Passa ai contenuti principali

Girls flowers: la moda a fiori

La moda è arte”, ripete spesso la protagonista del telefilm americano Ugly Betty. In effetti, credo abbia ragione, perché attraverso la moda, la donna può esprimere i molti lati della sua personalità, con tutte le sue incredibili sfaccettature. Sandro Botticelli nella sua celebre Primavera ci restituisce un’eterna immagine di bellezza femminile, totalmente immersa in un’armoniosa natura, in una pioggia di fiori colorati. I fiori, infatti, sono da sempre i simboli della Primavera, che fin dai tempi antichi, è impersonificata dalla donna.

Anche gli stilisti propongono per questa Primavera-Estate 2011 un ritorno alle stampe e alle applicazioni floreali sull’abbigliamento e sugli accessori femminili. Revival anni ’60-‘70? ‘80-‘90? Piuttosto una vera affermazione di potere e stile, il potere della sensualità femminile!

La donna del 2011, infatti, è molto audace, grintosa e, allo stesso tempo, leggera e romantica. I fiori colorano vestiti leggeri e morbidi, pantaloni, camicette “frou-frou” con rouges e pinces. I negozi d’abbigliamento, infatti, abbondano di abiti a fiori, ricamati o a pizzi, dai toni neutri, come il bianco o il beige. Il must della stagione è indubbiamente il vestito a micro stampe a fiorellini multicolor: per il giorno, da indossare con un paio di ballerine e una borsa casual, per la sera da accompagnare ad un paio di sandali colorati e ad una giacca scalda cuore. Inoltre, le passerelle consigliano di osare con maxi abiti dalle stampe stravaganti con fiori astratti e futuristi. Le più passionali potranno corredare il proprio parco intimo con culotte e slippini con disegni di rose rosse.

La freschezza dei fiori invade anche il mondo degli accessori della tenace donna metropolitana che sfoggia borse di pelle e in tela con stampe di mimose, rose e orchidee, sandaletti con ciclamini e lillà, spille a forma di girasole e papavero. Persino, molti modelli di bijoux si ispirano al mondo vegetale di Arcimboldo, artista milanese del Cinquecento, in mostra a Milano, fino al 22 maggio, a Palazzo Reale. Ancora una volta è il caso di dire: la moda è arte!

(Manuela Raganati, scritto in collaborazione con la redazione
di Your Easy Shopper)


Commenti

  1. Ciao, Manuela. Ti raccomando questo blog http://www.giovannipistoia.blogspot.com/.

    Mi piace la tua foto del giorno! Sì, il tuo futuro sarà così: alegre e brillante! E con alcune ombre anche per poter apprezzare meglio il dono della vita.

    Buona giornata, bella!

    RispondiElimina
  2. Bella la tua interpretazione della foto della casa giallo-azzurra, mi piace questa lettura. Grazie! Speriamo che possa esser davvero così!
    Milano ti sta aspettando, sbrigatevi ad arrivare perchè vi aspetta una bellissima primavera! Buona giornata anche a te! (Andrò a curiosare il blog di Giovanni Pistoia!Grazie del link!)

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …