Passa ai contenuti principali

Saviano e il potere del racconto

Le storie d'amore hanno un potere speciale:
sono sempre appassionanti, ti incollano all'ascolto
e incuriosiscono l'animo umano, sopratutto quello
più avvezzo alle emozioni.
Quando queste storie sono raccontate da
Roberto Saviano sembrano favole, ma non favole
per bambini, bensì favole per adulti.

E cosa c'è di nuovo nella favola per adulti?
Nella favola per adulti, il narratore è un testimone
di verità, di fatti. La narrazione è una forte
denuncia travestita da racconto pieno di pathos e
incantamento. Queste storie accentrano
l'ascolto del pubblico sui nuclei fondamentali della storia,
rafforzati da potenti immagini evocate attraverso
continue digressioni. E' uno stile retorico del tutto
efficace perchè permette di informare il pubblico
in modo appassionante e coinvolgente,
accompagnandolo all'interno di questioni molto
complesse e a volte inavvicinabili ai più.

Non mi vergogno a dire che stasera ho imparato
finalmente, una volta per tutte, che cosa sia la
mafia in Italia. Non mi vergogno a dire che la
storia di Piero Welbi, fino ad oggi, mi era poco
chiara. Lo ammetto, è ignoranza mia! Però, credo
che in questo mondo e sopratutto in questo Paese
le cose siano sempre date troppo per scontate.
Così spesso si ha fretta di arrivare alle conclusioni,
spesso non si riflette sulle premesse.

Roberto Saviano inizia ogni sua denuncia che riguarda
la realtà contemporanea con un bel
"Ora vi racconto una storia di...una storia su...".
Da vero scrittore inizia ogni sua argomentazione
con un invito al pubblico ad entrare insieme a lui
in uno spazio di ricezione rappresentato non solo da
un'esposizione di fatti, analisi e interpretazioni
ma anche, e forse sopratutto, da un momento di
emozioni e sentimenti insiti in chiare e profonde
parole. Insomma, Saviano invita i telespettatori
ad entrare in una sorta di spazio letterario.
I monologhi di Saviano creano magia attorno
ad argomenti come la macchina del fango, il Risorgimento,
la mafia o l'eutanasia. Non essendo questi temi
propriamente poetici, questa magia sembra nascere
dalla stessa carica evocativa delle narrazioni di Saviano.
Mentre cita eventi e persone reali, Saviano pensa
già ad essi come fatti e personaggi di una storia
da scrivere o che sarebbe potuta esser scritta
o che potrà esser scritta,
dunque, così ce li presenta: come protagonisti di
romanzi o racconti. E sia chiaro che questo modo
di trattare la realtà per me
è una prerogativa di pochissimi!

La storia d'amore di Mina e Piero è un esempio.
Saviano ci racconta come nasce, dove nasce, come
cresce e con quali terribili difficoltà.
Ma la forza dell'amore può tutto e alla fine
sconfigge anche la morte, tant'è che Piero oggi,
attraverso la voce di Mina, parla ancora.
Questa dell'amore e della morte è una favola
assai antica, quasi senza tempo. Ma quando
si riesce a spiegare la realtà attraverso una
storia dai toni magici,
questa storia ti entra dentro e non se ne va
più
, come dice il buon Saviano per l'appunto.

Concludo con questa citazione che credo che
dopo la puntata di stasera di Vieni via con meabbia ancora più senso:

"Nelle fiabe non si insegna ai bambini che esistono
i draghi, quello lo sanno già...
...si insegna ai bambini che i draghi
si possono sconfiggere. Ed è quello
che fanno scrittori come Saviano.
Non dicono che la mafia c'è,
ma dicono che la mafia può essere sconfitta."

(R.Benigni a "Vieni via con me" dell'8/11/2010 su RAI 3 )

Manuela Raganati

Commenti

  1. Con tutto il rispetto per Saviano e Fazio che stimo (soprattutto quest'ultimo), ho avuto modo di vedere qualche pezzo di "Vieni via con me" e ne sono rimasto colpito. Negativamente.
    Televisivamente parlando l'ho trovato particolarmente lento, noioso. Mezz'ora di fila di monologo di Saviano, ottimo oratore per carità, è francamente troppa. Forse dei ritmi più veloci (effettivamente nella seconda puntata è andata meglio) non guasterebbero.
    Dal punto di vista dei contenuti, così, su due piedi, mi verrebbe da dire che è un programma infarcito di retorica. Ma ho rispetto per l'intelligenza del duo e allora preferisco pensare che sia un programma "furbetto" che ci racconta storie come quella dei poveri Welby ed Englaro per fare leva sui sentimenti di chi ascolta. Certo, nulla di nuovo all'orizzonte della tv ma da Fazio qualcosa di più me l'aspettavo.
    Un'ultima considerazione anche sulle affermazioni relative alla Lega ed alla collusione con la mafia. Forse saviano è (comprensibilmente) ossessionato da un argomento che paradossalmente l'ha reso celebre ma se fosse vero (e non mi stupirebbe, tanto lo fanno tutti!) perchè Saviano non rivolge le sue accuse di fronte ad un magistrato piuttosto che davanti ad un succulento pubblico di 9 milioni di persone?
    Manu, ti chiedo scusa se sono andato un po' fuori tema ma mi faceva piacere esprimere le mie sintetiche impressioni su una pagina molto bella, piacevole e densa di cultura (la tua, non la mia).

    RispondiElimina
  2. Caro Enry, grazie mille per questo contributo. Ho deciso di risponderti con un post perchè ho avuto la necessità di risponderti su alcuni punti che ritengo importanti e sui quali non ero d'accordo. E mi sono accorta che ho scritto troppo per lo spazio di un commento!
    Non voglio aprire nessuna polemica, voglio solo dialogare :-D e mi fa piacere che tu intervenga...Grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …