Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2011

Cos'è un libro?

Un libro è l’incarnazione dell’esperienza globale di un uomo: traduce cioè la sua cultura e il suo modo di interpretare il mondo; registra e trasmette la maniera di guardare e riassumere ciò che un uomo ha percepito della realtà e quello che ha successivamente elaborato in sé.

Alba

La città si svuota, fresca Milano del luglio 2011, e
le parole rimangono attaccate alla bocca, diffondendo
all'interno un dolce sapore di novità e attesa.
Il tempo svanisce nella partenza: è in atto
un nuovo viaggio verso me stessa,
nella terra che amo,
lontana da qui,
battuta dai venti assolati del Mediterraneo.



















Ma ancora Milano dorme,
sospesa nell'alba incerta dell'oggi.

L'amore è eterno finchè dura

L'amore è eterno finchè dura è
 il titolo di un film che ho visto l'altra sera, una
commedia interpretata dal grande
Carlo Verdone, ed è anche una grandissima verità.
Ascoltate bene queste parole:



Perchè dobbiamo fare finta di essere forti?
Forse perchè non vogliamo ammettere a noi stessi che
l'amore tra due persone è limitato nel tempo e nello
spazio? O forse perchè ci illudiamo che l'amore sia
qualcosa di permanente e immutabile, capace di
resistere alle dure prove della vita o del matrimonio?
Perchè essere imprigionati nei grandi castelli che
abbiamo costruito, quando ormai essi sono solo
prigioni di noi stessi?
Perchè non liberarsi dall'idea dell'amore e tornare
a far l'amore?
Perchè non salvarci da essa, ricominciando da
zero?

Ricavare bioplastica dai rifiuti del giardino

La plastica è uno dei rifiuti solidi che, nella maggior parte dei casi, non è facilmente riciclabile ed inoltre non è biodegradabile.



Per questo motivo, i ricercatori dell’Università della Florida hanno studiato approfonditamente i componenti di questo materiale, scoprendo un modo per ricavare plastica naturale dai rifiuti del giardino.

Saudade

Domenica sera sotto questo cielo di Milano,
caldo, afoso e ora, nuvoloso, gravido di
violenta pioggia estiva. In arrivo un temporale,
tuoni e fulmini provengono da laggiù,
da quello che da anni ormai chiamo il mio
orizzonte, ma che, in realtà, è l'ultimo
aggregato di casa dove si interrompe
il mio sguardo imprigionato nel troppo
cemento della mia città.



Guardo lassù: il cielo quasi sfiora la mia
testa, tanto è carico di acqua. Sembra
quasi per partorire qualcosa di nuovo.

Il taglio, terza parte

PER LEGGERE LA PRIMA PARTE

PER LEGGERE LA SECONDA PARTE


Il mietitore di Van Gogh.

Quella donna, però, sapeva che non si può
vivere solo di sogni, restando fermi in un
punto, attendendo un miracolo. Ed era da
troppo tempo ferma su sè stessa, aveva
bisogno di iniziare una nuova vita e una
nuova vita si inizia sempre con un rito.

Il taglio, seconda parte

(PER LEGGERE LA 1° PARTE)

Il silenzio intorno a loro aveva qualcosa di surreale,
quasi lo stesso sommesso sospiro di campagna.
Le tapparelle della loro casa erano chiuse per fare
ombra, e quell'ombra rendeva la loro interiorità
ancora più appartata e protetta.
La donna decise che era venuto il tempo di
cambiare qualcosa in lei. Aveva trascorso un
lunghissimo e ininterrotto periodo a pensare
alla mietitura, ma l'inverno era stato lungo e
aveva portato molta pioggia, poca neve,
tanto freddo.

Il taglio

Nei campi coltivati della pianura lombarda,
dove il sole si annida luccicante negli anfratti silenziosi dei paesini
silenziosi, immobili e quasi inanimati, durante l'ora della canicola,
il grano veniva finalmente reciso e raccolto, splendente nel suo
color miele. Il senso di leggerezza dell'estate, che inesorabile
avanzava, passava proprio attraverso il rullio
dell'antica mietitrebbiatrice.

Frammento urbano

Dopo aver letto il mio racconto breve L'abbaglio, un'amica di nome Stefania mi ha inviato questa bellissima poesia urbana.
Trovo che esprima le stesse emozioni che prova la
protagonista del mio racconto davanti
al raggio di sole.














La letteratura ha questa magica facoltà di connettere le storie e di essere il grande macro-libro in cui nuotare all'infinito.
Grazie Stefania e buona lettura!