Passa ai contenuti principali

Hysteria, un film ricco di ‘vibrazioni’


Hysteria è un film di Tanya Wexler, distribuito in Italia da BIM, che uscirà nelle sale venerdì 24 febbraio 2012. Il BHO…BLOG, ieri sera, ha partecipato all’anteprima della pellicola e vi propone qui una piccola riflessione, che spero vi spinga ad andare a vedere questa commedia dal tipico humor inglese. Risate e spunti di riflessione sono assicurati! 
Buona visione!




VIBRAZIONI
Lunatiche, scontrose, volubili, irascibili, fragili e problematiche: noi donne siamo davvero un universo incomprensibile, ma straordinariamente ricco di emozioni e sfumature, che spesso gli uomini non hanno ben compreso e che sempre hanno mal interpretato. Di questo ne è testimone la Storia, che ci racconta di una lenta ma tenace affermazione dei diritti umani della donna. 

Il film è ispirato a fatti realmente accaduti nell’Ottocento ed è questa, a mio parere, la caratteristica più comica di questa commedia di Tanya Wexler. La rappresentazione della condizione della donna ottocentesca è volutamente comicizzata per comunicare, anche ad un pubblico maschile, il fondamentale concetto che le nostre reazioni, a volte incontrollate, sono provocate da alcuni insopportabili comportamenti che contraddistinguono gli uomini. 

Infatti, sia chiaro, Hysteria non è solo un film sulle donne per le donne, ma è anche un film sugli uomini, rivolto a uomini. Perché se le donne da sempre fossero state trattate e accettate in modo paritario, probabilmente si sarebbe diffusa, tra gli uomini, una cultura di rispetto reciproco. 

Invece, le tante reazioni ‘isteriche’ che, ancora oggi ci criticano, sono i riflessi di una lunga storia di violenza e soprusi, che purtroppo non è mai finita!

Cosa ne pensate?

TRAMA
Londra, 1880. Il brillante Dottor Mortimer Granville cerca lavoro, e si sa, quando si è disoccupati, ci si accontenta di tutto quel che si trova. E al nostro protagonista ne capita uno proprio originale. 

Infatti, trova impiego, presso lo studio del Dottor Dalrymple, specializzato nella cura “manuale” dell’isteria femminile, una malattia mentale e fisica che disturba la vita di “metà delle donne” londinesi. 

L’affascinante dottorino, interpretato da un convincente Hugh Dancy, così, farà carriera, alleviando i disturbi delle sue pazienti. 

Durante questa sua esperienza molto impegnativa maturerà numerose riflessioni sulle donne, grazie anche alla conoscenza delle due figlie del Dottor Dalrymple, Emily e Charlotte, di opposto carattere e temperamento. 

E insieme al suo spassoso compare, l’amico Lord Edmund St. John-Smythe, interpretato da uno spiritoso Rupert Everett, troverà la soluzione ‘tecnologica’ a tutti i mali, i suoi e quelli delle mogli di tutta Inghilterra, di tutto il mondo e di tutto il Novecento!

(BHO...BLOG ringrazia Simone e Serena di Estrogeni per la collaborazione ;D)

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …