Passa ai contenuti principali

WONDERLINE: potere ai colori! (1)

Il potere dei colori è creatività, ispirazione, leggenda, sensazione, tecnologia, inventiva, emozione, passione e immaginazione. Si è aperta proprio con queste parole la mostra-progetto WONDERLINE, tenutasi a Milano, dal 9 al 17 aprile, durante la settimana del Salone del Mobile 2011. Questo affascinante percorso tra pittura, ceramica, musica, poesia, profumi e make-up è stata ideato e organizzato da Studio Original Designers 6R5 Network, attivo da più di quarant’anni nel campo del design. Allestita all’interno del Padiglione Aeronavale del Museo della Scienza e della Tecnologia, location assai suggestiva per questo tipo d’eventi, WONDERLINE ha saputo soddisfare le attese perché ha creato un originale sistema di sovra-linguaggio astratto, attraverso il ri-uso e la sintesi dei numerosi linguaggi artistici e quotidiani.

Rita Alfano Roggero, una delle organizzatrici della mostra, a tal proposito, scrive: “Materia, impasto, liquido, amalgama, colore, passione unite a suoni, poesie, dipinti, fragranze, gusti, sentimenti, pensieri che avvicinano l’anima alla leggerezza della tranquillità, per vivere come dicono i Francesi, doucement”. Il visitatore, infatti, si ritrova immerso in un arcobaleno di emozioni, che inebriano la mente. Ogni angolo espositivo è dedicato ad un colore, associato ad un particolare strumento musicale, sulla base delle teorie di Kandisky, Itten e Wittgenstein fino agli ultimi sviluppi del pensiero contemporaneo.

WONDERLINE è, così, un viaggio nelle proprie emozioni più immediate e istintive: i colori degli splendidi quadri di Francesco Roggero, i suoni surreali degli strumenti ‘parlanti’ studiati dal CPM – Centro Professionale Musica – di Franco Mussida, le brillanti e preziose ceramiche firmate Cerasarda, il make-up Shiseido e le intense fragranze Serge Lutens Parfumes si uniscono in questa particolare dimensione artistica-sensoriale, vibrante e sinestetica. CONTINUA...

Si ringrazia Rita Alfonso Roggero per la disponibilità, la cortesia e tutte le informazioni su WONDERLINE.

(Manuela Raganati)


Sfera di ceramica Cerasarda.













Un dipinto ad olio di F.Roggero.

Strumenti 'parlanti' ideati dal CPM.




Didascalie con teorie sui colori.

Foto by Manuela Raganati, All Right reserved.
  

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …