Passa ai contenuti principali

La Mamma natura e noi, i piccoli, noi



E' una domenica mattina di maggio. Precisamente, oggi
è la seconda domenica di maggio, perciò, non ci si sbaglia:
oggi è la Festa della Mamma.
Guardo fuori dalla finestra e vedo gli alberi carichi di
primavera e di verde fogliame, teneramente accarezzati
da una brezzolina fresca, che ricorda un po' il solletico che
si fa ai bimbi per farli ridere. Non posso non rendermi
conto che un altro maggio è tornato a farmi visita a casa.

Un altro anno è passato, tra speranze avverate e sogni
ancora in cantiere. Tante persone sono al lavoro per
costruirsi la loro nuova vita e tutti si insegue qualcosa che
dia certezze sul proprio futuro, quando il futuro, per
antonomasia, è indeterminatezza. Però, nonostante
questo, e giustamente,
ognuno, ogni giorno, costruisce un gradino per
scalare quella che, in tanti, chiamano carriera.

Da Wikiquote, leggo una citazione di Stanislaw Lec,
che, scusate l'ignoranza, non so chi sia:
"Alcuni gradini della carriera conducono alla forca."
Ed ecco, allora, che capire quali siano questi
gradini sbagliati, quelli che ti portano nella direzione
sbagliata, mi mette un po' di preoccupazione, perchè
la prima cosa che ho capito, dopo essermi laureata,
è che tutto è uguale a prima, tranne le sensazioni
legate al tempo che scorre.

A maggio, non so bene per quale ragione, mi ritrovo
ad essere sempre più leggera e positiva, anche se la
vita non gira al meglio. C'è qualcosa nell'aria,
in quell'aria che solletica le idee e le sensazioni, che
mi fa riflettere sulla bellezza del tempo che scorre,
delle persone che vanno e vengono, delle inesorabili
fini ciclo, magari dopo grandi vittorie (vedi la mia cara Inter),
dell'invecchiare senza mai perdere la propria infantilità,
del conservare i ricordi più importanti negli affollati
e confusi sogni notturni, cercando sempre nuove strade
per sentirsi... semplicemente sentirsi.

Ieri, infatti, ho letto in un libro che non è lo stato di
felicità a far un uomo un uomo, ma piuttosto, la vita,
così com'essa è, così com'essa arriva, con quello
che porta, con quello che toglie.
Questo, pensateci bene, non è affatto un concetto
scontato: quante volte si rincorre la felicità, quando
questa spesso è lì vicino a noi, talmente vera, che
non ci si accorge di lei, sempre a rincorrere le
nostre chimere, spesso inutili illusioni che ci rendono
solo la vita più difficile.
Ad un certo punto, bisogna smettere di pensare,
magari prendendosi vicendevolmente a pallonate
in faccia, pur di riuscirci, come fanno due dei
protagonisti di I heart Huckabees,
Le strane coincidenze della vita.
E tornare ad apprezzare quello che realmente si
ha, smettendo di ambire a volere quello che già
si ha. Soprattutto, per una semplice ragione,
che la natura, in primis, cerca di insegnare ad
ogni passaggio di stagione: e cioè che
la bellezza non è eterna, che tutto cambia, che ogni
cosa è in divenire, che l'attimo è inafferrabile e
unico. Tutte cose che fanno male, lo so!
A me capita, spesso, con le immagini.
A volte, mi rendo conto che sto guardando
qualcosa che mi piace o che mi dà
emozioni e che vorrei fermare l'istante,
vorrei fermarmi lì in eterno,
vorrei fondermi con quel tramonto, con quel
mare, con quel piacere, con quell'albero,
là fuori, così vivo, pieno di luce, giovane.
E mi capita anche con i sentimenti e gli affetti:
vorrei che certe emozioni, certe passioni
siano sempre intatte, durature, eterne.
Mi spaventa perdere le persone che amo,
mi attanaglia la paura di rendermi conto che
esse sono cambiate o che sono volate via,
chissà, poi, dove...
Ma questa ansia che arrovella, a volte,
lo stomaco o la mente, si placa con la
crudele saggezza che insegna la natura,
appunto, quella che impari solo osservando
le cose, solo vivendole nel loro profondo
significato, che non è un segreto per pochi,
ma anzi, è un messaggio per tutti.
Solo che, a volte, l'egoismo ci chiude i sensi
e ci fa perdere molti, utili, preziosissimi
insegnamenti per vivere, semplicemente
Vivere.
 
E chi più di una Mamma può simboleggiare
la natura, la vita, la nascita, l'amore, il nutrimento, 
gli insegnamenti, il sacrificio, la felicità,
ma anche
la morte, la fine, il cambiamento, il distacco,
il dolore, la perdita, la via, le incomprensioni,
le differenze, le uguaglianze, le verità e
i segreti di tutti noi?
 
La Mamma è il nostro vero e unico punto
di riferimento per la crescita, vera e unica
fonte di noi stessi, nella quale possiamo
rifletterci, e spesso, ritrovarci.
 
Un sincero augurio alla mia Mamma e
a tutte le Mamme del mondo!

(Manuela Raganati)

Commenti

  1. Qui la Feste delle Mamme è la prima domenica di maggio. Non puoi immaginare come mi sono piaciute le tue riflessioni. Ieri sono andata a fare una giornata di meditazione è una delle conclusioni a cui sono arrivata è precisamente questa: la vita è un fluire costante come un fiume che ci porta avanti. È inutile voler arrampicarsi ad un bel albero che troviamo nel nostro percorso. La corrente ci porta via inesorabilmente. Auguri per la tua mamma. Un bacio.

    RispondiElimina
  2. Grazie Teresa e auguri anche a te che sei una bellissima e affettuosissima mamma! Che bello poter fare meditazione: quando praticavo yoga, mi piaceva molto, dovrei riniziare ad esercitarmi per il fisico e per l'anima! Infatti, queste riflessioni sono giunte dall'osservazione della natura in questo periodo che mi piace molto. E proprio perchè mi piace un sacco questo momento dell'anno, vorrei che non passasse mai, invece...

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …