Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2010

461 a.C. Il discorso di Pericle agli Ateniesi, attualissimo!

Qui ad Atene noi facciamo così.
Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi:
e per questo viene chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.
Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti
nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai
i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà,
a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato,
ma non come un atto di privilegio,
come una ricompensa al merito,
e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.
La libertà di cui godiamo si estende
anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi
l’uno dell’altro e non infastidiamo mai
il nostro prossimo se al nostro prossimo
piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace
e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare
qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari
quando attende alle proprie faccende private,
ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari
pe…

Ai miei cari lettori...

Googlando il BHO...BLOG,
questo sito esce come primo risultato.
Il che non so bene cosa significhi, ma mi piace
pensare che questo 'manufatto' che unisce
diversi ingredienti stia crescendo,
dopo anni di ideale gestazione,
per dar appunto vita ad un Sogno
(un sogno che ancora porta un nome piuttosto
comune, vago. BHO, interiezione
che nella nostra vita quotidiana usiamo spesso
per comunicare uno stato di indecisione, incertezza,
indefinitezza. BHO spesso è anche un ponticello che
unisce i pensieri alle parole, sul quale passa il
DISCORSO quotidiano, parlato, vivo...).

Rileggo alcuni post: alcuni meriterrebbero
di essere riproposti. Di essere ri-letti, perchè
ri-leggere è un atto importante per comprendere
meglio i testi, le intenzioni dell'autore,
ma sopratutto noi stessi, noi lettori che siamo
i veri e unici protagonisti della letterattura,
soprattutto in un momento in cui la letteratura
sembra essere un mondo per pochi.

Non voglio pensare che la letteratura sia un
mondo esclusivo, non voglio…

Skeccia: Atelier Teatro @ Cicco Simonetta

L’Associazione Culturale Atelier Teatro organizza
in collaborazione con il Circolo Arci Artemisia Cicco Simonetta

SKECCIA!

La ricetta è semplice:
2/3 di vita, 1/3 di commedia, una fetta di ironia, leggermente speziato.
Da gustare in compagnia e da servirsi freddo o caldo a seconda della stagione.
Vi lascerà in bocca un retrogusto dolce, con un pizzico d’amaro.
Il barman consiglia: sorseggiare lentamente in 20 minuti circa, assaporando ogni fragranza.

AVVERTENZE. Non crea dipendenza ed è possibile assumerne grandi quantità.
È inoltre appurato che fa bene alla pelle e stende i nervi. Ottimo contro l’invecchiamento precoce.
Potrebbero però verificarsi piccole crisi di euforia o momentanee prese di coscienza.
In tal caso consultare l’Associazione.

Artemisia Cicco Simonetta, via Cicco Simonetta, 16 – Zona Navigli.
30 Maggio - 6 Giugno- 13 Giugno - 27 Giugno
h. 18.00

L’ingresso è riservato ai soci Arci, Arcigay, Legambiente, Uisp.

Per maggiori informazioni:
Francesca Papa
atelier teatro@live.it
Cel. 347186819…

Pasolini vive!

Le foto hanno un potere speciale:
rendono le persone immortali
per alcuni istanti, o meglio
rendono eterni alcuni istanti
di una persona.
Davvero una contraddizione in termini,
ma a ben rifletterci,
si tratta proprio di un ossimoro senza tempo.
E quando il soggetto fotografico
si chiama Pier Paolo Pasolini,
che di per sè gode di un'immortalità
letteraria- artistica
che esula da quella delle
fotografie che lo ritraggono,
viene da chiedersi:
ma se n'è mai veramente andato?

La mostra Immagini Corsare in via Senato,12
presso la Biblioteca di Via Senato
propone un percorso di immagini fotografiche
che ritraggono Pasolini in vari momenti
della sua vita: sui set cinematografici,
alle prime dei suoi film, in compagnia delle sue
amatissime attrici e amiche o in momenti
di solitudine studiosa nelle sue varie
abitazioni, cambiate nel corso degli anni
vissuti a Roma.

Sono molte le impressioni che ti lasciano queste
bellissime immagini corsare.
Innanzitutto l'ordine apparente di Pasolini:
sempre curato, pettinato,…

Immergersi nel blu del mare in una milanese giornata uggiosa e grigia.

Può succedere quando capiti in un cinema semi-vuoto,
insieme ad altri carissimi subacquei di vecchia data,
di ritrovarti ad indossare una maschera rossa che,
a ben pensare, guarda caso, assomiglia molto
a quella che usavo io da piccola le prime volte
che ho messo la testa sott'acqua.

L'immersione nel blu avviene così velocemente
che subito ti ritrovi a contatto con un mondo
incredibilmente affascinante, silenzioso e pacifico.
Un mondo sommerso che scopriamo attraverso
il lungo viaggio di una tartaruga marina.

Gli incontri sono sorprendenti, soprattutto
perchè il cinema si trasforma in un grande oceano
nel quale vivono numerose specie ad altissimo rischio
di estinzione, condizione che dopo il recentissimo
disastro petrolifero nel Golfo del Messico,
sarà di certo ben peggiorata!

Iniziamo ad osservare i colori magnifici dei coralli
e delle madrepore spugnose che decorano la barriera
corallina nella quale ben presto, scoviamo cernie e
murene dalle loro tane, accarezziamo anemoni di mare
e popolaz…

La Leggenda Personale ( da L'Alchimista)

"Sono il re di Salem", gli aveva detto il vecchio.
"Perchè mai un re parla con un pastore?" domandò il ragazzo,
pieno di vergogna e stupore. "Per varie ragioni. Ma diciamo
che la più importante è che tu sei stato capace di realizzare
la tua Leggenda Personale". Il ragazzo non sapeva neanche che
cosa fosse la Leggenda Personale.
"E' quello che hai sempre desiderato fare. Tutti, all'inizio
della gioventù, sanno qual'è la propria Leggenda Personale.
In quel periodo della vita tutto è chiaro, tutto è possibile,
e gli uomini non hanno paura di sognare e di desiderare
tutto quello che vorrebbero veder fare nella vita.
Ma poi, man a mano che il tempo passa, una misteriosa forza
comincia a tentare di dimostrare come sia impossibile realizzare
la Leggenda Personale."
(...)"Sono le forze che sembrano negative, ma che in realtà
ti insegnano a realizzare la tua Leggenda Personale.
Preparano il tuo spirito e la tua volontà.
Perchè esiste una grande verità s…

Berlin flashes

Cammino nel Tiergarten,
in un k-way a strisce
bianche e rosa,
è agosto e il cielo è grigio,
l'Italia è assai lontana,
l'Italia è africana.

Reichstag,
verde e bianco.
Richter,
nero rosso giallo...
Ricordi di un'estate berlinese
nera rossa gialla...

G.Richter@ Reichstag

Immigrato per una sera

Fuori piove, ho appena finito di leggere NONOSTANTE MILANO,
una sorta di pamphlet di sapore rosso, regalatomi al Cox.
Una lettura complessa dalle tematiche politiche molto scottanti.
Ripenso alla serata al Leoncavallo quando siamo andati a
festeggiare il compleanno della Stefi con i suoi allievi della
scuola di italiano, ragazzi di ogni età e di ogni provenienza,
immigrati in Italia in cerca di lavoro e di una condizione migliore.

Quanta difficoltà a sentirmi a mio agio in mezzo a persone
così diverse da me per colore e cultura, lingua e stato sociale!
Quante BARRIERE esistono realmente tra noi AUTOCTONI
e loro IMMIGRATI! Sentirsi in minoranza è davvero un'esperienza
amara. Ti senti minacciato?
Più che altro diverso, quasi inutile,
invisibile, quasi un fenomeno da baraccone con tutti
gli occhi addosso o forse nessuno.
Non è per niente facile rapportarsi con persone
diverse da noi, ormai affetti da questa degenerazione politica.
La difficoltà è tangibile:
alcuni di questi ragazzi hanno l'asp…

Le storie

E' bello ascoltare le storie:
quelle degli amici, quelle dei libri, quelle delle favole
e anche quelle che ci detta la nostra immaginazione.

E' rilassante anche se non si ascolta proprio tutto.
La prosa permette di seguire la trama degli eventi,
ascoltando la voce di chi narra,
andando avanti sempre avanti,
in progressione.

Mai fermarsi o soffermarsi troppo su certi elementi
del discorso mentre si ascolta!
Meglio abbandonarsi alla propria immaginazione:
lei sì che lavora incessantemente
senza pretendere troppe ricompense!
E, a volte, è lei che prende la parola
e inizia a raccontare
ciò che l'autore deve umilmente
trascrivere, mentre lei detta,
ispirandolo...

La pioggia di maggio

Maggio inizia con pioggia e vento.
Benissimo, dico io!
Più concentrazione, più tempo per studiare,
meno voglia di partire ed evadere da Milano.

E poi un po' di pioggia fa bene alle radici.
Bisogna pur nutrirli questi parchi!
E poi porta novità che fan sempre bene
a noi esseri pigroni.

La pioggia di maggio è una musica ritmata
che ti fa tenere il passo, quasi un rap...
Non so perchè ma ci sta benissimo oggi!