Passa ai contenuti principali

Estate in città

Non solo al mare o in montagna è arrivata l’estate, ma anche nelle città, dove i termometri sono schizzati inesorabilmente sui 35- 40 gradi. E il caldo fa pensare alle vacanze, ma per qualcuno sono vicine, per altri ancora lontane. Chi infatti, come me, dovrà resistere ancora un po’ a studiare e lavorare in città, o deciderà di farsi le ferie in un altro periodo dell’anno, dovrà viversi quello che la natura della metropoli offre in estate per combattere l’afa, per allietarsi i pomeriggi del weekend o semplicemente per esplorare il territorio in cui vive . Ecco, allora, un paio di itinerari interessanti e divertenti dai quali potete trarre spunto per qualche passeggiata in città o in bici.
Il parco è il luogo giusto per trovare un po’ di fresco in una giornata torrida di luglio. Sdraiandosi sotto un albero, all’ombra, potrete gustarvi la lettura di un buon libro, sognando di essere nella fresca e umida Irlanda, per esempio! Oppure potreste intrattenervi con una fashion magazine per affrettarvi ad architettare il vostro look estivo, sorseggiando un fresco succo di frutta. Se invece siete in compagnia, organizzate un pic-nic, dopo il quale vi troverete tutti sdraiati a pancia all’aria per il classico sogno di mezza estate! In città sono facilmente raggiungibili molti parchi: i Giardini Pubblici di via Palestro, il parco Sempione, Lambro, Forlanini. Munitevi di spray anti- zanzara e se volete conoscere nuovi parchi, consultate qualche guida comunale e troverete gli indirizzi di tutti i luoghi verdi della città.
Il bosco in città, per esempio, è nato nel 1974, dopo una bonifica dell’area dove oggi sorge. L’ingresso principale si trova in via Novara. E’ un’esperienza fantastica perdersi nei suoi sentieri, ritrovarsi in silenziose radure battute solo da cavalli, sentire il ronzio delle vespe e fotografare le tartarughe nel lago. Una passeggiata in questo enorme parco equivale ad una scampagnata fuori Milano, solo che ci si arriva facilmente anche in autobus! E’ strano pensare di trovarsi non lontani dall’autostrada o dallo Stadio di San Siro che, qua e là, si scorge da lontano. Ma pur essendo immersi ancora nel tessuto urbano, ci si dimentica prestissimo della città! L’itinerario può proseguire con una passeggiata nei vicinissimi Parchi di Trenno e delle Cave, nei quali incontrerete vecchie cascine e vasti, silenziosi spazi. La durata di questo percorso è di circa un’oretta e mezza in bici e di almeno tre ore a piedi, quindi potrete approfittare della ‘s-cìttadinata’ per fare un po’ di sport!
La bellezza di camminare in città si racchiude misteriosamente nella possibilità di imbattersi in luoghi o persone sorprendenti che nessuna guida turistica vi può segnalare anticipatamente. Quindi, lasciatevi trasportare dalla vostra città, seguendo tratti di strade sconosciute, perdendovi un po’ all’interno della grande piovra che è Milano, con i suoi tentacoli mai fermi, sempre in movimento, sempre al lavoro per trasformare sé stessa. Ascoltate il cuore della città, per ricordare Savinio, e troverete tutto quello che state realmente cercando!















(In collaborazione con Sport à porter)

Commenti

Post popolari in questo blog

30 aprile...sei anni dopo

Passa il tempo, quasi non distinguo quanto.
Questa data è sempre un misto di emozioni.
Colleziono 30 aprile per ricordare un ragazzo
che ci ha lasciato davvero troppo presto.
Lo conoscevo poco, ma mi è bastato poco
per capire quant'è ingiusta a volte la vita.
Forse è proprio quel 30 aprile che ho capito
quanto fosse triste la perdita di un amico,
anche se non era proprio un mio amico,
ma Alessio era amico di persone a cui,
tutt'oggi, voglio molto bene.
Nonostante lo abbia
frequentato solo un paio di sere a Roma,
bhè...sono ancora qui a scriverne...

Il 30 aprile a me piace ricordarlo
perchè in quei giorni in cui andavo ancora al
liceo, la maturità si avvicinava.
Stavo scrivendo una tesina su Salvador Dalì.
Mi ricordo che quando ebbi quella notizia
mi chiusi in camera a piangere.
Anche fuori il cielo pioveva.
La mia vita stava cambiando,
quella di un'altro giovane non sarebbe
mai più mutata...
Un anno dopo scrissi quello che se avrete voglia di leggere
rimane il mio manifesto del 30 aprile (vd.sot…

Amare Milano - Carlo Castellaneta

di Manuela Raganati


Amare Firenze? Facile.  Amare Venezia? Facilissimo. Ma amare Milano?  Cosa c’è nel suo “movimento”, oltre al culto della rapidità e della fretta?
Il senso del divenire. Milano è la combinazione di etnie, dialetti, tradizioni e lingue. È la contaminazione degli spiriti, la voglia di rischio e novità. È una scatola cinese con tante Milano una dentro l’altra: anche dove spicca una bellezza superba, non ama mettersi in mostra. Tipico di un carattere orgoglioso e schivo. Meglio mostrare una faccia diversa per ogni rione: 
dall’aristocratica Porta Magenta alla plebea Porta Ticinese, un po’ di Scandinavia alla Città degli Studi e un po’ di Parigi al Sempione Ci sono città di evidente bellezza che si danno a tutti, e altre segrete che amano essere scoperte. 
Milano appartiene a questa specie, al punto che riesce difficile stabilire le ragioni del suo fascino. Io credo che esso consista anzitutto nella sua “classe”, né più né meno come avviene per certe donne che ci colpiscono per…

Metoo e femminismo: il manifesto di Marina Terragni

di Manuela Raganati


Esce per Sonzogno, Gli uomini ci rubano tutto. Riprendersi il corpo, il femminismo, il mondo un libro-manifesto che approfondisce le tematiche attualmente tanto in voga su quotidiani online e show televisivi. Marina Terragni 
A che punto è la battaglia femminista? Apparentemente avanza su molti fronti. Basti pensare al movimento #metoo, che ha messo sulla difensiva migliaia di uomini potenti. O al grande discorso ai Golden Globe di Oprah Winfrey («il tempo della brutalità maschile è scaduto»). O alla marcia mondiale delle donne per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Ma proprio mentre il dominio patriarcale sembra simbolicamente vacillare, per le donne in carne e ossa – dice Marina Terragni – le cose non vanno affatto bene: gli indicatori materiali (salute, lavoro, stipendi, giustizia) sono tutti negativi, mentre crescono i numeri della violenza sessuale e la politica non è stata mai tanto misogina. Dopo un secolo di femminismo, il bilancio lascia ancora a …