Passa ai contenuti principali

Il caso SISTRI (Manuela Raganati per TuttoGreen)

Il Sistri (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) sarebbe dovuto entrare in vigore nell’Ottobre del 2010. Promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il nuovo Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti si propone di alleggerire la burocrazia legata allo smaltimento dei rifiuti da parte delle imprese, riducendo i costi sia per lo Stato, sia per l’imprenditoria e migliorandone l’efficienza.

Come si legge nel sito del Ministero, il Sistri prevede, inoltre, di sostituire i tradizionali sistemi cartacei, registri, formulari rifiuti e dichiarazioni attuali, con un sistema elettronico di controllo che sarà maggiormente efficace per monitorare, su tutto il territorio nazionale, il complesso itinerario degli automezzi che trasportano, tra i vari centri di smaltimento, i rifiuti speciali e pericolosi e i rifiuti urbani nella Regione Campania.

Il Sistri, sulla carta, è apparso subito uno strumento importante, in grado di beneficiare sia sullo stato dell’ambiente, sia gli interessi dello Stato e delle aziende, ma nella realtà dei fatti, la gestione del progetto è apparsa approssimativa. Si sono, così, verificati numerosi ritardi nella distribuzione dei dispositivi elettronici necessari per l’avvio del Sistri: le Black box, da installare sui camion che trasportano i rifiuti ai centri di raccolta e smaltimento, e le chiavette USB per comunicare in modo innovativo e veloce i dati registrati, durante tutto il processo di smaltimento dei rifiuti.

Continua la lettura su TuttoGreen

(Manuela Raganati, in collaborazione con la redazione di
Tutto Green, portale interamente dedicato alla green economy)

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …