Passa ai contenuti principali

Girls flowers: la moda a fiori

La moda è arte”, ripete spesso la protagonista del telefilm americano Ugly Betty. In effetti, credo abbia ragione, perché attraverso la moda, la donna può esprimere i molti lati della sua personalità, con tutte le sue incredibili sfaccettature. Sandro Botticelli nella sua celebre Primavera ci restituisce un’eterna immagine di bellezza femminile, totalmente immersa in un’armoniosa natura, in una pioggia di fiori colorati. I fiori, infatti, sono da sempre i simboli della Primavera, che fin dai tempi antichi, è impersonificata dalla donna.

Anche gli stilisti propongono per questa Primavera-Estate 2011 un ritorno alle stampe e alle applicazioni floreali sull’abbigliamento e sugli accessori femminili. Revival anni ’60-‘70? ‘80-‘90? Piuttosto una vera affermazione di potere e stile, il potere della sensualità femminile!

La donna del 2011, infatti, è molto audace, grintosa e, allo stesso tempo, leggera e romantica. I fiori colorano vestiti leggeri e morbidi, pantaloni, camicette “frou-frou” con rouges e pinces. I negozi d’abbigliamento, infatti, abbondano di abiti a fiori, ricamati o a pizzi, dai toni neutri, come il bianco o il beige. Il must della stagione è indubbiamente il vestito a micro stampe a fiorellini multicolor: per il giorno, da indossare con un paio di ballerine e una borsa casual, per la sera da accompagnare ad un paio di sandali colorati e ad una giacca scalda cuore. Inoltre, le passerelle consigliano di osare con maxi abiti dalle stampe stravaganti con fiori astratti e futuristi. Le più passionali potranno corredare il proprio parco intimo con culotte e slippini con disegni di rose rosse.

La freschezza dei fiori invade anche il mondo degli accessori della tenace donna metropolitana che sfoggia borse di pelle e in tela con stampe di mimose, rose e orchidee, sandaletti con ciclamini e lillà, spille a forma di girasole e papavero. Persino, molti modelli di bijoux si ispirano al mondo vegetale di Arcimboldo, artista milanese del Cinquecento, in mostra a Milano, fino al 22 maggio, a Palazzo Reale. Ancora una volta è il caso di dire: la moda è arte!

(Manuela Raganati, scritto in collaborazione con la redazione
di Your Easy Shopper)


Commenti

  1. Ciao, Manuela. Ti raccomando questo blog http://www.giovannipistoia.blogspot.com/.

    Mi piace la tua foto del giorno! Sì, il tuo futuro sarà così: alegre e brillante! E con alcune ombre anche per poter apprezzare meglio il dono della vita.

    Buona giornata, bella!

    RispondiElimina
  2. Bella la tua interpretazione della foto della casa giallo-azzurra, mi piace questa lettura. Grazie! Speriamo che possa esser davvero così!
    Milano ti sta aspettando, sbrigatevi ad arrivare perchè vi aspetta una bellissima primavera! Buona giornata anche a te! (Andrò a curiosare il blog di Giovanni Pistoia!Grazie del link!)

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …