martedì 4 gennaio 2011

Dalla parte 'romana' della redazione B di Amado mio

Per Desiderio l'inverno e la primavera
seguente furono meravigliosi; non c'era
momento della sua vita che non fosse
pieno di Iasìs; tutto tornava a Iasìs:
se per caso, ma era raro, non pensava
direttamente a lui, Iasìs era come una
luce sepolta dentro il suo petto che
riverberava su ogni cosa.
Tutte le sensazioni 'poetiche' si chiamarono
Iasìs; perfino i sapori, i piaceri estetici,
le impressioni fisiche ecc. avevano
quell'unico gusto che si chiamava Iasìs.

Pier Paolo Pasolini



Nessun commento:

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates