Passa ai contenuti principali

Mens sana in corpore sano

Il BHO… BLOG va in vacanza e vi saluta con alcuni consigli di letture interessanti per la vostra estate! Si dice, non a caso, mens sana in corpore sano! Infatti dopo aver a lungo trattato di sport e benessere, fitness e divertimenti, vorrei concludere questo ciclo di post estivi con un piccolo vademecum letterario, una sorta di kit di libri d’emergenza per ogni evenienza!

Se vi capita di ritrovarvi sole perché il vostro ragazzo vi ha lasciate, leggete Tu più di chiunque altro di Miranda July, un libro che le mie amiche mi han regalato l’estate scorsa e che mi è piaciuto molto perché tratta i problemi delle donne con un tono sarcastico e originale. Altro che Sophie Kinsella, credetemi!

Se invece vi siete innamorate dell’istruttore di subacquea e avete il cuore in alto mare, non potete non dedicarvi ad una romantica lettura di Karen Blixen, Ehrengard. E’la storia di un pittore dongiovanni che s’innamora di una bellissima giovane, vergine guerriera. Dopo averla terminata rimarrete incantate sotto l’ombrellone con lo sguardo perso nell’orizzonte.

Se invece siete tra quelle lettrici a cui piace il mistero e non vedete l’ora che arrivi la fine per scoprire il giallo, vi consiglio un racconto di Mario Soldati intitolato La finestra. Non rimarrete deluse da questa storia ambientata nella Londra del dopoguerra che unisce mistero, avventura, amore ed esistenzialismo (non becero).

Siete a due passi dalla riva, al tramonto, e sentite che vi manca l’ispirazione? Non posso che consigliarvi Venti poesie d’amore e una canzone disperata di Pablo Neruda. Vi addolciranno l’anima dopo una lunga giornata di sole!

Se invece andrete in vacanza in Sardegna e avrete voglia di approfondire la letteratura dell’isola, vi consiglio una lettura un po’ difficile, ma molto intrigante e sensuale, La vedova scalza di Salvatore Niffoi. Una terra così dolce e aspra, allo stesso tempo, non può che produrre indimenticabili storie d’amore e morte.

Siete così appassionate di mare che lo vivreste a qualsiasi ora del giorno? Ebbene Oceano mare di Alessandro Baricco vi conquisterà sicuramente per la sua capacità di renderlo protagonista assoluto di una storia senza tempo.

Se invece volete leggere un ‘romanzo di formazione’ ambientato negli anni Settanta, tra le spiagge della Liguria e la città di Milano, con protagonista una giovane ragazza come voi, vi consiglio La spiaggia del lupo di Gina Lagorio.

E se con l’istruttore di sub non è andata, potete consolare il vostro amore per il mare su un bellissimo manuale di fotografia subacquea, come Photo Diver e diventare delle vere esperte di biologia marina con un altro interessante libro pieno di immagini: Pesci marini d’Europa e del Mediterraneo di Egidio Trainito. Così l’anno prossimo tornerete dal vostro istruttore sapendone più di lui!

E ovviamente non dimenticatevi del BHO… BLOG che vi proporrà sempre letture interessanti di ogni genere. Il loft virtuale è aperto sempre a qualsiasi ora del giorno e della notte! Vi aspetto… Pronte le valigie?!

Buone vacanze a tutti.
















(Si ringrazia Sportàporter per lo spazio dedicato al BHO... BLOG,
un grazie speciale però va a LaFra...)

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …