Passa ai contenuti principali

Il derby di Milano

Stasera, il grande evento: Milan-Inter, una partita
imperdibile ed emozionante! Quest'anno ancora di
più perchè le due squadre si giocheranno in 90 minuti,
il Campionato.
Nel calcio, fino alla fine, non si può mai dire di aver
vinto, ma stasera chi vincerà si porterà a casa una
vittoria psicologicamente determinante per le sorti
del Campionato più bello del mondo, almeno una
volta era così! E allora, stasera, chi avrà la fortuna di
essere allo Stadio di San Siro avrà le coronarie a
mille: i riflettori sul campo illumineranno le maglie
dei giocatori, i cori delle curve investiranno gli spalti
e i brividi di emozione scorreranno sia sulla pelle interista
sia su quella milanista. Le usuali coreografie
scenderanno sulle due curve: a Nord il biscione
neroazzurro e a Sud il diavolo rossonero saranno
gli emblemi di un'eterna sfida tra cugini.
Al Meazza sarà una calda serata primaverile
e ogni tiro verso la porta del Milan o dell'Inter
sarà seguito da un forte boato e magari da qualche
fumogeno. Anche da casa, i tifosi urleranno per
incitare i propri colori, tutti attaccati ai televisori,
senza perdersi nemmeno un minuto della stra-cittadina.
Per due ore le strade di Milano saranno deserte e silenziose,
nonostante sia sabato sera.

Ricordo tantissimi derby, sopratutto quelli vinti dall'Inter.
Uno, però, è scolpito nella mia memoria perchè fu giocato
a fine agosto. Era appena nato il mio secondo nipotino e poche ore
prima della partita, l'avevo tenuto in braccio per la prima
volta. Ero così felice ed emozionata che la partita era
finita in secondo piano. Uscii dall'ospedale verso le
otto di sera, tornai a casa a piedi dalla Macedonio
Melloni. La città era ancora calda e afosa, il mio
papà tifoso era ancora lontano, i locali tutti sintonizzati
sul derby. Le strade erano deserte, ma dalle finestre
aperte, si sentivano spesso delle urla calcistiche.
Io passeggiando verso casa non mi curavo affatto
del risultato perchè ero così presa dalla felicità di
aver da poco abbracciato una nuova vita che tutto
il resto non aveva più importanza. E, poi, sapevo
che una partita vista senza il mio papà, sarebbe stata
una partita noiosa... Fu emozionante, però,
sentire l'atmosfera del derby nelle strade e, per una
volta, far finta di non esserne interessata.
A pochi passi da casa, arrivò sul mio cellulare un
messaggio scritto da mio padre: "Stiamo giocando
una grande partita!"
Quel derby del 29 agosto 2009 finì 4 a 0 per l'Inter,
davvero una gran partita!

(Manuela Raganati)


Commenti

  1. Greetings from Finland. This blog is a fun, through access to other countries, people, culture and nature. Come see Teuvo pictures on my blog. Tell your friends why he must visit Teuvo pictures on my blog. Therefore, to obtain your country's flag rise higher Teuvo blog pictures of the flag collection. Have a wonderful weekend Teuvo Vehkalahti Finland

    RispondiElimina
  2. Manu!!! Oggi conoscerai il mio lato tifoso. Il Real Madrid ha perso 3 punti giocando a casa!!! Alle 10 comincia la partita del Barcellona (cui conosciuto come Barça). Se vinciamo è praticamente sicuro che lo scudetto è nostro!!!
    Sabato 16, il giorno in cui arriverò a Milano, infatti si gioca la partita fra Real Madrid e Barça. Aaaaaahh! Magari il titolo è già nostro e loro devono ricevere i giocatori del Barça come i vincitori.

    VISCA EL BARÇA!!!! E FORZA INTER!!! Forse ci vedremo alla Champions... Non ti dico, che casino!

    RispondiElimina
  3. Carissima, mi dispiace per il 3-0 di ieri sera. Ma il Campionato non è ancora perso... La speranza è l'ultima cosa che si perde!

    Cui il Barça ha vinto 1-0 contro Vila-Real e ora ci separano 8 punti del Real Madrid!! Ma neanche per noi il Campionato è vinto. Serve ancora lottare e giocare bene.

    Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  4. Ciao Teresa, sono contenta che anche tu sia tifosa e appassionata di calcio! Dopo l'anno scorso in Champions, io non nutro particolari simpatie per il Barcellona! Ma è davvero una grande squadra e credo che vincerà la Champions League quest'anno! Per ciò che è accaduto ieri sera sono in silenzio stampa: la speranza è l'ultima a morire? Mah, per l'Inter ci vuole un miracolo! E forse non ce lo meritiamo nemmeno! Quindi, staremo a vedere! Buona settimana anche a te! A prestissimo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …