Passa ai contenuti principali

Gli occhi di un barboncino



Abituarsi ad un nuovo stile di vita
è davvero complicato. Pensavo fosse
più facile voltare pagina e iniziare,
finalmente, un nuovo capitolo della
mia vita. E' strano come, a volte,
le risposte che cerchi dentro di te
arrivino proprio dall'esterno,
da qualcuno che non ti conosce affatto.


La vita, a volte, è così strana.
Assomiglia ad una raffica di schiaffoni
in faccia, che non possono far altro che
scuoterti dentro e fuori. Vorresti fermarla,
vorresti che ti lasciasse un po' di tregua,
invece, continua a prenderti a sberloni.
E non puoi fare niente. Solo sopportare
questo momento, perchè, come tutto il
resto, fa parte del viaggio.
Anche se questo ti porta a dover salutare
le persone care con il magone nell'animo,
o ad abbracciare la persona che ami,
sapendo che non la vedrai per un po' di
tempo, o semplicemente ad incontrare
lo sguardo di un barboncino, legato al
guinzaglio al supermercato, sentendoti
un po' come lui.

Commenti

  1. E' sempre cosi. Ma è solo questione di abitudine. Vedrai che a breve non sarà più tanto difficile.

    Che tenero.

    RispondiElimina
  2. :-D Grazie dell'incoraggiamento Lady Revolution! un bacione

    RispondiElimina
  3. ho trovato interessante leggerti perchè mi rispecchio nelle tue parole, come credo ogni persona che sia passati di qui. Il percorso per quanto vari in durati e nelle sfumature è uguale per tutti, tutti proviamo certe emozioni ed è per questo che dovremmo farci più compagnia invece di affogare nell'egoismo. Un saluto

    RispondiElimina
  4. Caro Marcello, ti ringrazio molto per queste tue parole. Mi fa davvero tanto piacere che tu mi abbia letto e che tu capisca. Settimana scorsa, in effetti, sono proprio andata un po' in crisi. Ora va un po' meglio, ma è tanto bello sapere che siamo, in fondo, in fondo, tutti uguali, o meglio, è bello sapere che proprio quando ti senti strana e sola, ci sono tante belle persone a dirti che 'everything's gonna be alright', come cantava il grande Bob!

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …