Passa ai contenuti principali

Ai miei cari lettori...

Googlando il BHO...BLOG,
questo sito esce come primo risultato.
Il che non so bene cosa significhi, ma mi piace
pensare che questo 'manufatto' che unisce
diversi ingredienti stia crescendo,
dopo anni di ideale gestazione,
per dar appunto vita ad un Sogno
(un sogno che ancora porta un nome piuttosto
comune, vago. BHO, interiezione
che nella nostra vita quotidiana usiamo spesso
per comunicare uno stato di indecisione, incertezza,
indefinitezza. BHO spesso è anche un ponticello che
unisce i pensieri alle parole, sul quale passa il
DISCORSO quotidiano, parlato, vivo...).

Rileggo alcuni post: alcuni meriterrebbero
di essere riproposti. Di essere ri-letti, perchè
ri-leggere è un atto importante per comprendere
meglio i testi, le intenzioni dell'autore,
ma sopratutto noi stessi, noi lettori che siamo
i veri e unici protagonisti della letterattura,
soprattutto in un momento in cui la letteratura
sembra essere un mondo per pochi.

Non voglio pensare che la letteratura sia un
mondo esclusivo, non voglio che sia un privilegio
per pochi, perchè a me la letteratura ha insegnato
tanto e continuerà ad insegnarmi tanto
ed è per questo che credo che la sua funzione
educativa sia una possibilità che dovremmo
tutti sfruttare di più per coltivare la nostra
immaginazione e la nostra conoscenza
e per accrescere la nostra esperienza.

Vorrei che il BHO...BLOG potesse
comunicare quanto di bello e autentico
c'è nel mondo della letteratura e non.
Vorrei poter continuare questo
cammino alto e silvestro
insieme ai lettori vecchi e nuovi,
fedeli o occasionali, conosciuti o
ignoti. E anche con coloro che lasciano
commenti e giudizi firmati o anonimi.

Vi ringrazio pubblicamente
Bho- Bloggers
perchè per un giovane autore
è importantissimo il confronto con lettori veri,
perchè solo attraverso di essi
si mantiene alta la speranza
di non esser solo un foglio scritto
per esser dimenticato in soffitta,
ma piuttosto un messaggio in bottiglia
che sulle onde di un mare virtuale
navighi fino alle vostre coste.

Commenti

  1. Che la bottiglia diventi Mondo, che le intenzioni trascendano in Esperienza, che l'io diventi Tu (montaliano s'intende), che il tuo cuore da pubblicità divenga, Pubblico Interesse.
    Perchè non solo letteratura ma l'esperienza autentica del tuo esser-ci, del tuo esserenelmondo, SIA. Finalmente sia Scelta, finalmente sia sacrificio inteso all'Altro, finalmente Altrove, per ritrovarsi più spaziosi, più grandi.

    Un bacio grande come la mia Grande Speranza fluente tra i grandi raggi dell'orologio meccanico vita.

    RispondiElimina
  2. Great blog!!!
    If you like, come back and visit mine: http://albumdeestampillas.blogspot.com

    Thanks,
    Pablo from Argentina

    RispondiElimina

Posta un commento

Cosa ne pensi? Ti è piaciuto il post? Lascia un commento!

Post popolari in questo blog

10 cose da fare a Milano a Natale 2015

di Manuela Raganati

Quest'anno la nebbia non ci lascia tregua neanche a Sant'Ambrogio e ci ruba tutto il sole e il cielo azzurro. Consoliamoci con un po' di tempo per rilassarci e divertirci! E magari viverci le tradizioni meneghine! Ecco una lista di dieci cose carine da fare nei prossimi giorni a Milano. Se ne avete altre da consigliarmi, scrivetemi qui o sulla mia pagina Facebook dopo ovviamente aver lasciato un Like in dono! A Natale siamo tutti più buoni, vero?


1. Obej Obej: in Piazza Castello, abbandonate ogni speranza, voi che entrate e tuffatevi senza paura nella bolgia del mercatino di Natale per eccellenza: gli Obej Obej! Ne uscirete senz'altro infreddoliti e pieni di regali di Natale per la vostra famiglia! Quest'anno sembra che il vero must della Fiera sia il kitchissimo Mocio Mop... Fino all'8 Dicembre.

2. Alter Bej 2015: per ogni mercatino, c'è un contro-mercatino! Al Cavalcavia Bussa, zona Isola, potrete trovare musica e artisti di strada, ba…

Neve su Tavolara Febbraio 2012

di Manuela Raganati

Ieri mi sono arrivate** ancora numerose fotografie dalla bellissima Sardegna, dopo la copiosa nevicata di domenica. Le più belle, ovviamente, riguardano l'isola che amo da quando sono nata, Tavolara. PER CONTINUARE CLICCA QUI...


Lascia che sia

di Manuela Raganati




Lascia che sia, lascia perdere, lascia andare. E respira...

E' questo che ci dovremmo dire nei momenti in cui tutto sembra andare storto.
Dovremmo ricordarci di queste perle di pura saggezza quando piove e proprio non si vorrebbe uscire, quando i piatti nel lavello sembrano un Everest da scalare, quando la Vita ti chiede di dare sempre di più e tu pensi che nel tuo zainetto di risorse le pillole di energia siano finite.

Lasciamo andare, lasciamo che le cose siano, lasciamo che vadano così come devono andare. Adesso.
Ben presto, riusciremo a vedere il lato positivo di ogni cosa.

Allora prenderemo l'ombrello e ci andremo a fare una bella passeggiata sotto la pioggia battente, magari mano nella mano con la persona amata, poi torneremo a casa e guarderemo il nostro lavello pulito e ripenseremo che ciò che poco prima sembrava una grande scalata, in realtà, era solo un piccolo impegno quotidiano.

E allora cercando meglio nello zainetto, ci renderemo conto che il …