Passa ai contenuti principali

Cammina, cammina: un viaggio alla ricerca dell'Unità d'Italia

In tempo di elezioni, è più facile fare riflessioni sull’incapacità del nostro Paese di guardare in una direzione unica.

Ne sono testimonianza gli opposti schieramenti che si danno battaglia alle urne in questi giorni. Sinistra, destra, centro non fanno altro che proporre una litigiosità che mette in ombra addirittura i loro programmi elettorali, cercando di convincere più votanti possibili, senza, poi, riuscire nella maggioranza dei casi a risolvere effettivamente i piccoli e grandi problemi, a campagna elettorale terminata.



Ma chi veramente propone il bene per l’Italia, senza badare solo ai propri interessi?


Il problema è sempre lo stesso, da secoli: l’Italia è un Paese disunito. Anche se da poco si è festeggiato il cento cinquantenario dell’Unità d’Italia, le lotte politiche e le tensioni istituzionali non fanno altro che dimostrare il contrario.

Allora è importante marciare tutti insieme, senza bandiere, slogan né striscioni sulla via che ci possa riportare all’unione. Magari, partendo proprio da azioni concrete. L’iniziativa Cammina cammina proposta da Tribù d’Italia e Consorzio Cascina Cuccagna ha davvero dell’incredibile! Si tratta di percorrere interamente a piedi l’Italia, da Milano a Napoli, a tappe. Il lungo cammino partirà il 20 maggio 2011 e l’arrivo è previsto il 3/4 luglio. Gli organizzatori si propongono di ricucire l’Italia attraverso i passi di tutti coloro che vorranno prendere parte a questa esperienza davvero straordinaria, ognuno a seconda della propria disponibilità e delle proprie capacità di resistenza.

L’obiettivo è proprio quello di proporre un viaggio collettivo, una sorta di pellegrinaggio verso la vera Unione dell’Italia, quella raggiunta grazie al contatto con altre realtà e al movimento fisico perché se c’è una cosa che non possono toglierci è la nostra capacità di muovere i nostri corpi e le nostre menti nello spazio e nel tempo, affermano gli organizzatori.

(Manuela Raganati per Tutto Green)

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …