Passa ai contenuti principali

Il cigno nero. The Black Swan di D.Aronofsky (Prossimamente nei cinema)

Ritrovarsi a danzare su un palcoscenico
sognato da tutta la vita, è come sfidare
sè stessi in una gara di ballo all'ultimo
passo. Il cigno bianco volteggia leggero
e aggraziato, inseguendo il sogno della
perfezione assoluta. Il cigno nero danza
conturbante e misterioso, intrigando
con sensualità l'occhio di chi l'osserva.
Quale lato della personalità saprà
vincere questa eterna lotta di bellezza?

Il nuovo film di Aronofsky, in uscita nei cinema
 il 18 febbraio 2011, è di fine ambientazione.
Si svolge in un contesto anonimo, in un'atmosfera
sospesa e allucinata, prevalentemente in un teatro
di ballo, dove Nina, la protagonista, cerca di
diventare la prima ballerina del famoso balletto
Il lago dei cigni, cercando di vincere le sue
insicurezze e le sue ossessioni.
Quale cigno prevarrà in lei?

Consigliato da Manuela Raganati.

Per ulteriori info:
Comingsoon

Commenti

  1. L'ho visto un paio di settimane fa. Il suo successo a parer mio e' abb controverso. Da un lato e' Bafta nominated (praticamente in tutte le categorie che verranno premiate questo week-end) e Oscar nominated. Al botteghino incassa bene e il ...suo costo di produzione e' stato parecchio alto.
    Pero' usa ogni possibile stereotipo dei film sulla danza ed e' stato meno coinvolgente della inespressivita' di Mark Wahlberg in "the Fighter".
    Pero' aspetto fiduciosa la tua review, magari mi farai scoprire aspetti che non sono riuscita considerare da me ;-)
    ps:ti Consiglio vivamente "Biutiful", la performance di Bardem toglie il respiro!
    LAURA

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura, io l'ho visto ieri sera in anteprima. A me quello che più ha colpito è l'atmosfera del film, come ho scritto nella mia review, sospesa e allucinata. Il contesto anonimo e le strade incerte, intervallati dalle immagini di una met...ropolitana che sembra collegare le due Nina, sono molto inquietanti. Credo che il senso del film sia proprio fuori dal palcoscenico, quindi la danza e il mondo della danza spno un po' aleatori, in effetti. Il balletto, 'Il lago dei cigni', a mio parere, è solo un pretesto per scavare questa doppia personalità, problematica e ossessiva, della protagonista. Grazie mille per la lettura, per il commento e per i consigli di visione!

    RispondiElimina
  3. Mi piace scoprire che sei attiva un'altra volta. Leggo con piacere il commento di Laura: se questo film è stato nominato ai Oscar, magari si potrà vedere a Barcellona. Avrei voluto vedere Somewhere di Sofia Coppola ma alla fine di agosto quando ero in Italia non era ancora uscito e qui non l'hanno ancora fatto. Ti faccio sapere cosa mi è sembrato se riesco a vederlo.

    E mi piace tantissimo questo piccolo fiore giallo: anch'io ho voglia di primavera!! Qua c'è il sole, ma il tempo è ancora freddo per me. Comunque so che sono fortunata di vivere in un paese in cui oggi, per esempio, abbiamo raggiunto 17 gradi.

    Un bacione. Teresa

    RispondiElimina
  4. Che bellezza, 17 gradi! Qui ce ne saranno 10 e siamo tutti più felici perchè finalmente sentiamo un'aria più dolce, dopo il freddo inverno! W la primavera, speriamo che torni presto! Quella foto l'ho scattata io a dicembre nell'Acquario Civico di Milano!

    Sicuramente riuscirai a vedere Il cigno nero! E sono curiosa di avere opinini e pareri. E' un film molto strano, ma intrigante!

    Cercherò di tenere il più aggiornato possibile il BHO...BLOG! Tu non dimenticarti di noi!

    Un bacio da Milano alla Catalogna!

    RispondiElimina
  5. Cara Manuela, hai letto la mail che ti ho mandato? Oggi o domani devo trovarmi con la mia amica per aquistare i biglietti e ho bisogno della tua risposta. Scusa per la fretta.
    Un abbraccio
    Teresa

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

La vera storia di Esther la super maialina | Edizioni Sonda

di Manuela Raganati

Esce oggi 8 Marzo 2018 per la casa editrice Sonda La vera storia di Esthter la super maialina, un albo illustrato di Steve Jenkins, Derek Walter e Caprice Crane. Illustrazioni di Cori Doerrfeldche.

Si tratta della versione illustrata per i più piccoli del libro best seller del New York Times, tradotto in tutto il mondo, Esther the Wonder Pig: Changing the World One Heart at a Time.


La maialina più famosa del web Tutto nasce da un fatto realmente accaduto. Nell’estate del 2012, due ragazzi canadesi, Derek Walter e Steve Jenkins, hanno deciso di allargare la loro famiglia (già composta da due cani e due gatti) adottando Esther, una maialina di appena sei settimane che credevano un «innocuo» porcellino d’India. Non lo era. Esther è cresciuta sempre di più fino a diventare la maialina più famosa del Web, con più di un milione fan sulla sua pagina Facebook “Esther the Wonder Pig”.

Esther è diventata una super star, ma ha soprattutto donato un nuovo senso alla vita dei…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …