Passa ai contenuti principali

Granchi

I granchi mi inquietano.
Fin da quando sono piccola ho sempre pensato che
fossero i ragni del mare con quelle loro zampette veloci
e a forma di pinza. A Ponza li catturavo con mio cugino
e li facevo morire, poverini, in mezzo ai cespugli:
crudeltà infantile! Per questo, crescendo, la 'paura'
dei granchi non si è placata, ma anzi, rafforzata dal senso
di colpa: quasi mi aspettassi la vendetta marina.
Spesso li intravedo sulla mia spiaggia e faccio finta
che non esistano...
Loro fanno lo stesso con me, d'altronde...
Questo conferma che la guerra deve ancora iniziare.
(Penso sia bene specificare che sono un po' aracnofobica...)

E' strano però come proprio il granchio sia diventato per me
simbolo di qualcosa che sta per iniziare, qualcosa che
a che fare con l'amore. Fu quasi un rito d'iniziazione
l'incontro con un piccolo crostaceo, proprio poco prima
di dichiarare il mio primo amore.
Ero al largo, vicino ad una boa,
guardavo il cielo sopra di me. L'imbrunire è uno dei momenti
che amo di più a Porto Coda Cavallo.
Sentii muoversi qualcosa sopra di me: un granchio
all'altezza del petto, all'altezza del cuore.
Un brivido.
Tornai a riva con una decisione.
Questo fu molto tempo fa.

Alcune sere fa, dopo aver scritto per ore la storia della
mia vita a qualcuno che di me ancora nulla non sa,
mi son resa conto di aver la neccessità di raccontare,
di raccontarmi, per meglio comprendere la mia esistenza.
Era da molto che non tiravo le fila del
discorso, del mio discorso, e mi son resa conto
che era bello farlo attraverso
la lettura di qualcuno che fa parte di un possibile futuro.

La sensazione però di vedere nascere una nuova amicizia
mi ha quasi turbato. E ancor di più il fatto che l'abbiano capito,
prima di me, due amici importanti, quello che ancora non
mi conosce e quello che non smette mai di conoscermi.
Il granchio questa volta è tornato sotto forma di
metafora.

"Non stare sulla porta del tuo cuoricino come un granchietto
pronto a rintanarsi subito".

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Progetto Seacoustic: i suoni di pesci, posidonie e coralli a Tavolara

di Manuela Raganati


Da sempre si dice muto come un pesce. 
Ma la notizia che arriva dalla Sardegna smentisce questo luogo comune.
Il gruppo di ricerca Chorus e l'Agence de l'eau, in collaborazione con l'Area Marina Protetta di Tavolara, hanno catturato i suoni subacquei e registrato la playlist del mare, nell’area di Molarotto, Molara e Capo Coda Cavallo. E che musica! 

Cinque i giorni di ascolto e registrazioni realizzate in orari diversi. Suoni differenti in base all’orario, alla presenza umana. Vocalizzi che l'orecchio umano non può captare, ma che non sfuggono agli idrofoni.
L'affascinante progetto si chiama Seacoustic: le intercettazioni sonore sono state catturate attraverso degli idrofoni calati sott'acqua. I grandi e sofisticati microfoni sono riusciti a registrare le chiacchierate nel blu di saraghi, cerne, murene, posidonie e coralli.
Il bellissimo ambiente dell'Area Marina Protetta di Tavolara si rende ancora una volta teatro di belle scoperte: qu…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…