla mia carne
Raggrinzendola come foglie di una pianta nel deserto
Con gli occhi al cielo spalancati nella preghiera di una pioggia.

Perché continuo a torturarmi ricordando
Il passato che mi divora il presente
Arrovellandomi le viscere in un dolore che lascia il vuoto
L’assenza di ciò che sei, e di ciò che sono.

Perché continuo a punirmi nel paragone
Di una tua delicata perfezione che mai forse potrò toccare;
di “reale” hai solo il tuo fingerti un re
senza alcuna verità.

Continuo a cercarti nel mio riflesso di queste acque,
continuo a chiamarti da ciò che ho dentro
da ciò che credo di essere davvero
continuo a parlare di te come un amante disperato
che si accontenta di sole parole.

Pensando che ci sarai, mi innamoro al pensiero di vedere te,
di vedere me come vorrei
e come una vana attesa ti lascio andar via,
fingendo ancora una volta che il mio vero volto un giorno
affiorerà da quel riflesso. 

(Si ringraziano Marco Failla e Aurora Giuffria per la gentile concessione di questo testo e questa immagine per tutti voi lettori del BHO...BLOG. Ho scoperto questa artista grazie a Google e subito mi ha colpito molto per l'intensità delle sue opere, capaci di comunicare sensazioni molto forti e profonde. Sul sito indicato potrete, inoltre, trovare, affianco alle bellissime opere della Giuffria, molte poesie di Marco Failla. Quella che avete appena letto è la mia preferita: molto commovente.)

Dipinto di Aurora Giuffria



Commenti

  1. Come ti dicevo ieri, mi piace, la trovo deliziosa. Se puoi vai a leggere il mio ultimo post: oggi è stata una serata letteraria da non scordare. Un bacione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…