Passa ai contenuti principali

La mia Sardegna

Il mare è qui a pochi passi da me. Ne sento il profumo,
il rumore, l'anima irrequieta delle sue onde.
Il silenzio di questo luogo entra nel profondo. I pensieri
qui non si affollano, si perdono. La mente si svuota
completamente, tutto vola via nel vento:
rimane solo tanta pace, confortevole sensazione dopo
tanto stress, dopo tanto lavoro, dopo tanto sognare.
L'acqua benedice la mia pelle ogni mattina come se un
sarcedote compiesse il suo rito, con l'amore delle sue
morbidi mani: mi accarezza il viso, lambisce i miei
tratti e mi lascia la salsedine sulle mie ferite.

Camminare sulle spiagge deserte, nel vento umido del
Sud, sotto una pioggerellina fine, fine che sembra
zucchero a velo. Mano nella mano, non mi sento mai
sola. Forse, a volte, il mio animo irrequieto vorrebbe
perdersi e confondersi in questo universo di bellezza
selvaggia e ancora incontaminata, ma per fortuna,
c'è sempre la sua mano che mi tiene stretta e non mi
fa volare via, lontano.

I colori, nonostante le nuvole grigie, qui sono sempre
brillanti e vivi. I fiori colorano le stradine sterrate e
verdi d'erba. Per ora, il senso che sta traendo più
giovamento da questa vacanza marina è l'olfatto:
i profumi della macchia mediterranea, in questo
periodo, sono così avvolgenti e forti che ti inebriano
il respiro. La pioggia, poi, li rende ancora più freschi
e genuini.

(Manuela Raganati)

Commenti

  1. conosco i profumi primaverili della sardegna ma sentirli descrivere da te mi da la sensazione di essere davvero li! buona pasqua dolce manu, passala bene e continua a ricaricarti di energia marina!

    RispondiElimina
  2. Mi fa piacere sentirti così ottimista. Vedo che le tue vacanze vanno benissimo. Sono contenta per te. Oggi di fronte al mio pezzo di Mediterraneo pensavo che anche te guardavi il mare, lo stesso mare che ci unisce. Un forte abbraccio, cara Manuela, e buon ritorno.

    RispondiElimina
  3. Care ragazze, Ale e Teresa, qui si sta davvero bene, il mio paradiso la Sardegna! Sono felice che abbiate letto già i miei pensieri: ne ho in serbo tanti altri... Vi abbraccio forte e spero che anche voi stiate bene, nei vostri mari...

    RispondiElimina
  4. Fortunato chi se lo può permettere, senza avere bisogno di lavorare...

    RispondiElimina
  5. Sei in Sardegna e non dici niente? Brava Brava Brava!

    RispondiElimina
  6. E' vero caro Anonimo, ma tutti hanno bisogno di lavorare! :-D E caro Enry purtroppo è stata una toccata e fuga, e ora, non sono già più in Sardegna, ahimè!

    RispondiElimina
  7. Bellissima l'idea di un loft dove fare casino tutti insieme e senza dovere poi fare ordine.

    La Sardegna gran bella terra..peccato ci sono stata solo una volta.

    RispondiElimina
  8. Grazie mille Barbara, è sempre bello ricevere complimenti gratuiti per quello che si fa con amore e speranza. Come sei arrivata da queste parti? Sei la benvenuta su BHO...BLOG, torna ogni volta che vuoi, mi raccomando! La Sardegna è favolosa, sì, anche lì puoi tornaci quando vuoi! ;-D Ciao, Manuela

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …