Passa ai contenuti principali

Recensione di PARTITA A CALCIO CON PASOLINI di D'Ambrosio Angelillo, Edizioni Acquaviva

In un campo di periferia sospeso tra sogno e realtà, Joseph si ritrova a giocare una partita di calcio con Pier Paolo Pasolini, l’ultima partita di Pasolini. Emerge così un ritratto inedito del famoso autore friulano, colto nella semplice atmosfera della vita quotidiana di una fantomatica Sesto San Giovanni «in piena Venezia Giulia, credo». Il gioco del calcio, infatti, è stata una delle più grandi passioni di Pier Paolo. Enzo Biagi in un’intervista del 4 gennaio 1973, su «La Stampa», gli chiese: “Senza cinema, senza scrivere, che cosa le sarebbe piaciuto diventare?”. Pasolini rispose: “Un bravo calciatore. Dopo la letteratura e l'eros, per me il football è uno dei grandi piaceri.”

Tra le pagine di questo nuovo libro di D’Ambrosio Angelillo, infatti, è possibile osservare numerose foto di Pasolini calciatore. Esse introducono alla lettura del racconto e rappresentano una vero e proprio accesso diretto agli spalti del sogno di Joseph. Pasolini scrive: «Il sogno di ogni giocatore (condiviso da ogni spettatore) è partire da metà campo, dribblare tutti e segnare. Se, entro i limiti consentiti, si può immaginare nel calcio una cosa sublime, è proprio questa. Ma non succede mai. E’ un sogno». In questo racconto, infatti, la figura dribblante di Pasolini è surreale. Colpisce per la sua atleticità, il suo incedere veloce in avanti e indietro nel campo, da buona «ala sinistra di sfondamento», ma è, allo stesso tempo, una presenza quasi intermittente, che appare e scompare nel campo visivo di Joseph, come se fosse un’apparizione in un sogno. Il personaggio di Pasolini è, infatti, un bravissimo dribblatore: «Faceva finte, scartava di lato e crossava. Alzava la testa e tornava indietro. Era uno dei migliori. Rallentava, si fermava, poi ripartiva a tutta corsa. Prendeva il pallone, se lo alzava a mezz’aria e tirava al volo. Il portiere saltava ma a vuoto. GOL!».

Il calcio è una metafora di vita: una sfida volta a insaccare la palla nella porta è, infatti, come una vita spesa a rincorrere la verità. Il pallone gira, rimbalza, va, viene, esce dal campo proprio come si succedono gli eventi della vita, i fatti, le storie e i giocatori in campo sono gli interpreti del destino, o del caso, come meglio si preferisce. I calciatori furono definiti da Pasolini “podemi”, ovvero delle specie d’unità minime del linguaggio calcistico, “vero e proprio discorso drammatico”. E’interessante notare come, in questo racconto di D’Ambrosio Angelillo, il sistema dei personaggi-“podemi” sia formato proprio da giocatori scapestrati che tanto ricordano i personaggi dei romanzi pasoliniani, soprattutto per i loro nomi: Rigoletto, Pastatoppa, Cornacchia, Braccio di Ferro, Nerone. Dopo una lunga carrellata panoramica che descrive gli attanti e lo spazio della storia, il narratore constata che «Tutti alla fine risultavano decentrati e malinconici», come se nella storia s’imponesse la tipica marginalità dei personaggi pasoliniani.

D’Ambrosio Angelillo, in questo suo pregevole racconto, gioca con Pasolini un calcio fondamentalmente prosastico, ricco di passaggi “geometrici”, frutto della buona organizzazione di uno schema che affida il “GOAL” alla conclusione, per dirla alla Pasolini! E’ una lettura originale e onirica, da assaporare tutta d’un fiato, come se fosse una vera partita, che non si sa come vada a finire. Anche se «La vita non è mai interamente un gioco. […] E quell’uomo non era un uomo qualsiasi, era Pasolini».

(Manuela Raganati)



Per maggiori info su D'Ambrosio Angelillo:

Commenti

  1. Ho un po' di curiosità per questo autore, il cui blog ho visitato, e i suoi libri. Pensavo acquistarne alcuno a Milano, me ne puoi riccomandare qualque? Così cominci a fare di personal shopper ;) Grazie di cuore. Un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …