Passa ai contenuti principali

This must be the place ovvero l'insostenibile leggerezza dell'essere



 Ieri sera ho potuto assistere alla prima assoluta di This must be the place, il nuovo film di Paolo Sorrentino con Sean Penn attore protagonista, nei panni di Cheyenne, un cantante rock degli anni ’80, ormai fuori dallo star system. E fin qui, niente di strano. Il regista segue la vita quotidiana di Cheyenne, tra la spesa al supermercato, il caffè al bar, le cene con amici, lo sport e il sesso con la moglie, ma sempre indossando la stessa maschera, quel cerone bianco e il rossetto rosso, che tanto lo legano al suo passato e sotto i quali vorrebbe nascondere la tristezza della sua anima. Dilaniato dai sensi di colpa, Cheyenne si trascina quasi su sé stesso, trasportando con sé un carrellino, immagine penosa di una rock star ormai ‘in pensione’. Tutto il film mi è sembrato avvolto da quella che Kundera definì l’insostenibile leggerezza dell’essere. Sarà solo l’esperienza di un viaggio alle origini, in una surreale America, a restituirgli la voglia di vivere, la voglia di guardare al futuro, con un nuova coscienza di sé.


This must be the place è un film un po’ strano, apparentemente un po’ disconnesso. Sinceramente mi aspettavo qualcosa di molto diverso, forse una storia più rock. Ma forse è proprio qui che sta il significato di questa strana storia: il vero Cheyenne è quello che non si vede in apparenza. Quell’immagine dark che tanto colpisce nelle prime scene, via, via si affievolisce, lasciando trasparire i veri tratti del personaggio: l’insicurezza e la fragilità di chi non è stato amato abbastanza. La fotografia è molto curata: alcune scene in movimento on the road ricordano alcuni momenti di Into the wild, nei quali si riconosce lo zampino del regista Penn. L’America diventa così una sorta di paradiso perduto dove Cheyenne, ai confini dell’Inferno nazista, ritrova la strada verso il suo futuro.  L’Olocausto, infatti, è il grande tema di sottofondo del film. A volte, però, a mio parere, la storia sembra un po’ assurda, ma forse anche questo è un riferimento voluto all’assurdità della storia con la S maiuscola.
Sean Penn, come sempre, è bravissimo. Il personaggio di Cheyenne mi è piaciuto molto. La storia è un po' troppo disconnessa. Ma questa è solo un’opinione personale. Lascio a voi il giudizio. E faccio i miei in bocca al lupo a Sorrentino&Penn per questo attesissimo This must be the place.

(Manuela Raganati)

Commenti

  1. Mi attirava dal trailer, quasi quasi lo vado a vedere.

    RispondiElimina
  2. Sì, te lo consiglio, nel caso, fammi sapere cosa ne pensi... Mi interessa! E' un film molto particolare: la presenza di Sean Penn lo rende molto appetibile al grande pubblico, ma le tematiche e il ritmo del film sono piuttosto sofisticate. Quindi, non so se soddisferà le attese. Ma non per questo è da perdere! ;-D Grazie del commento! A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

La vera storia di Esther la super maialina | Edizioni Sonda

di Manuela Raganati

Esce oggi 8 Marzo 2018 per la casa editrice Sonda La vera storia di Esthter la super maialina, un albo illustrato di Steve Jenkins, Derek Walter e Caprice Crane. Illustrazioni di Cori Doerrfeldche.

Si tratta della versione illustrata per i più piccoli del libro best seller del New York Times, tradotto in tutto il mondo, Esther the Wonder Pig: Changing the World One Heart at a Time.


La maialina più famosa del web Tutto nasce da un fatto realmente accaduto. Nell’estate del 2012, due ragazzi canadesi, Derek Walter e Steve Jenkins, hanno deciso di allargare la loro famiglia (già composta da due cani e due gatti) adottando Esther, una maialina di appena sei settimane che credevano un «innocuo» porcellino d’India. Non lo era. Esther è cresciuta sempre di più fino a diventare la maialina più famosa del Web, con più di un milione fan sulla sua pagina Facebook “Esther the Wonder Pig”.

Esther è diventata una super star, ma ha soprattutto donato un nuovo senso alla vita dei…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …