lunedì 21 novembre 2011

Poesia: All'eterno di M.Guidacci

di Manuela Raganati

L'altro giorno ho letto su I luoghi dell'infinito, (una rivista molto bella, che ho scoperto durante i mesi trascorsi a lavorare in libreria), questa poesia di Margherita Guidacci  che mi ha colpito molto perché è davvero profonda, come l'eternità. Mi è piaciuta l'immagine di noi uomini come mare, onde che si infrangono continuamente sulle rive di questo "mutevole abisso".

All'eterno 

Come onde la tua riva tocchiamo,
Ogni istante è confine tra l'incontro e l'addio.
Dal nostro mare in te fuggire, nel nostro mare fuggirti:
PER CONTINUARE CLICCA QUI...

Non altro è di noi labili il destino.
Né tregua mai ci è data, anche se amore
Od altra arcana ansia più lontano ci spinse
Sulle tue sabbie, in vista delle torri
Della superba tua città. Ché ancora
Indietro ci trascina il nostro peso
Nel mutevole abisso -
Siamo di nuovo desiderio e lamento.

 (da Paglia e polvere, 1961)


Presto su BHO...BLOG
seguirà il pregevole commento di
Roberto Mussapi a questa poesia,
  pubblicato su I luoghi dell'infinito di Novembre 2011.

Tornate a trovarmi!






Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates