Passa ai contenuti principali

Visioni urbane, Verfremdung

Intanto, Stazione Centrale nella sua littoria freddezza e mastodonticità, nella sua sporca e degradata popolazione senza tetto, nella sua mobile, fluida, inconsistente realtà transeunte, nella sua vagabonda cognizione d’essere, sembra diventata un’enorme e disordinato armadio dove trovare le mie ‘scarpette gialle’. Lo straniamento più totale sale all’improvviso, al contatto umano con uno dei tanti uomini ombra che popolano la folla anonima della stazione. Un uomo ombra in divisa è sempre più portato al contatto umano rispetto agli altri uomini ombra. L’ennesimo uomo ATM incrocia il mio sguardo scrutatore, un po’ da pazza, ormai anch’esso scuro, chiedendomi che cosa stesse succedendo in fondo, dall’altra parte della stazione. Un frastuono di musica e grida rendeva questa foresta di cemento più straniante di quanto avessi mai provato.

Manuela Raganati



Commenti

  1. Ti leggo, ti seguo. Ma non riesco a commentarti. Sono indaffaratissima. Esami da pensare, esami da correggere. E ho bisogno di tempo per capire tutto quello che dici. Sappi, però, che imparo tantissimo dalle tue parole e che malgrado la mia minima conoscenza della lingua italiana ritengo che scrivi benissimo. Non smettere di scrivere mai. Ti auguro un grande futuro come scrittrice.

    Spero poter rispondere la tua mail senza indugio.

    Un caro abbraccio. Teresa.

    RispondiElimina
  2. Carissima Teresa, ti ringrazio tanto per quello che pensi e scrivi di ciò che scrivo. E' molto importante per me sapere che le mie parole innanzitutto servano a qualcosa di concreto, cioè di farti imparare meglio la nostra splendida lingua! E poi sapere che sono gradite è altrettanto soddisfacente.Io vivo con questo sogno da tanto tempo. Purtroppo non è un cammino semplice e immediato. Ma so che ci sono tante persone come te che leggono il BHO...BLOG e vi ringrazio tutti perchè il mio sogno era far volare le mie parole fuori dalla mia stanza e voi lo state realizzando!Qualche sera fa il comico Roberto Benigni, non so se lo conosci, alla tv ha detto una frase bellissima: "PER REALIZZARE I SOGNI BISOGNA SVEGLIARSI".Ti ringrazio per il tuo bellissimo augurio: non smetterò mai di scrivere, è più forte di me!Grazie Teresa, grazie di cuore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …