Passa ai contenuti principali

Il magico mondo dei libri













Grazie ad un amico, questa sera, su Repubblica.it
ho letto questa intervista a Roberto Roversi.
Mi è piaciuto molto leggere le parole di questo
grande intellettuale del nostro tempo.
Roversi, infatti, dopo aver combattuto la lotta
partigiana in Piemonte, si dedicò alla libreria
antiquaria Palmaverde a Bologna. In seguito, nel
1955, fondò Officina con Pasolini e Leonetti.
Dopo la metò degli anni Sessanta, decise di
non pubblicare più con i grandi editori e iniziò
ad autopubblicarsi, distribuendo liberamente i suoi
manoscritti.

In questa intervista, mi hanno colpito questi due
bellissimi passaggi:

Lei ricorda Kien, il bibliomane di Autodafé di Canetti,
 che ascoltava i libri parlare fra loro di notte...

"E cosa vuole che facciano i libri di notte?
Immagini la biblioteca dell'Archiginnasio, in inverno,
gelo e neve fuori, buio dentro,
i libri disposti in ordine bizzarro,
per altezza e dimensione, magari
si trovano fianco a fianco due volumi incompatibili,
si parlano, litigano, si sfidano a duello...
Poi, la mattina, quando torna il bibliotecario,
 tutto è di nuovo in ordine".

Ne ha mai sorpreso qualcuno in flagrante?

"Sicuro. Non bisogna mai fidarsi di loro.
C'era quel Battaglini, lazzarone d'un libro,
un in-quarto di argomento religioso,
malconcia rilegatura di pergamena,
io non avevo tempo per ripararlo,
 ma lui era impaziente, anche un po' arrogante,
allora lo sistemai per punizione in uno scaffale molto alto.
E la carogna si vendicò: un bel giorno si buttò da lassù
mentre passavo, mi colpì sulla spalla, per fortuna,
se mi avesse preso in testa non sarei qui a raccontarlo.
Lo vendetti subito, a poco prezzo, così com'era.
Il nostro rapporto si era spezzato irrimediabilmente".

Bellissima descrizione poetica di quello che accade
in libreria, quando i libri si nascondono, quando
non si fanno trovare, quando fanno gli scherzi,
quando si divertono a farti un po' arrabbiare...

Davvero un universo avventuroso e magico
quello dei libri!
(Manuela Raganati)

Commenti

  1. di chi è la foto scogliera di libri? STREPITOSA

    RispondiElimina
  2. Vero! Foto... amazing (Riassume tutti gli aggettivi e secondo me da più un senso di qualcosa che ti lascia senza fiato).
    Lui non lo conosco!

    RispondiElimina
  3. Davvero ingegnoso! Non conoscevo questo autore. Prendo nota. Addirittura quante nuove parole da imparare!! Un bacione.

    RispondiElimina
  4. Questa foto l'ho trovata su Google e mi fa molto piacere che vi sia piaciuta! Come potete vedere, infatti, è stata decretata la foto del giorno per un paio di settimane! Per Teresa: davvero un autore interessante!

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …