Passa ai contenuti principali

Hysteria, un film ricco di ‘vibrazioni’


Hysteria è un film di Tanya Wexler, distribuito in Italia da BIM, che uscirà nelle sale venerdì 24 febbraio 2012. Il BHO…BLOG, ieri sera, ha partecipato all’anteprima della pellicola e vi propone qui una piccola riflessione, che spero vi spinga ad andare a vedere questa commedia dal tipico humor inglese. Risate e spunti di riflessione sono assicurati! 
Buona visione!




VIBRAZIONI
Lunatiche, scontrose, volubili, irascibili, fragili e problematiche: noi donne siamo davvero un universo incomprensibile, ma straordinariamente ricco di emozioni e sfumature, che spesso gli uomini non hanno ben compreso e che sempre hanno mal interpretato. Di questo ne è testimone la Storia, che ci racconta di una lenta ma tenace affermazione dei diritti umani della donna. 

Il film è ispirato a fatti realmente accaduti nell’Ottocento ed è questa, a mio parere, la caratteristica più comica di questa commedia di Tanya Wexler. La rappresentazione della condizione della donna ottocentesca è volutamente comicizzata per comunicare, anche ad un pubblico maschile, il fondamentale concetto che le nostre reazioni, a volte incontrollate, sono provocate da alcuni insopportabili comportamenti che contraddistinguono gli uomini. 

Infatti, sia chiaro, Hysteria non è solo un film sulle donne per le donne, ma è anche un film sugli uomini, rivolto a uomini. Perché se le donne da sempre fossero state trattate e accettate in modo paritario, probabilmente si sarebbe diffusa, tra gli uomini, una cultura di rispetto reciproco. 

Invece, le tante reazioni ‘isteriche’ che, ancora oggi ci criticano, sono i riflessi di una lunga storia di violenza e soprusi, che purtroppo non è mai finita!

Cosa ne pensate?

TRAMA
Londra, 1880. Il brillante Dottor Mortimer Granville cerca lavoro, e si sa, quando si è disoccupati, ci si accontenta di tutto quel che si trova. E al nostro protagonista ne capita uno proprio originale. 

Infatti, trova impiego, presso lo studio del Dottor Dalrymple, specializzato nella cura “manuale” dell’isteria femminile, una malattia mentale e fisica che disturba la vita di “metà delle donne” londinesi. 

L’affascinante dottorino, interpretato da un convincente Hugh Dancy, così, farà carriera, alleviando i disturbi delle sue pazienti. 

Durante questa sua esperienza molto impegnativa maturerà numerose riflessioni sulle donne, grazie anche alla conoscenza delle due figlie del Dottor Dalrymple, Emily e Charlotte, di opposto carattere e temperamento. 

E insieme al suo spassoso compare, l’amico Lord Edmund St. John-Smythe, interpretato da uno spiritoso Rupert Everett, troverà la soluzione ‘tecnologica’ a tutti i mali, i suoi e quelli delle mogli di tutta Inghilterra, di tutto il mondo e di tutto il Novecento!

(BHO...BLOG ringrazia Simone e Serena di Estrogeni per la collaborazione ;D)

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…