mercoledì 4 maggio 2011

WONDERLINE: suoni e colori in un'esperienza multisensoriale







 
 
 
 
 
 
 
 
Per leggere la prima parte dell'articolo.

Il colore è l’anima delle cose, ma non solo. Ha il potere di toccare le corde della nostra sensibilità, con ritmi sempre diversi, ed è capace di farci percepire la realtà intorno a noi, in modo sempre nuovo, a seconda dei momenti e dei nostri stati d’animo. E’ dunque un ponte tra due mondi: quello interiore e quello esteriore.

WONDERLINE, la mostra-progetto di Studio Original Designers, è un vero e proprio esercizio sensoriale totalizzante, che permette al visitatore di conoscere gli aspetti più profondi dei colori. Ogni colore rappresenta un aspetto della nostra personalità ed è legato ad un suono. Ogni angolo della mostra è, così, dedicato ad un colore ed è associato a particolari strumenti, detti “parlanti”, che, per lo più, vengono suonati dall’aria. Franco Mussida, infatti, aggiunge: “L’Aria è la comune amica di Luce e Suono”.

Dei ventilatori, infatti, suonano uno xilofono, un piatto ride, un violoncello, un basso. Un pianoforte è collegato ad un computer ed emette tonalità particolari. Una campana tibetana, posta su un piatto per vinili ruotante, è mossa attorno ad un filo pendente, che funge da batacchio. Infine un tom-tom è suonato dal fruscio dell’acqua corrente. Insomma, veri e propri strumenti avanguardistici arredano le stanze dei colori di WONDERLINE.

La stanza dell’Ispirazione è blu. Il blu rappresenta l’aria e l’acqua, la profondità. E’ simboleggiato da un violoncello, che rappresenta la sensualità. La stanza della Leggenda è lilla e rappresenta l’energia del pensiero, la creatività e la logica. Il turchese, invece, rappresenta la Sensazione, l’acqua del mare o di un fiume che scorre. E’ il suono cristallino delle acque sorgive e il rimbombo profondo delle onde marine. Il giallo è il colore della solarità e dell’Emozione ed è associato ad un suono metallico. L’arancione è il colore della forza di volontà e dell’Inventiva. Attraverso i suoni potenti delle antiche campane tibetane è possibile ricreare l’energia di questo colore. Il colore della Passione è il rosso: il suo suono è quello di un tamburo a corda. Il viola, poi, è un colore trascendentale, che rappresenta l’Immaginazione. Il flauto riproduce la sua sensualità, con note di malinconia. Infine, il nero riassume in sé i concetti totalizzanti del silenzio e del suono assoluto ed il colore associato alla Tecnologia.

WONDERLINE è un’innovativa esposizione d’arte, capace di unire più voci, dall’arte, alla musica, alla poesia, fino, addirittura, alla pubblicità, in modo da rendere il visitatore partecipe di una ricca e avvolgente polifonia, per dirla alla Bachtin!

Si ringrazia Rita Alfano Roggero per la disponibilità, la cortesia e tutte le informazioni su WONDERLINE.


(Manuela Raganati)

L'arancione e la campana tibetana.

Il blu e il sensuale violoncello.

Il giallo e il metallo del piatto ride.

Un dipinto ad olio di F.Roggero.

Un altro dipinto di F.Roggero.

Dipinto di F.Roggero.

Foto by Manuela Raganati, All Rights Reserved.







Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates