Passa ai contenuti principali

The royal wedding. Per chi, come me, ieri ha sognato un po'...

Non lo nego, ieri, mi sono ritrovata inaspettatamente a seguire,
con una certa emozione, il matrimonio reale di Will&Kate.
Dico, inaspettatamente, perchè quando ho saputo che Rai 1
seguiva in diretta l'evento, mi sono meravigliata e, tra me e
me, ho pensato che fosse un'inutile scemata, non essendo
fan della casa reale, nè delle vicende amorose dei piccoli
rampolli Windsor.
Poi, però, ieri mattina, ho iniziato a seguire la diretta su
Repubblica.it e devo dire che l'evento mi ha incollata lì
a guardare quella che tutti hanno ribattezzato la favola moderna
di Will&Kate.
E' strano pensare che queste cose ti facciano un po'
sognare, ma è così, perchè, in effetti, c'erano tutti gli ingredienti
che rendono perfetta una favola. La Cenerentola moderna
riesce finalmente a sposare il Principe e arriva
nella bellissima cattedrale di Westminster, attraversando una
città che l'acclama, avvolta in un candido vestito e in un
velo che la rende ancora più bella. I buffi invitati, in atteggiamenti
grotteschi e impacciati, si siedono nella grande navata dove
la Principessa sfilerà fino all'altare. Il suo Principe l'attende
fiero e innamorato, emozionato e ancora acerbo per il ruolo di
re. Affianco a lui, il testimone, the best man, il Principe Harry.
Il dramma della perdita della madre Diana rende ancora più
affascinanti questi due giovani uomini in divisa.
La sposa Kate arriva nella sua semplice e perfetta eleganza
di chi non ha niente da dimostrare, di chi non ha timore di
essere com'è. La gialla regina di Inghilterra presiede la cerimonia
in atteggiamento severo e accigliato, ma, sotto, sotto,
da buona nonna, è emozionata per suo nipote William.
La damigella tiene nelle mani, con cura, il lungo strascico
dell'abito della sposa: è lei che, alla fine della cerimonia,
riconsegna il bouquet a Kate. Tutti, protagonisti e
comparse, appaiono bellissimi,
perfetti, eleganti. Le luci, l'altare, i cori anglicani:
il contesto è da fiaba, sopratutto,
quando i due sposini, dopo aver attraversato la cattedrale,
escono e salgono sul bellissimo cocchio che inizia a
volare, in mezzo a cavalli e cavalieri, sfilando
magicamente tra le vie di una Londra incantata,
per un giorno, una città immaginaria e fatata.

Forse qualcuno non capirà, anzi, mi prenderà in giro
per questo post, ma io ho voluto condividere lo stesso
la bella emozione che ho provato ieri. Forse perchè
uno si immedesima, come se stesse assistendo ad un
film, o forse perchè non capita tutti i giorni di assistere
ad un matrimonio reale, oppure forse perchè l'animo
romantico femminile (e non) è sempre pronto ad
accogliere storie fiabesche.
In realtà, credo, che tutti noi siamo ancora rimasti
in fondo, in fondo, un po' bambini e sentiamo la
mancanza delle fiabe con cui siamo cresciuti.
Assistere ad un matrimonio è sempre emozionante,
ma quando si tratta di un matrimonio di un Principe,
lo è ancora di più e sognare un po' non fa mai male!

(Manuela Raganati)

Commenti

  1. È bello avere emozioni e condividerle. A me tutta questa roba del matrimonio reale non mi dice niente. Forse si vede più fiabesco dagli occhi di un paese in cui non c'è la monarchia. Nel XXI siecolo la monarchia è un'istituzione non necessaria e dispendiosa. Ma lo so che sono un po' più prammatica...

    RispondiElimina
  2. Ma sai, Teresa, non è tanto il fatto della monarchia, quanto della curiosità di vedere l'evento in diretta, provare emozioni legate al matrimonio e alla fiaba, perchè un matrimonio così è indubbio che sia fuori dal comune e faccia sognare... Capisco poi che il tam-tam mediatico sia stato eccessivo e fastidioso o che ad alcune persone, come a te, non sia interessato, ma io l'ho seguito con gli occhi incantati di una bambina che guarda un cartone della Disney! :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …