Passa ai contenuti principali

AREA C: MILANO COME LONDRA

di Manuela Raganati
Da ieri 16 gennaio 2012, a Milano, è entrata in vigore Area C: per ora un successo, anche se è troppo presto per dirlo! Innanzitutto, si dovrà potenziare il servizio di trasporto di superficie e metropolitano e poi dovremo attendere i risultati sul tasso di inquinamento, sempre se ci saranno!

Francamente mi auguro di sì perchè questa iniziativa a me piace moltissimo, e lo dico da residente in Area C! La prima sensazione che ho avuto ieri, ancora a casa, mentre mi preparavo per andare a lavoro è stata il silenzio della strada: nessun clacson, nessun motore, nessun ingorgo.
Poi, sono uscita e non ci volevo credere: sembrava un giorno festivo, quando la mia via si svuota completamente per lasciarci un po' di pace. PER CONTINUARE CLICCA QUI...
Bellissimo, sembrava quasi una via pedonale: facilità di attraversamento e pace, aria forse più leggera (anche se so che questa è solo una sensazione) e relax.
Incredibile, mi sono detta: questa è la nuova Milano?
Anche nelle altre parti della città, attraversate dal mio autobus per andare verso Città Studi, ho riscontrato la stessa situazione: meno macchine, meno traffico, autobus più veloce...
Entusiasta sono arrivata a lavoro, anche perchè, dopo aver perso la 61, subito dopo ne è arrivata un'altra. Primi effetti positivi del potenziamento dei mezzi, grazie ad Area C?
Bisognerà vedere quanto dura tutto questo!

Alla sera ho letto su Twitter moltissime opinioni simili alla mia e ne sono rimasta davvero contenta. Moltissime sono state le segnalazioni di meno caos in varie zone di Milano. Giuliano Pisapia, sempre via Twitter, fornisce un dato che ha dell'incredibile. Retwitto qui: "Primi dati . 19.000 ingressi in meno fra le 7.30 e le 12.30 (- 33%). Cambiamo le nostre abitudini per il bene comune "

Cosa ne pensate voi?

Commenti

  1. Se prima di entrare in vigore l'Area C, Milano mi piaceva tantissimo, adesso non ti dico!! Non vedo l'ora di tornarci, anche se lo vedo un po' difficile... :( Grande iniziativa del sindaco, secondo me! Complimenti per tutti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Teresa, sono contenta che anche a te piaccia questa iniziativa, in effetti è stata una scelta coraggiosa quella del Sindaco, speriamo che i risultati proseguano positivamente. La riduzione del traffico in questi primi 2 giorni è stata del 40%. Speriamo che per la prossima volta che verrai a trovarci a Milano dalla Catalogna avremo ottenuto miglioramenti ancora più apprezzabili! Un abbraccio e buona giornata, Manuela

      Elimina
  2. Certo io che non sono in Area respiro merda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per quello respiriamo ancora tutti la suddetta ;-S

      Elimina
  3. L'aria fa schifo come prima. E' solo che ora la gente gira intorno all'area C producendo più inquinamento dato cheil tragitto è più lungo.
    Chiaramente l'area C è stata creata per monetizzare e basta. Misembra ovvio

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …