Passa ai contenuti principali

Visioni urbane, Verfremdung

Intanto, Stazione Centrale nella sua littoria freddezza e mastodonticità, nella sua sporca e degradata popolazione senza tetto, nella sua mobile, fluida, inconsistente realtà transeunte, nella sua vagabonda cognizione d’essere, sembra diventata un’enorme e disordinato armadio dove trovare le mie ‘scarpette gialle’. Lo straniamento più totale sale all’improvviso, al contatto umano con uno dei tanti uomini ombra che popolano la folla anonima della stazione. Un uomo ombra in divisa è sempre più portato al contatto umano rispetto agli altri uomini ombra. L’ennesimo uomo ATM incrocia il mio sguardo scrutatore, un po’ da pazza, ormai anch’esso scuro, chiedendomi che cosa stesse succedendo in fondo, dall’altra parte della stazione. Un frastuono di musica e grida rendeva questa foresta di cemento più straniante di quanto avessi mai provato.

Manuela Raganati



Commenti

  1. Ti leggo, ti seguo. Ma non riesco a commentarti. Sono indaffaratissima. Esami da pensare, esami da correggere. E ho bisogno di tempo per capire tutto quello che dici. Sappi, però, che imparo tantissimo dalle tue parole e che malgrado la mia minima conoscenza della lingua italiana ritengo che scrivi benissimo. Non smettere di scrivere mai. Ti auguro un grande futuro come scrittrice.

    Spero poter rispondere la tua mail senza indugio.

    Un caro abbraccio. Teresa.

    RispondiElimina
  2. Carissima Teresa, ti ringrazio tanto per quello che pensi e scrivi di ciò che scrivo. E' molto importante per me sapere che le mie parole innanzitutto servano a qualcosa di concreto, cioè di farti imparare meglio la nostra splendida lingua! E poi sapere che sono gradite è altrettanto soddisfacente.Io vivo con questo sogno da tanto tempo. Purtroppo non è un cammino semplice e immediato. Ma so che ci sono tante persone come te che leggono il BHO...BLOG e vi ringrazio tutti perchè il mio sogno era far volare le mie parole fuori dalla mia stanza e voi lo state realizzando!Qualche sera fa il comico Roberto Benigni, non so se lo conosci, alla tv ha detto una frase bellissima: "PER REALIZZARE I SOGNI BISOGNA SVEGLIARSI".Ti ringrazio per il tuo bellissimo augurio: non smetterò mai di scrivere, è più forte di me!Grazie Teresa, grazie di cuore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …