Passa ai contenuti principali

This must be the place ovvero l'insostenibile leggerezza dell'essere



 Ieri sera ho potuto assistere alla prima assoluta di This must be the place, il nuovo film di Paolo Sorrentino con Sean Penn attore protagonista, nei panni di Cheyenne, un cantante rock degli anni ’80, ormai fuori dallo star system. E fin qui, niente di strano. Il regista segue la vita quotidiana di Cheyenne, tra la spesa al supermercato, il caffè al bar, le cene con amici, lo sport e il sesso con la moglie, ma sempre indossando la stessa maschera, quel cerone bianco e il rossetto rosso, che tanto lo legano al suo passato e sotto i quali vorrebbe nascondere la tristezza della sua anima. Dilaniato dai sensi di colpa, Cheyenne si trascina quasi su sé stesso, trasportando con sé un carrellino, immagine penosa di una rock star ormai ‘in pensione’. Tutto il film mi è sembrato avvolto da quella che Kundera definì l’insostenibile leggerezza dell’essere. Sarà solo l’esperienza di un viaggio alle origini, in una surreale America, a restituirgli la voglia di vivere, la voglia di guardare al futuro, con un nuova coscienza di sé.


This must be the place è un film un po’ strano, apparentemente un po’ disconnesso. Sinceramente mi aspettavo qualcosa di molto diverso, forse una storia più rock. Ma forse è proprio qui che sta il significato di questa strana storia: il vero Cheyenne è quello che non si vede in apparenza. Quell’immagine dark che tanto colpisce nelle prime scene, via, via si affievolisce, lasciando trasparire i veri tratti del personaggio: l’insicurezza e la fragilità di chi non è stato amato abbastanza. La fotografia è molto curata: alcune scene in movimento on the road ricordano alcuni momenti di Into the wild, nei quali si riconosce lo zampino del regista Penn. L’America diventa così una sorta di paradiso perduto dove Cheyenne, ai confini dell’Inferno nazista, ritrova la strada verso il suo futuro.  L’Olocausto, infatti, è il grande tema di sottofondo del film. A volte, però, a mio parere, la storia sembra un po’ assurda, ma forse anche questo è un riferimento voluto all’assurdità della storia con la S maiuscola.
Sean Penn, come sempre, è bravissimo. Il personaggio di Cheyenne mi è piaciuto molto. La storia è un po' troppo disconnessa. Ma questa è solo un’opinione personale. Lascio a voi il giudizio. E faccio i miei in bocca al lupo a Sorrentino&Penn per questo attesissimo This must be the place.

(Manuela Raganati)

Commenti

  1. Mi attirava dal trailer, quasi quasi lo vado a vedere.

    RispondiElimina
  2. Sì, te lo consiglio, nel caso, fammi sapere cosa ne pensi... Mi interessa! E' un film molto particolare: la presenza di Sean Penn lo rende molto appetibile al grande pubblico, ma le tematiche e il ritmo del film sono piuttosto sofisticate. Quindi, non so se soddisferà le attese. Ma non per questo è da perdere! ;-D Grazie del commento! A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …