venerdì 21 dicembre 2012

Il pacco regalo di Finzioni a... Quentin Tarantino

Il pacco regalo di Finzioni a... Quentin Tarantino di Manuela Raganati: scoprite su Finzioni Magazine quale libro mi piacerebbe regalare a Quentin Tarantino, famoso regista di moltissimi film splatterosi, come Kill Bill, Le Iene, Jackie Brown, Grind House, Planet Terror.
Indizio: è' un libro che mi ha cambiato la vita, per mille motivi che non sto qui ad elencarvi.
Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!

Read More

martedì 18 dicembre 2012

Doodle Google: Lo Schiaccianoci

di Manuela Raganati
Il Doodle di Google oggi è dedicato al magico balletto de Lo Schiacchianoci (The Nutcracker, in lingua originale), andato in scena per la prima volta, a San Pietroburgo, nel lontano 18 Dicembre 1892.

Sono passati 120 anni da quella gelida sera di fine Ottocento, riscaldata, però, dalle dolci e melodiose note di Pëtr Il’ič Čajkovskij.



Lo Schiaccianoci è un classico di Natale, una storia di bambini e doni, di musica e colori. Lo spettacolo verrà riproposto in molti teatri, durante le feste natalizie. Il Balletto di Mosca La Classique è in tournèe in tutta Italia. A Roma si esibirà il 22 Dicembre, a Milano il 25 e il 26. Per maggiori info, leggi qui.

I primi di Gennaio, dal 4 al 6,  lo spettacolo sarà riproposto anche dal Balletto di Roma, Direzione Artistica Walter Zappolini, al Teatro Manzoni di Milano. Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!
Read More

lunedì 17 dicembre 2012

In arrivo l'Archivio di Twitter

di Manuela Raganati


In questi giorni, Twitter ha iniziato il progressivo rilascio dell'opzione per scaricare il proprio Archivio Twitter. Alcuni utenti hanno già twittato la novità. La nuova attesissima opzione sarà collocata in basso, nella sezione Impostazioni. Twitter si allinea, così, a Google e Facebook, che già permettono ai propri utenti di scaricare alcuni dei propri dati personali. 



Questione di pochissime ore e anche in Italia si potrà richiedere il proprio Archivio integrale, per rileggere i propri tweets, dal primissimo al più recente, divisi per mesi e anni, rileggendoli come in un enorme diario digitale. La ri-lettura del catalogo di tutta la nostra vita mediatica su questo straordinario social network, nato ormai nel lontano 2006, sarà un'esperienza sicuramente divertente, quanto traumatica, in certi casi: ricordi belli e brutti, episodi significativi o meno, avvenimenti politici o calamità naturali. Cosa avete dimenticato del vostro recente passato online?

La memoria è l'archivio dove conserviamo notizie, dati, ricordi, immagini e pensieri. Il costante riuso di questo enorme archivio è fondamentale per la rilettura della nostra vita, per l'interpretazione del nostro passato.
La nozione di riuso è spiegata molto bene nel saggio di Edoardo Esposito, Sul riuso: pratiche del testo e teoria della letteratura"Il ri-uso è un atto di riappropriazione, in cui lo stesso oggetto è sottoposto alle modalità fruitive più diverse, attraverso circostanze che cambiano". 

Grazie alle tecnologie avanzate, la conservazione di dati, documenti, testi, indici, guide avviene sempre di spesso attraverso archivi digitali, che permettono al lettore un ri-uso più facilitato e più frequente delle informazioni ricercate. 

A Firenze, si è da pochi giorni conclusa la Conferenza sulla conservazione delle memorie digitali: "Trusted Digital Repositories and Trusted Professionals". Durante le due giornate dedicate alla Word Digital Library, ovvero la cosiddetta "Biblioteca di Alessandria del terzo Millenio", che contiene più di 1.200 documenti digitali multilingua e multiculturali, è stato lanciato un allarme importante. 


La memoria digitale è molto fragile: tra 30-50 anni potremmo perdere tutti i documenti inseriti negli archivi digitali di tutto il mondo. Secondo Paolo Galluzzi, Presidente della Fondazione Rinascimento Digitale, i supporti rigidi sui quali salviamo i nostri file digitali, avrebbero un tempo di conservazione di molto inferiore a qualsiasi altro supporto. A rischio sarebbero, quindi, documenti della pubblica amministrazione, della sanità, delle banche, della cultura, dell'arte, della scienza. E, ovviamente, i nostri archivi personali di memorie digitali. 

Di fronte al problema della conservazione a lungo termine della memoria digitale, sembra che stia sorgendo una nuova e contraria esigenza di molti cybernauti di ritrovare e ri-leggere le tracce digitali del loro passato mediatico. Torna, quindi, utile parlare di riuso, inteso questa volta come riappropriazione del ricordo digitale, nuova frontiera dell'entertainment sui social media. 

Così, se da un lato, la memoria digitale sui supporti sembra in forte pericolo, dall'altro, invece, sembra che l'elaborazione di tecniche di conservazione della medesima sia molto attiva nel fornire modelli di archivi personali, in grado di aumentare la consapevolezza di noi stessi, nel mondo virtuale.

Infatti, esistono app che ricostruiscono la time line dell'utente, acquisendo i dati personali proprio dai vari social network che questi abitualmente utilizza. Applicazioni come Timehop permettono di mantenere viva la propria memoria digitale e condividere con parenti e amici i più bei ricordi telematici. Facebook, Twitter e gli altri social media, invece, si basano sulla condivisione di notizie in tempo reale e, per questo, tendono a far slittare verso il basso le vecchie informazioni, senza lasciare spazio al nostro passato digitale

S. Shyam Sundar, direttore del Laboratorio di Ricerca Effetti dei Media, sostiene che questa sorta di archeologia del passato digitale sia importante per acquisire maggior consapevolezza delle proprie azioni online. Tutto ciò che condividiamo sui social network, infatti, viene progressivamente registrato e archiviato. Tutti i dati e le informazioni che pubblichiamo non appartengono ad una realtà fittizia, senza tempo, ma al mondo reale e possono creare serie interferenze sulla nostra vita sociale, affettiva e lavorativa. Sundar afferma: "Dobbiamo iniziare a prendere sul serio l'idea dei social network come auto-rappresentazione. I social media non sono più lo specchio del solo presente, ma anche del passato". Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!



Read More

venerdì 14 dicembre 2012

Regali Natale 2012: Altro mercato

di Manuela Raganati

A Milano nevica e l'atmosfera natalizia si sta surriscaldando in questo specialissimo #whitefriday! Sui social network impazzano le foto di bianche strade e alberi carichi di neve. Fuori dalla finestra, per contrasto, i suoni vengono magicamente attutiti  e la neve continua a scendere copiosamente. E da oggi inizia anche il countdown finale: -10 alla Vigilia!!!

Come siete messi con lo shopping natalizio? Avete già pensato a cosa regalare a parenti e amici? Oggi vi vorrei dare qualche idea carina su dove andare in questi giorni per terminare le vostre spese pazze. 

Fino al 25 Dicembre, potrete farvi un giro al famoso Banco di Garabombo, in via Mario Pagano, a Milano.
Read More

sabato 8 dicembre 2012

Salone Libro Usato 2012

di Manuela Raganati

Tra i mille eventi imperdibili del fantastico ponte milanese dell'Immacolata, senza dubbio, c'è il Salone del Libro Usato a Milano, Fieramilanocity, Padiglione 1, Viale Scarampo.


Dal 07 al 09 Dicembre, la Fiera del Libro Usato sarà aperta dalle ore 10 alle 19. Ingresso Libero. 

Troverete moltissimi stand, bancarelle con libri introvabili, fuori catalogo, esemplari d'antiquariato, cartoline da collezione, grandi e piccoli editori, rivenditori specializzati e tante, tantissime idee alternative per i vostri regali natalizi. Ma ve lo assicuro, quando si tratta di Salone del Libro Usato, vi ritroverete con i sacchetti pieni di regali per voi! Buon book-shopping a tutti. Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!


Read More

venerdì 7 dicembre 2012

Immagina Arte in Fiera, Reggio Emilia 2012

di Manuela Raganati

Apre oggi la quattordicesima edizione di Immagina Arte in Fiera, ricca di novità. Immagina rappresenta uno spaccato sul mondo delle arte figurative e un'occasione interessante per acquistare opere o approfondire il mondo dell'arte contemporanea.
Dal 07 al 09 Dicembre saranno presenti molti artisti e si susseguiranno numerosi eventi collaterali. Una sezione importante della manifestazione sarà dedicata alla Fotografia Europea. Gli organizzatori hanno deciso di proporre il lavoro fotografico del vincitore del circuito Off, il reggiano Lorenzo Fontanesi, assieme agli scatti dei 14 finalisti provenienti da ogni parte d’Italia: Luigi Barbato, Massimiliano Boschini, Monica Carrozzi, Sara Casna, Maurizio Cintioli, Collettivo QD, Déjà-vu, Antenore Diotallevi, Fabio Gasparri, Arianna Lodeserto, Annachiara Lodi, Marta Primavera, Progetto Refoto, Daniela Silvestri e Massimiliano Tempesta.

Ad Arte in Fiera 2012, sarà presente anche Renzo Nucara, in collaborazione con la Galleria Allegrini, con le sue fantastiche farfalle multicolor, in resine, oggetti, smalto, carta, legno. Nucara è uno dei sei fondatori del famoso gruppo Cracking Art, nato nel 1993.

ORARIO DI APERTURA: venerdì dalle 16 alle 20 - sabato e domenica dalle 10 alle 20 lunedì dalle 10 alle 13 COSTO INGRESSO: biglietto intero 10 euro - biglietto ridotto* 5 euro - gratuito fino ai 12 anni *riduzione valida per over 65, militari, disabili, invalidi, studenti fino ai 26 anni SEDE FIERISTICA: Reggio Emilia Fiere - Via Filangieri, 15 - 42100 Reggio Emilia Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!
Read More

giovedì 6 dicembre 2012

Intervista d'Artista: Daniele Fontana, ospite e reporter del mondo

di Manuela Raganati



Eccoci arrivati alla terza Intervista d'Artista!!!
Oggi BHOBLOG ospita la voce di un affermato fotografo, Daniele Fontana.  

Daniele si occupa di fotografia da molti anni: ha acquisito molte esperienze in questo campo, dedicandosi ai vari settori: landscapes, outdoor, matrimoni, collaborazioni con aziende importanti e ritratti. Daniele ha viaggiato molto e ora, dopo aver vissuto per anni, tra Milano e Londra, si è trasferito ai confini paradisiaci di un'isola straordinaria: la Sardegna

Ciao Daniele, grazie per aver acconsentito a partecipare a questa terza Intervista d’Artista, una novità del BHOBLOG, che ha come obiettivo di dar voce a molti artisti diversi, molto trasversali tra loro: fotografi, illustratori, designer, pittori, musicisti, scultori e tanti altri. 
Iniziamo:

1.    Quando hai scattato la tua prima fotografia? E con che modello di macchina fotografica? Da quel che mi ricordo, durante la mia adolescenza, con  vecchie macchine a pellicola formato 110 e polaroids. Non ero per nulla attratto dalla fotografia, scattavo solo per immortalare momenti come gite domenicali, in parchi e cose del genere; mi divertiva invece cambiare i rullini! Crescendo poi le fotografie diventavano un elemento di divertimento con amici nel rivederle, riderci su e ricordare quei momenti.

2.    Quali sensazioni provi quando scatti una foto? Nella paesaggistica ho trovato un connubio perfetto tra passione per l'outdoor e fotografia. Mi piace passare tempo in esterno, soprattutto da quando vivo in Sardegna dove ho l'imbarazzo della scelta tra mare, colline, boschi, dune etc... 

 Quello che provo e cerco è una meta con la fotografia come traguardo finale di quella temporanea avventura; tanto più è faticosa, tanto più colma di preparativi e desiderata sarà la meta e tanto più grande la soddisfazione.  Devo ammettere che spesso mi stimola molto più il percorso che l'arrivo. Per quanto riguarda la fotografia  più creativa, l'ispirazione può veramente giungere da qualunque parte: un libro, un brano, una "visione" ad occhi aperti o durante un sogno  che poi vengono elaborati anche nel corso di mesi. Frasi scritte in passato, battute con gli amici, tematiche sociali, scritte sui muri... beh, dovunque. Il processo più difficile, che poi è anche il più interessante, sta nello stendere idee realizzabili  che siano semplici ed efficaci... Rimane comunque un bisogno  giornaliero di esprimere pensieri di felicità, tristezza, malinconia, ironia... insomma di esprimermi attraverso la fotografia.


3.    Sul tuo sito (www.danielefontana.com), si possono vedere molte bellissime fotografie. Fotografi  una grande varietà di soggetti: landscapes,  matrimoni, prodotti, animali, fiori. Hai qualche preferenza particolare? E perché? Grazie mille. Ogni campo fotografico ha la sua sfida e comporta determinate conoscenze tecniche per essere svolto  al meglio. Cerco di usare tutte le nozioni che assimilo nei vari campi per intercambiarle tra loro, dando così vita ad intrecci molto interessanti e spesso imprevedibili. In questa maniera si scoprono filoni per idee, si estrapolano dettagli e particolari e si lavorano per perfezionarli. 

Non ho preferenze, anche se ultimamente adoro scattare ritratti in ambientazioni esterne magari già perlustrate e fotografate per delle sessioni di paesaggistica in precedenza. Il perché è semplice: riesco ad unire ritratto e paesaggistica.

4.    Parlaci di Luce di Gallura. Luce di Gallura nasce da un mio bisogno di rivalutare il territorio intorno a me. Un'esplorazione intima e personale, sia in termini di qualità della luce che umana.

 Avrebbe potuto nascere ovunque (ovviamente chiamandosi in altra maniera). Poiché sono stato un viaggiatore in passato, ho conservato il desiderio ed il senso di libertà, che ora è anche associato alla voglia di fotografare continuamente soggetti e posti diversi. Questa miscela è dunque l'input iniziale, riassunta bene da questo motto:

"Tutto è in continua evoluzione, cerca di fotografare quello che questi posti ti trasmettono ora, cosi da poter  rivivere in futuro queste emozioni  e sentire esattamente  quello che provavi".

Una sorta di diario della vita, un motto elaborato su uno dei 18  principi del Dalai Lama (#11). Cosi LDG nasce a ottobre 2011; ho passato mesi bellissimi a scattare prevalentemente albe. Ho dovuto fare i conti con varianti organizzative che nemmeno mi aspettavo ne arrivavo a pensare: umidità, durata delle batterie, onde improvvise che ti bagnano nel pieno della notte, banchi di nebbia che ti tengono fermo un'ora in cima ad una collina... beh tutte queste avventure anziché fermarmi mi hanno  fatto capire che questa era la strada giusta. 

Perciò, ho iniziato a perfezionarmi: dalla preparazione di uno zaino, con lo stretto indispensabile per varie situazioni, ad imparare a come raggirare eventuali ostacoli fotografici, anche con una buona post produzione.

5.    Ogni luogo racconta una storia. Qual è il tuo modo di leggere un luogo che fotografi? Su quali aspetti ti piace soffermarti? Dipende da come "vedo" la fotografia che ho in mente se in bianco e nero, a colori o con interventi di post produzione. Queste guidelines mi offrono una direzione per gli scatti. Studio un posto o una particolare inquadratura, secondo le varianti di come la luce si propone nella zona, nelle differenti ore della giornata.
Un controluce all'alba con strati di nebbia di scirocco sul mare, un promontorio di rocce di granito rosa o rosso  al tramonto: difficilmente (se non mai) ripropongo la stessa inquadratura due volte. Mi sono fatto un'idea su come gli agenti atmosferici  agiscano;  mi piace fotografare il mare con i forti venti di scirocco, o cieli di giorno con maestrale e tramontana. Quindi, a seconda di quello che cerco e mi immagino, aspetto che si presenti questo o quel vento. Consulto varie apps per il meteo, ma le migliori previsioni arrivano dalla gente del posto, senza dubbio. 


La storia di ogni scatto è una mia mini avventura personale, come già dicevo, e cerco sempre di convergere queste mie emozioni in un unico scatto. Questo è un  obbiettivo che mi sono imposto per cui scatto il minimo indispensabile, sia per motivi tecnici di spazio su hard disk, ma principalmente perché premere a ripetizione l'otturatore toglie quel senso di magia che c'è nella realizzazione dell'idea che ha dato il via al tutto, distanziandoti da essa. Quando mi capita di trovarmi a scattare a ripetizione, so già che è perché non ho un'idea, sto documentando un momento della giornata o preparando fotografie database di stock.

6.   Tavolara: uno dei tuoi soggetti preferiti. Spesso hai la fortuna di immortalare le sue forme, i suoi indescrivibili chiaro-scuri. Cosa si prova a scattare una foto d’artista davanti a sua maestà Tavolara? Tavolara. I miei archivi fotografici pullulano di sue foto. Con la neve, a mezzanotte sotto un cielo stellato, in estate in inverno, con maestrale, scirocco. Spesso mi dico: "Basta, sono stanco di fotografare il mare con Tavolara, perennemente all'orizzonte!", ed immancabilmente due mattine dopo, se non il giorno dopo, sono in qualche spiaggia ad aspettare il sole sorgere. 

Le sfumature, i colori, le tonalità dominanti che Tavolara assume sono sempre diverse, dalle centinaia di volte passate, per cui scatto come fosse la prima foto, cercando, anzi, di immortalarla nel pieno della sua maestosità. Diciamo che, poiché Tavolara si trova proprio di fronte a dove vivo, è una tappa fondamentale della zona. Di recente, ho avuto modo di scalarla per la prima volta dopo anni che la fotografavo, ed è stata una grande emozione che, insieme alle fotografie con la neve, hanno contribuito a creare un senso di totalità.

7
.    Raccontaci la tua scelta stilistica di fotografare la Sardegna durante le ore dell’alba.
Le albe sono una scelta fotografica appositamente ricercata. Il desiderio di fotografare la Gallura, secondo il mio punto di vista, mi ha fatto rendere conto, dopo varie ricerche su internet, che esistevano solamente fotografie stile vacanza, con luci di giorno, pomeriggi accecanti o ovviamente tramonti. Sporadiche se non inesistenti quelle all'alba. Cosi la cosa mi è sembrata valida come idea e, trovandomi anche  emozionalmente sulla stessa linea, ho iniziato a riproporre questi paesaggi estivi sotto una luce che, credo, molto pochi vedono dato l'orario. Forti contrasti, luci di traverso, colori intensi e molto saturi, attimi che sfuggono veloci. Mi trovo caratterialmente a mio agio con la drammaticità e l'azione che tutto questo che  mi offre.

8.    Come si vive in Sardegna? La Sardegna è ancora uno di quei pochi posti in Italia che ancora offre una vita  a portata d'uomo, anzi, molto spesso dove l'uomo, in mezzo all'elemento natura, è un piccolissimo ospite. Come in qualsiasi luogo, ci sono i pro e contro. Qui riscontro  troppo isolamento sociale e lavorativo nei mesi invernali, ma presto è già primavera. Personalmente  trovo la vera  bellezza della Sardegna nei mesi di autunno, inverno e primavera. Dipende da quello che una persona cerca: io mi sento “ospite del mondo” per cui, come dicevo prima, sento il bisogno, quasi dovere, di documentare al massimo i posti che visito o nei quali mi trovo a viverci per più tempo.  

Resta il fatto che, dopo 6 anni trascorsi a Londra, ritornando in un'ambiente cosi graziato da  bellissima e differente natura, ho scoperto, apprezzato ed iniziato ad esplorare qui la fotografia paesaggistica. Per questo ed altri motivi, rimango molto affezionato alla Sardegna, che non smette mai di insegnarmi qualcosa, positiva o negativa che sia.

9.    Hai mai pubblicato un libro? Hai mai pensato a collaborazioni con autori di poesie? A dire il vero mi piacerebbe moltissimo pubblicare un libro. Tempo fa, contattai un editore che rimase colpito dalle fotografie di Luce di Gallura, ma purtroppo mi spiegò gli oramai elevati costi di stampa dei libri in rapporto al calo della vendita degli stessi. Non riuscii, quindi, nell'intento di pubblicarlo. Trovo che la collaborazione con autori di poesie possa essere una cosa molto stimolante.
  
10. Se la tua fotografia fosse un quadro famoso, sarebbe… Un qualsiasi quadro di Vermeer.


Grazie Daniele, l’intervista è giunta al termine. Ti ringraziamo molto della tua collaborazione, ti facciamo tantissimi complimenti per i tuoi lavori e speriamo di poter presto pubblicare altre le tue splendide foto. Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook! Inoltre, se volete acquistare il fantastico calendario LUCI DI GALLURA 2013, realizzato per voi da Daniele Fontana, con tutte queste bellissime immagini della Sardegna, visitate il sito: www.danielefontana.com e seguite la sua pagina Facebook.
Read More

mercoledì 5 dicembre 2012

Dance of the Sugar Plum Fairy

di Manuela Raganati

The Dark Side of the Xmas: La Danza della Fata dei Confetti di P.Tchaikovsky. Cosa c'è di meglio per finire  una faticosa giornata? Gustatevi questo video:

P.TCHAIKOVSKY - "Dance of the Sugar Plum Fairy" / Nutcracker - Bolshoi Ballet 2010 


E, se ancora non foste sazi, eccovi l'altrettanto splendida versione Disney, dal film Fantasia:


Ora potete dirvi in pace con il mondo, eh? Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook! Buonaserata
Read More

martedì 4 dicembre 2012

Foreverglades: la Cracking Art a Miami

Galleria Ca` d'Oro e Cracking Art Group, presentano in collaborazione, il fantastico allestimento della Miami's Freedom Tower, in occasione della Miami Art Week 2012, la fiera d'arte più importante degli Stati Uniti, che inizia domani.
Cracking Art Group è famoso soprattutto per le bellissime lumacone rosa fluo, esposte lungo Miami Beach e nel centro di Milano, nel 2010. Recentemente, tinte di blu, le cracking snails sono stata la prima opera contemporanea ad essere esposta sulle meravigliose terrazze del Duomo di Milano. Le ricordate?



La straordinaria installazione di Miami sarà visibile fino il 9 dicembre: lo storico edificio da venerdì scorso è ricoperto con strane creature in resina. Foreverglades è il nome scelto per questa installazione, curata da Gloria Porcella e Wendy Blazier.



Alligatori, salamandre e rane dominano ora sulle radure di Miami. Le opere di William Sweetlove, in collaborazione con Cracking Group, sono state già esposte anche in molte città italiane: Milano, Roma, Venezia e Siracusa. Ma a Miami le creature in resina hanno traslocato ai piani alti di uno degli edifici più famosi di Miami: la Freedom Tower.
Una scalata con corde, però, perché il forte vento del South Florida, si abbatte con violenza sulle creature colorate, poste sull'edificio, mettendo a dura prova la struttura e il sistema di morse, attraverso il quale sono sostenute, lungo tutta la facciata della Miami Freedom Tower.
Molti eventi interessanti sono stati organizzati presso la Torre: http://www.for-everglades.com/
Domani 5 Dicembre è prevista una colazione privata con gli artisti del Cracking Group, che verranno ufficialmente presentati alla stampa. Un'occasione da non perdere, se domani capitate dalle parti di Miami! 
Click below for more images from Foreverglades, the pink snails, as well as Cracking's projects in other cities. View Gallery
                  Miami Freedom Tower
Read More

Milano, la giornata perfetta

Oggi il Corriere della Sera ha pubblicato questa bellissima foto. Questo è il cielo di Milano, perfetto nelle splendide giornate di freddo e sole di questi ultimi giorni. Godiamocelo prima dell'arrivo della prima neve, prevista per questo venerdì. Tirate fuori gli sci!!! :)



Read More

lunedì 3 dicembre 2012

Inverno in fondo

di Manuela Raganati

Il cielo limpido si tinge di quel blu cobalto delle notti di montagna.
Le strade, fredde e misteriose, ci portano insieme verso Ortica.
Prima del ponte, ci fermiamo.

Il Natale è sempre lì, t'insegue ovunque, nei pensieri, nei programmi,
nei ricordi, nella malinconia. Alcuni negozi, nonostante la crisi,
sembrano gli scenari di alcune fiabe di Charles Dickens. Starei ore
davanti a queste vetrine, incantata e trasognante, in attesa della
serenità...

Dopo il ponte, ecco Ortica, quartiere antico, al di là dei binari della stazione.
Al centro della piazza, davanti a San Faustino, stanno facendo un albero dagli addobbi blu cobalto. E' bello il paese dentro la città, in fondo, in fondo c'è l'Inverno. Sempre dritto!
Read More

San Donato

di Manuela Raganati

Un porto di mare
La periferia
Banchina umida
Attracco metropolitano
San Donato



Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!
Read More

giovedì 29 novembre 2012

Pace invernale

No Problem Fiinding Snow by tuchodi
No Problem Fiinding Snow, a photo by tuchodi on Flickr.
Incredibile pensare che un altro inverno si avvicina, un altro Natale è alle porte. Quest'immagine trasmette la serenità che spesso manca nei giorni che ci avvicinano alle Feste Natalizie. Per questo mi piace condividerla con voi lettori come augurio di pace... pace invernale! Che ne pensate?
Read More

domenica 25 novembre 2012

Racconto: Il Segreto

di Manuela Raganati

Sandra se ne andava passeggiando per la città. I suoi passi, dentro a sandali scollati, sembravano un'immersione a testa in giù, dentro a nuvole di vapore bianche, come quelle che si vedono dal finestrino dell'aereo e che vorresti prendere e stringerti al petto.
Il 2 di giugno era la Festa della Repubblica e, stranamente, i tram passavano più di frequente che nei giorni feriali. Il volto della giovane era assonato e perso. C'era qualcosa in lei che non le andava e che non riusciva proprio ad estirpare una volta per tutte. Quei giorni assomigliavano a tanti altri già vissuti. Si sentiva ancora impigliata in quella rete di sensazioni che le mostrava il mondo, molto più complicata di quello che in realtà fosse.

Read More

lunedì 19 novembre 2012

Milanera #Bookcitymilano

Book City Milano è stata una grandissima manifestazione culturale dal programma davvero ambizioso, tenutasi a Milano da giovedì 15 a domenica 18 Novembre. La kermesse è stata un'occasione importante per la città di dimostrare quanta vita e passione letteraria scorra ancora nelle vene dei milanesi e non. Una passione che non si è mai stancata di esprimersi, attraverso i propri autori, anime erranti in uno spazio difficile e contraddittorio, nella Milano dai mille volti e dai mille angoli oscuri.
Il fascino dei luoghi misteriosi e oscuri della Milano Noir è stata la tematica principale, al centro dell'incontro tenutosi a Palazzo Durando, con Luca Crovi, Gianni Biondillo, Gianni Simoni ed Elda Lanza, Marco Polillo, Giuseppe Pederiali, Massimo Gardella, Hansel Tuzzi e Alessandro Zaccuri.

L'evento 'Milanera', a cura di B-Movie Festival, è stato molto interessante, un piacevole momento per approfondire la conoscenza di alcuni tra gli autori di gialli più letti in Italia. I luoghi oscuri e la periferia di Milano sono stati gli argomenti più trattati dagli ospiti di Milanera.
Photo Credits: Monica Papagna
Gianni Biondillo ha raccontato, con una sorprendente verve, le sue avventure 'turistiche' al commissariato di Quarto Oggiaro, edificio costruito soli dopo l'uscita del suo romanzo 'Per cosa si uccide'. Solo una coincidenza o la fantasia è alla mercè della realtà? Biondillo fa sorridere gli ascoltatori in sala e racconta come la letteratura spesso crei i luoghi della città, con le sue straordinarie architetture immaginarie e non.

L'altro intervento brillante e degno di nota é stato quello di Giuseppe Pederiali a riguardo del Ponte delle Sirenette, titolo anche del suo famoso romanzo giallo del 2011. Il primo ponte in ghisa costruito in Italia e a Milano era ed è tutt'oggi decorato da statue di Sirene. Le belle Sirenette furono attrattiva speciale per i milanesi: il loro posteriore sembrerebbe essere stato molto apprezzato dai milanesi di allora, tanto che si tramandò un rito portafortuna. Al passaggio, una toccata sul posteriore delle Sirenette sembra che avesse l'equivalente significato dell'odierna 'massacrante' giravolta sulle cosiddette 'Palle del Toro' poste in Galleria.
Oggi Il Ponte delle Sirenette è posto all'interno del Parco Sempione.


Una Milano sconosciuta e inedita si può leggere proprio attraverso i luoghi più sconosciuti e dimenticati, o attraverso piazze e vicoli bui. Questi sono i Luoghi che possiamo conoscere e ri-conoscere nelle pagine di questi grandi autori capaci di ricreare, ognuno con il proprio stile, le tipiche atmosfere del romanzo giallo.

Read More

venerdì 16 novembre 2012

Award: Autore del giorno su Paperblog

di Manuela Raganati

Grazie allo Staff editoriale di PaperBlog per questo simpatico award che mi è stato appena comunicato!


Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!
Read More

Swap Party Fashion & Books: facciamo uno scambio?

di Manuela Raganati

Scambia abiti e libri, risparmiando in modo intelligente!
Direttamente dagli USA, ecco a Milano, la nuova moda di fare shopping. Anzi no! Di non fare shopping:
lo swapping!

E' impossibile che non abbiate ancora mai sentito questa parola! L'antico baratto, infatti,  oggi viene comunemente chiamato swapping. Ispirato all'antica forma di commercio, oggi ci si scambia prodotti nuovi e usati come capi di abbigliamento, libri, oggetti per la casa, libri, DVD.

A Milano, dal 22 al 24 Novembre, si svolgerà il primo Swap Party Fashion&Books, organizzato da Mikamai, in collaborazione con vinodalproduttore.it e Morellini Editore.


Come partecipare?
Read More

giovedì 15 novembre 2012

MagiKites su App Store per bimbi e famiglie

di Manuela Raganati

MagiKites è un ebook molto speciale: nasce da un progetto a cui tengo molto, che ho scritto e curato per Appsmob con tanta passione e impegno, sperando che piaccia a genitori e famiglie, ma soprattutto ai più piccoli!

Le splendide illustrazioni sono realizzate dalla mia migliore amica d'infanzia: Alessandra Liberato, un'illustratrice romana di grande talento, amante degli Aquiloni e delle belle storie per bambini.

La nuova collana digitale di libri illustrati e animati è da oggi disponibile su App Store per iPad, iPhone e iPod Touch al seguente link: http://itunes.apple.com/it/app/magikites/id560519493?mt=8


Il primo racconto, intitolato "Gli Aquiloni Magici di Nonna Lina", è gratuito, disponibile in lingua italiana e inglese. Prossimamente nella "Libreria degli Aquiloni Magici" di MagiKites, saranno disponibili tutti i prossimi episodi delle Avventure di Nonna Lina, Sofia, Gatto Maiu e dei loro amici!

Read More

sabato 10 novembre 2012

Ai piedi dei grattacieli

Piove e sono le quattro di notte, o di mattina che dir si voglia. La Notte è giovane o forse non più...

La voglia di scrivere batte dentro me e rende irrequiete le mie dita, quasi estensioni del mio pensiero.

Sotto i grattacieli di Garibaldi a Milano ci si sente ancora più piccoli: gli anni passano, la gente è sempre quella.

Ascolto il suono dolce dell'acqua che scende dal cielo e penso che stanotte non vorrei proprio addormentarmi.

Le illusioni bruciano dentro con la stessa fiamma del nostro destino, della nostra passione.

Meglio sognare di notte e svegliarsi di giorno con un unico obiettivo: non farsi calpestare l'anima.
Read More

venerdì 9 novembre 2012

Le stanze dei giochi su Hey Kiddo

di Manuela Raganati via Hey Kiddo
A Milano, la splendida Villa Necchi Campiglio, in via Mozart 14, domani e domenica 11 Novembre, si trasformerà in una grandissima Casa delle Feste, piena di bambini, giochi, dolci e sorprese. L'evento "Le Stanze dei giochi" è organizzato da il FAI – Fondo Ambiente Italiano.

 

 Al centro del centro espositivo, ci sarà un enorme Albero di Natale, tutt'intorno una ricca mostra-mercato di abiti, giocattoli e libri per bambini, accuratamente selezionati, durante la quale i bambini potranno partecipare a visite speciali, giochi e laboratori:
- “L’atelier presepe”: bambini si potranno cimentare nella realizzazione della natività con sagome di cartone riciclato da decorare con le tempere;
- “Piccoli chef”, laboratorio di cucina che permetterà di imparare a decorare gustosi biscotti di pasta frolla; - “Laboratorio di pasta di sale”, pensato per creare tanti addobbi per le feste sagomando la pasta;
- "Ciccolab", laboratorio per scoprire la storia e i segreti del cioccolato e per gustarlo;
- "Laboratorio Baba Libri": per gli appassionati di racconti e romanzi è in programma un interessante laboratorio di lettura, a cura della Casa Editrice Baba Libri.
Per i vostri primi regali di Natale potrete scegliere tra una grandissima scelta di giochi in legno o di società, di libri e giocattoli antichi, di capi di abbigliamento e passatempi didattici: saranno presenti artigiani d’eccellenza che esporranno i loro manufatti di alta qualità. Ad arricchire l’esposizione ci saranno anche “dolci pensieri” per gli amanti della buona cucina, che avranno l’occasione di assaggiare e acquistare ottime torte fatte in casa, cioccolata e castagne arrostite.
In più durante i due giorni di manifestazione – alle ore 10.30 e alle 16.00 – i più piccoli potranno partecipare a speciali visite della Villa a loro dedicate e saranno condotti dalle guide FAI alla scoperta degli ambienti della dimora (solo su prenotazione al numero 02.76340121). La manifestazione si svolgerà seguendo specifici criteri di attenzione e accoglienza verso le famiglie: parcheggio passeggini, possibilità di depositare i propri acquisti più voluminosi per poter continuare la visita e baby menu in Caffetteria. Hey Kids! Segnatevi subito in agenda questo fantastico e imperdibile evento e preparate mamma e papà a passare un weekend di shopping natalizio e super-divertimento insieme ai vostri fratellini, sorelline e amici! E buon weekend ne "Le Stanze dei Giochi"!
Biglietti di ingresso: Solo Manifestazione: Adulti 6 euro; Ragazzi (4-14 anni) e Iscritti FAI 5 euro. Manifestazione + Ingresso Villa: Adulti 12 euro; Ragazzi (4-14 anni) 7 euro; Iscritti FAI 5 euro. Per informazioni: Villa Necchi Campiglio, Via Mozart 14 – Milano: tel. 02.76340121; fainecchi@fondoambiente.it   Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!
Read More

martedì 6 novembre 2012

Apette e Millefiori: per loro un dono natalizio solidale

di Manuela Raganati

Un Alveare popolato da Apette e Millefiori sorge in mezzo alle bellissime valli della provincia perugina. No, non è l'inizio di una bella fiaba, ma bensì di un racconto vero, il racconto di una bellissima storia di solidarietà, che ha inizio nel 1938 dalla fondazione dell'orfanotrofio Alveare per volontà della Beata Madre Teresa Fasce.



A Cascia, in Provincia di Perugia, l'Alveare di Santa Rita ospita, ogni anno, circa 60 ragazzi e ragazze bisognosi di assistenza e aiuto. La Fondazione Santa Rita offre così un luogo sicuro e accogliente per questi giovanissimi con difficoltà familiari, affinché possano vivere in modo più sereno la loro infanzia e giovinezza. 

Le Apette, ragazze dai 6 ai 18 anni, provenienti da tutta Italia, vivono giorno e notte all’interno della struttura. I Millefiori, invece, sono ragazzi cresciuti con la loro famiglia nelle vicinanze di Cascia, ospitati durante il giorno dal lunedì al venerdì, dall’uscita di scuola fino a sera.


Sono moltissime le iniziative per sostenere la Fondazione Santa Rita in Italia e nel resto del mondo. Qui potrete trovare tutte le info utili: http://www.santaritadacascia.org

Illustrazione di Arianna Usai
Per Natale, ormai sempre più vicino, la Fondazione ha organizzato una vendita online di graziosi bigliettini d'auguri e del bellissimo calendario dell'avvento del Monastero Santa Rita da Cascia, firmati da Arianna Usai, talentuosa illustratrice dallo stile originale e fresco, che ci fa sognare con i suoi disegni ricchi di colore e poesia.

Regala per Natale ai tuoi bimbi, nipotini, amici questo bellissimo calendario: ogni giorno, sotto le finestrelle, ci sarà una graziosissima sorpresa:


Acquistalo, insieme ai bigliettini Natività e Presepe su http://www.santaritadacascia.org/ecommerce/categoria.php?pag=natale-solidale 

Assicurerai cibo, un’istruzione adeguata e un luogo dove crescere a tutte le bambine dell’Alveare. 

Il servizio, al momento, è valido solo per l'Italia.
Per informazioni, telefona allo 0743.750941 oppure scrivi a natale@santaritadacascia.org
Se ti è piaciuto, lascia un like sulla mia pagina di Facebook!
Read More
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates