Passa ai contenuti principali

Woga,watsu&co.

Le vacanze ormai sono vicine e questo luglio prosegue nel sfornare giornate bollenti. Cosa c’è di meglio allora di una bella nuotata nell’acqua fresca? Al mare o in piscina, il nuoto tiene in forma e scarica le tensioni. E’ uno degli sport più completi perché in acqua i muscoli lavorano meglio, tonificandosi e favorendo un maggior consumo di calorie. Inoltre tutti gli sport in acqua, grazie all’assenza di carico, prevengono i fastidiosissimi danni alle articolazioni. Infine, il contatto con l’acqua fresca favorisce un miglior flusso di circolazione nelle vene. Però, per chi si è stufato della classica nuotata libera, vi sono tantissimi altri sport da praticare in acqua che basano l’attività acquatica sul divertimento, la meditazione e il fitness. Molti impianti sportivi in città o nelle località balneari di tutta Italia si sono attrezzati ad accogliere queste innovative discipline acquatiche.
Si parte dallal più famosa e ormai classica Acquagym, ginnastica aerobica che si svolge in acqua bassa, con ritmi molto veloci e spesso a suon di musica.
L’Acquastep, invece, prevede l’uso del mitico scalino in piscina, dove l’acqua attutisce le forti sollecitazioni per le articolazioni, pur mantenendo tutti i benefici per i punti critici: polpacci, cosce, glutei. Per le più scatenate, non c’è di meglio che l’Acquaboxing, un’ottima forma di allenamento per scaricare le tensioni, che prevede calci e pugni in acqua, ma senza il contatto corpo a corpo. Gli esercizi fortemente dinamici favoriscono le funzioni cardiocircolatorie e scolpiranno i vostri muscoli! Per le più meditative che cercano il rilassamento in acqua, invece, ci sono due nuove discipline super trendy!
L’Acquapilates, sfruttando i principi cardine del Pilates classico (respirazione, core control, concentrazione e fluidità), con l’acqua che arriva alla vita o appena sotto il petto, permette una maggiore facilità d’esecuzione di esercizi che favoriscono la concentrazione, la respirazione, lo scioglimento delle articolazioni e soprattutto la mobilizzazione della colonna, per una maggiore estensione e flessione, grazie all’attivazione di una vertebra alla volta.
Lo ‘yoga in acqua’ è la traduzione di Woga, una perfetta fusion dei termini water e yoga. Questa disciplina infatti proviene dalla California, nata all’incirca 10 anni fa, quando il fisioterapista Harold Dull, iniziò a far praticare gli esercizi dello yoga in ambiente acquatico, sostenendo che il luogo fosse ottimale per molte discipline di fitness. Praticare le Asana (le posizioni statiche insegnate dall’Hatha Yoga) e controllare il Pranayama, ossia regolando il respiro in modo attento, in acqua è un’esperienza molto bella perché richiede una disposizione acquatica che unita al rilassamento muscolare e all’addolcimento dei movimenti, dona una straordinaria sensazione di benessere non solo fisica, ma anche mentale. Infatti, in acqua i movimenti del corpo creano un inconfondibile suono di dolce fruscio che favorisce maggiormente il rilassamento psichico. L’acqua sembrerebbe dotata di un enorme potere rievocativo che ci riporterebbe alla mente sensazioni e pensieri, provati inconsciamente nella fase prenatale, quando il liquido uterino ci avvolgeva proteggendoci e coccolandoci, ai primordi della nostra vita. Tramite la pratica dello Woga è addirittura possibile superare la paura dell’acqua.
Infine, per raggiungere la pace dei sensi e l’estasi totale, ci si potrà concedere un meraviglioso massaggio Watsu. No, nessun errore, si chiama proprio così! Si tratta, infatti, di un massaggio Shatsu condotto in una vasca d’acqua tiepida da uno ‘watsuer’, il massaggiatore in acqua, appunto. Avvolti in un’atmosfera estatica con le luci soffuse e il tepore dell’acqua, verrete sottoposti ad un indimenticabile massaggio che vi condurrà in un stato di completo rilassamento muscolare e mentale, simile al sonno profondo. Quindi, quest’estate non siate pigri: non perdete l’occasione di sperimentare queste nuove discipline, tornando al vostro autentico stato di natura: l’ACQUA!















(In collaborazione con Sportàporter)

Commenti

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …