venerdì 21 maggio 2010

Pasolini vive!

Le foto hanno un potere speciale:
rendono le persone immortali
per alcuni istanti, o meglio
rendono eterni alcuni istanti
di una persona.
Davvero una contraddizione in termini,
ma a ben rifletterci,
si tratta proprio di un ossimoro senza tempo.
E quando il soggetto fotografico
si chiama Pier Paolo Pasolini,
che di per sè gode di un'immortalità
letteraria- artistica
che esula da quella delle
fotografie che lo ritraggono,
viene da chiedersi:
ma se n'è mai veramente andato?

La mostra Immagini Corsare in via Senato,12
presso la Biblioteca di Via Senato
propone un percorso di immagini fotografiche
che ritraggono Pasolini in vari momenti
della sua vita: sui set cinematografici,
alle prime dei suoi film, in compagnia delle sue
amatissime attrici e amiche o in momenti
di solitudine studiosa nelle sue varie
abitazioni, cambiate nel corso degli anni
vissuti a Roma.

Sono molte le impressioni che ti lasciano queste
bellissime immagini corsare.
Innanzitutto l'ordine apparente di Pasolini:
sempre curato, pettinato, sempre con la sua camicetta,
golfino collo a V e pantaloni a vita alta.
Altro elemento tipico dell'immagine pasoliniana:
gli occhiali! Che fossero da vista o da sole, non importava,
purchè fossero eccentrici.

Da una foto all'altra la sua immagine appare costantemente
stabile, quasi immutabile nel tempo.
Il suo aspetto sembra esser sempre sospeso tra la severità
dell'intellettuale impegnato, la pensosità dell'artista
in cerca di nuove forme e la poeticità di un animo
profondamente malinconico.

Sembra che Pasolini stesso ci accompagni in questa
mostra, entrando direttamente nella cornice delle
foto in esposizione, passando da una all'atra,
attraversando alcune tappe fondamentali
della sua vita per riappropriarsi di quel suo
corpo, trucidato una notte di novembre del 1975.

Un dialogo tra passato e presente,
tra vita e morte, tra chi osserva e chi è
osservato. Chi è il corsaro?
Colui che agisce al di fuori delle regole,
ma non per il proprio interesse,
in quanto opera per conto di chi rappresenta un'autorità
e quindi un ideale superiore.
E chi è questa autorità?
Risponde lo stesso Pasolini:
« Io non ho alle mie spalle nessuna autorevolezza:
se non quella che mi proviene paradossalmente
dal non averla o dal non averla voluta;
dall'essermi messo in condizione di non aver
niente da perdere, e quindi di non esser fedele
a nessun patto che non sia quello con un lettore
che io del resto considero degno di ogni

più scandalosa ricerca. »
E col lettore si abbandona a queste foto,
come se rivivesse ancora per il tempo di questa
suggestiva mostra.
Ripete pose, riabbraccia le sue amate amiche
Laura Betti, Maria Callas, Anna Magnani,
ritorna ancora una volta nei luoghi di Roma,
quella degli amici di borgata e quella
dell'Eur dove abitava negli anni '70,
gli ultimi anni di un poeta che fingeva di
non esser poeta.
E che fu infatti regista, giornalista,
ancora prima insegnante, critico,
sceneggiatore e srittore,
ma sempre attaverso quello sguardo
inconfondibilmente profondo,
corrotto e corrucciato.

Ognuna di queste foto conserva lo sguardo
del poeta Pier Paolo Pasolini,
che rimarrà in esse per sempre impresso
per scrutarci a fondo.
Ed è proprio questo lo scacco alla contraddizione
tra l'istantanea esistenza e l'eterna essenza.

*Pubblicato su Pagine Corsare
http://www.pierpaolopasolini.eu/ppp-nei.blog_manu-bhoblog.htm

http://www.pasolini.net/ppp-nei.blog_manu-bhoblog.htm






5 commenti:

  1. pasolini scorreggione!

    RispondiElimina
  2. :-| un commento davvero intelligente, grazie del contributo...

    RispondiElimina
  3. avrebbe apprezzato il nostro corsaro-- :-/

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Credi? A volte mi chiedo se davvero apprezzerebbe ciò che si scrive su di lui, soprattutto ciò che io scrivo su di lui. A volte, guardo la foto che ho appeso in stanza dal primo anno di università, quando è avvenuto il mio incontro con Pasolini e mi chiedo (e forse gli chiedo): ma io ti conosco?!

    RispondiElimina

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Designed ByBlogger Templates