lunedì 9 maggio 2011

Il caso SISTRI (Manuela Raganati per TuttoGreen)

Il Sistri (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) sarebbe dovuto entrare in vigore nell’Ottobre del 2010. Promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il nuovo Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti si propone di alleggerire la burocrazia legata allo smaltimento dei rifiuti da parte delle imprese, riducendo i costi sia per lo Stato, sia per l’imprenditoria e migliorandone l’efficienza.

Come si legge nel sito del Ministero, il Sistri prevede, inoltre, di sostituire i tradizionali sistemi cartacei, registri, formulari rifiuti e dichiarazioni attuali, con un sistema elettronico di controllo che sarà maggiormente efficace per monitorare, su tutto il territorio nazionale, il complesso itinerario degli automezzi che trasportano, tra i vari centri di smaltimento, i rifiuti speciali e pericolosi e i rifiuti urbani nella Regione Campania.

Il Sistri, sulla carta, è apparso subito uno strumento importante, in grado di beneficiare sia sullo stato dell’ambiente, sia gli interessi dello Stato e delle aziende, ma nella realtà dei fatti, la gestione del progetto è apparsa approssimativa. Si sono, così, verificati numerosi ritardi nella distribuzione dei dispositivi elettronici necessari per l’avvio del Sistri: le Black box, da installare sui camion che trasportano i rifiuti ai centri di raccolta e smaltimento, e le chiavette USB per comunicare in modo innovativo e veloce i dati registrati, durante tutto il processo di smaltimento dei rifiuti.

Continua la lettura su TuttoGreen

(Manuela Raganati, in collaborazione con la redazione di
Tutto Green, portale interamente dedicato alla green economy)



Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates