Passa ai contenuti principali

Omaggio a...John Donne: The good morrow

The good morrow, from Songs and Sonnets, 1663.

I wonder by my troth, what thou, and I
Did, till we lov'd? were we not wean'd till then?
But suck'd on countrey pleasures, childishly?
Or snorted we in the seven sleepes den?
T'was so; But this, all pleasures fancies bee.
If ever any beauty I did see.
Which I desir'd, and got, t'was but a dream of thee.

And now good morrow to our waking soules,
Which watch not one another out of feare;
For love, all love of other sights controules,
And makes one little room, an every where.
Let sea-discoverers to new worlds have showne,
Let us possess one world, each hath one, and is one.

My face in thine eye, thine in mine appeares,
And true plaine hearts doe in the faces rest,
Where can we finde two better hemispheres
Without sharpe North, without declining West?
What ever dies, was ot mixt eqaully;
If our two loves be one, or, thou and I
Love so alike, that none do slacken, none can die.

Il buongiorno
Mi chiedo, in verità, che cosa tu ed io
facessimo prima di innamorarci?
              non eravamo ancora svezzati?
ci nutrivamo di piaceri campestri, infantilmente?
o dormivamo profondamente nella caverna
               dei sette dormienti?
se era così, allora, tutti i piaceri non sono che
               fantasie.
Se mai ho visto altra bellezza,
che ho desiderato e avuto, non era che un sogno
                di te.

E allora buon giorno alle nostre anime che
               si destano,
che non si guardano l'un l'altra per paura,
perchè l'amore, tutto l'amore di altre visioni
               controlla,
e fa di una piccola stanza, un universo.
Lasciamo che i naviganti vadano verso nuovi mondi,
lasciamo che le mappe mostrino ad altri mondi
               sempre nuovi,
lasciamo che un mondo ci possegga, ciascuno né ha uno,
uno soltanto.

Il mio viso nei tuoi occhi, il tuo nei miei appare
i cuori semplici si manifestano nel viso,
Dove possiamo trovare due migliori emisferi
senza il gelido nord, senza il declinante ovest?
ciò che muore, non era fuso in modo armonioso;
se i nostri due amori non sono che uno,o, tu ed io
ci amiamo in modo così simile, che nessuno
              viene meno, nessuno morirà.     

       

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …